Panzanella, ricetta tipica toscana

Conoscete la panzanella? La panzanella è un’insalata a base di pane vecchio, pomodoro e cipolle, nella versione classica è presente anche il cetriolo, ma visto che non mi fa impazzire io l’ho sostituito con del sedano. Ecco alcuni consigli per ottenere il meglio da questo piatto che sembra semplice ma è un vero concentrato di gusto! La Panzanella è il piatto ideale se avete voglia di mangiare qualcosa di buono e gustoso senza dover accendere i fornelli.

Panzanella

clock  

Tempo: 20 min.

tempo  

Porzioni: 2

difficolta  

Difficoltà: bassa

porzioni  

Costo: 1 euro persona

Ecco cosa vi serve:

  • 1 ciotola capiente
  • 1 coltello
  • 1 tagliere
  • 1 cucchiaio

Ingredienti per 2 persone:

  • Pomodori maturi di colori e tipi diversi circa 300 gr
  • 1 cipolla rossa (meglio se di Tropea)
  • 1 aceto bianco (suggerisco quello di riso per un gusto più delicato)
  • 1 mazzetto di foglie di basilico
  • 1 cetriolo (o una costa di sedano)
  • 2 fette di pane casereccio toscano raffermo
  • Olio extra vergine d’oliva
  • Sale
  • Pepe

Quale vino abbinare: il classico abbinamento è con un classico chianti toscani per ovvi motivi di tradizione e vicinanza geografica, se cerate un abbinamento più particolare potete optare per un Morellino di Scanzano Doc. L’alternativa in bianco per accompagnare questo piatto è la Vernaccia D’Oristano che con il suo gusto leggere e fruttato esalta il sapore fresco di questo piatto estivo.

La panzanella è un piatto semplice che si compone d’ingredienti poveri della tradizione toscana tipici della stagione estiva, si prepara in anticipo e viene servita fredda.

Basandosi su pochi ingredienti la qualità degli stessi è fondamentale! Iniziamo con i pomodori, devono essere di stagione e maturi (ma non troppo per essere usati per la salsa). Visto che anche l’occhio vuole la sua parte io vi consiglio di utilizzare tipi di pomodoro differenti così avrete un mix di colore nel vostro piatto e un gusto unico. Per la mia panzanella utilizzo queste varianti:

  • Pomodorini datterino
  • Ciliegino gialli
  • Camone sardo nero
  • Perino classico

Veniamo alla preparazione del piatto che è semplicissima! Versate in una ciotola 2 cucchiai di aceto e ½ bicchiere d’acqua, mescolate i liquidi e immergete le fette di pane da entrambe i lati. Il pane deve assorbire il liquido fino ad ammorbidirsi, non si deve sfaldare o diventerà una poltiglia… dovete trovare un equilibrio! Se il pane è molto secco assorbirà molta più liquido se invece è ancora abbastanza umido, l’operazione sarà più facile e veloce.

Adesso passiamo alla cipolla, visto che non ha tutti piace il sapore della cipolla a crudo vi consiglio di utilizzare quella rossa di Tropea, che grazie al sapore più rotondo e delicato risulta meno presente. Altro trucco per rendere il sapore della cipolla più leggero è quello di affettarla e metterla a riposare in acqua in frigorifero per qualche ora… vedrete che il sapore aspro e intenso si sarà ridotto.

Tagliamo i pomodori a quadrati o a spicchi a seconda della dimensione e del tipo di pomodoro che state tagliando. Gli spicchi e i cubetti devono avere le stesse dimensioni del pane… non fateli troppo piccoli o sembrerà un battuto.

Tagliate il sedano a rondelle uniformi da aggiungere al resto degli ingredienti, se le foglie di basilico sono grandi strappatele a pezzetti con le mani, non usate forbici o coltello le rovinerebbero, io utilizzo delle foglie piccole così da poterle lasciare intere.

Uniamo gli ingredienti in una ciotola e mescoliamoli bene con la mano, se vi è avanzato del liquido usato per il pane casereccio potete versarlo sulla panzanella per aggiungere ulteriore sapore.

Aggiustate di sale, pepe e un filo d’olio e mettete a riposare in frigorifero, io lo preparo la sera per il pranzo o la cena del giorno dopo, più gli ingredienti rimangono a contatto e più si mischiano i sapori.

Se volete una versione più saporita provate a strofinare uno spicchio d’aglio sul pane prima di insaporirlo in acqua e aceto… avrete il sapore e il profumo dell’aglio senza doverlo mangiare!

La vostra panzanella è pronta non vi resta che gustarvela!Panzanella

Consigli per l’impiattamento: Potete servire la panzanella come antipasto o come piatto principale in una cena d’estate, secondo il tipo di serata che state organizzando potete servirla in mini ciotole decorate con una foglia di basilico o in una ciotola capiente da cui gli invitati possano servirsi a piacere. durante la permanenza in frigorifero la panzanella potrebbe asciugarsi, unite un filo di olio a crudo così che non sia troppo asciutta.

Cosa ne pensi di questa ricetta? Hai altri consigli o suggerimenti d’aggiungere? Non ti resta che cucinarla e farmi sapere tutti i tuoi commenti!

Se questa ricetta vi è piaciuta non dimenticate di leggere le altre ricette  e mettete “Mi Piace” sulla nostra pagina Facebook per ricevere le ricette che pubblichiamo giornalmente!