Pasta con Fagioli Larghi o Corallo

DSC_1009fAbbiamo voluto fare la Pasta con i Fagioli Larghi o Corallo ed abbiamo notato una certa confusione. Essendo incerti sul nome, noi li abbiamo sempre chiamati “Fagioli Larghi”, ci sembrava un nome impreciso, cercando una denominazione più specifica, ci siamo imbattuti in una disputa tra chi li chiama Taccole e chi invece come noi o “Fagioli Corallo” o “Fagioli Piattoni“. Abbiamo così appreso, e, per quei pochi che non lo sapessero, lo divulghiamo, che c’è un errore di fondo fondamentale, derivante evidentemente dal fatto che entrambi si mangiano del tutto, anche il baccello, però le Taccole sono piselli e gli altri sono fagioli, per precisione e chiarezza i Fagioli Larghi o Piattoni o Corallo sono Phaseolus vulgaris, le Taccole sono invece Pisum sativum. Contenti e felici d’aver contribuito alla convivere pacifico dei detentori delle varie ed assolute verità, passiamo a raccontarvi come noi abbiamo fatto questo piatto, molto soddisfacente e che ci sentiamo di consigliare caldamente.

DSC_0958fPer preparare questo piatto a quattro commensali occorre una oretta circa e ingredienti molto comuni:

  • tre quarti circa di Fagioli Larghi, che siano con superficie vellutata e di un bel verde chiaro, cercando di curvarli, si flettano poco e con sforzo, spezzandosi piuttosto che piegarsi
  • due etti di pasta corta di Grano Duro, noi abbiamo scelto Sedanini rigati
  • una decina di Pomodorini Regina o Fiaschetto, possibilmente di campo o conservati dalla scorsa estate
  • un ciuffo di Basilico fresco o già presente nei Pomodorini conservati
  • due spicchi d’Aglio Fresco, siamo di stagione
  • sei/otto cucchiai di Olio Extra Vergine d’Oliva, ovviamente pugliese
  • quanto basta di Sale grosso e fino per eventuali correzioni

Spuntare i Fagioli Corallo, controllando che non ci sia filo, nel caso toglierlo con la nota tecnica di portar via punta superiore e filo, come nei fagiolini di una volta, che il filo ce l’avevano. lavarli attentamente, potrebbero avere sabbia residua, e tagliarli in due o tre pezzi, secondo i gusti.

Mettere a soffriggere dolcemente l’Aglio nella metà o poco più dell’Olio. Come al solito, consigliamo non molto aglio ma tritato o affettato sottilmente e da lasciare, se foste del partito dell’aglio tolto, vi raccomando di portare a tre gli spicchi e di schiacciarli, senza camicia, altrimenti non mettetene proprio, almeno risparmiate quei soldi, che l’aglio buono costa e ce n’è anche poco, naturalmente scherziamo . . . ma non molto. Quando appena l’aglio accenna a colorirsi, aggiungere i Fagioli Larghi, rimestandoli, far seguire i Pomodorini tagliati a metà, il Basilico ed un bicchiere d’acqua, salare opportunamente. Saranno pronti tra una mezz’oretta di cottura a fuoco basso e coperti. Scolata la pasta aggiungerla ai fagioli appena un po’ lunghi di condimento, la rimestata sul fuoco con la pasta porterà alla giusta consistenza desiderata. Un assaggio, un filo d’olio ed in tavola.

DSC_1001f

Seguiteci anche su Facebook, cliccando qui andrete alla nostra pagina, se è il caso, date un “Mi Piace”

INDICE FOTOGRAFICO di tutti gli articoli pubblicati

Precedente Pulizia e Apertura delle Cozze Nere & C. Successivo Rascatelli di Mischiglio con Ragù di Coniglio, Pezzente, Rafano e Peperone Crusco