Crea sito

Pulire e cuocere il granchio

Pulire e cuocere il granchio è importante per realizzare delle buone ricette, il granchio infatti richiede attenzione durante la cottura e la pulizia per estrarre il massimo della polpa che contiene. Una volta cotto il granchio potrai usarlo per tante ricette che lo vedono come ingrediente, ad esempio per un goloso risotto al granchio.

risotto al granchio
  • DifficoltàBassa
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo10 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaBollitura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per 2 persone:

  • 500 ggranchi
  • 3 lacqua

Strumenti:

  • 1 Pentola da 5 l
  • 1 Coltello
  • 1 Tagliere

Preparazione

Prima di cominciare, ecco alcuni consigli in merito a come scegliere i granchi prima dell’acquisto. I granchi migliori sono i maschi, per riconoscerli non dovrete fare altro che girarli sul dorso e controllare l’ala addominale (sembra una piccola coda/pinna ripiegata sullo stomaco del granchio) quelle piccole e a punta sono tipiche dei maschi.
Ultimo consiglio acquista i granchi vivi e consumali in brevissimo tempo, è l’unico modo per essere sicuri che il granchio che stai per cucinare è fresco, la sua carne tende a deteriorarsi velocemente dopo la sua morte.
  1. Sciacqua i granchi sotto acqua fresca del rubinetto, questa semplice operazione dovrebbe anche far si che il crostaceo muoia senza doverlo cucinare ancora vivo.

  2. Metti abbondante acqua a cuocere su fiamma alta e quando bolle cucina i granchi per 5-6 minuti (per granchi delle dimensioni di 500 gr).

    I granchi più piccoli cuociono in 3 minuti, usa come indicatore il colore, quando diventano rossi la cottura è ultimata.

    Lascia raffreddare completamente nell’acqua fino a quando non saranno completamente freddi.

  3. Terminata la cottura, è il momento di dedicarsi alla pulizia dei granchi, questa operazione è più semplice di quello che si possa pensare, per prima cosa togliete le chele, basterà ruotarle nel senso inverso a quello in cui sono indirizzate, un po’ come si fa con delle viti.

  4. Per prelevare la polpa presente nel granchio aiutati con un coltello, dovrai separare lil guscio superiore da quello inferiore. All’interno del granchio troverete le branchie e le interiora che dovrai eliminare. La polpa vera e propria è bianca e friabile, quella tenera e cremosa ha il sapore più intenso.

  5. Hai imparato come pulire e cuocere il granchio non ti resta che raccogliere la polpa in un contenitore e tenetela da parte per le tue ricette. Potrai cucinare ad esempio degli ottimi ravioli al granchio, una zuppa di granchio, delle linguine al granchio o un risotto al granchio.

Consigli per l’impiattamento:

Utilizzate il guscio e la testa per decorare il vostro piatto di pasta, se invece utilizzerete l’astice per un risotto potete utilizzare la testa per decorazione.

Quale vino abbinare:

Una Vernaccia di San Gimignano riserva di  Colore giallo paglierino il profumo è ampio, aristocratico, molto variegato, e il gusto si rivela fragrante, polposo e strutturato così da esaltare le carni saporite del granchio.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento