STRUFFOLI NAPOLETANI

Favolosi: struffoli napoletani, il dolce di Natale per eccellenza più conosciuto e amato al mondo! Gli struffoli sono uno dei dolci tipici natalizi partenopei, ormai da Napoli sono diffusi ovunque per la loro fama: si tratta di golose palline di pasta fritta poi tuffate in un caramello di miele, frutta candita e confettini colorati! Tradizione vuole che a Natale, in ogni famiglia, si preparino grandi quantitativi di struffoli: da gustare durante le festività natalizie, per il pranzo di Natale o il cenone della Vigilia e Capodanno, ma anche da impacchettare e regalare come simbolo di dono e abbondanza, magari assieme ai biscotti di Natale da regalare!

Un dolce natalizio che affonda le sue origine in epoche antiche, una ricetta che si tramanda di generazione in generazione, tipicamente di famiglia o ereditate da antichi pasticceri come la ricetta originale degli struffoli napoletani che ho ereditato da mia mamma e sua volta dalla nonna Maria: gli struffoli sono realizzati con un impasto molto simile alla pasta frolla ma più morbido, a base di farina di grano tenero, burro, uova, zucchero, liquore all’anice o anche Strega, e per finire miele che dona quel colore ambrato alle palline di pasta fritte e dorate.

La ricetta originale antica degli struffoli prevedeva l’uso dello strutto che anticamente era molto più diffuso nella cucina quotidiana, oggigiorno viene sostituito da burro fuso oppure olio di semi a seconda della ricetta di famiglia: infatti, quella che vi regalo oggi è la ricetta degli struffoli senza burro. Allo stesso modo il lievito non era presente nella ricetta, in questa ricetta troverete l’aggiunta di un pizzico di lievito che renderà gli struffoli morbidi ma ugualmente croccanti e frangranti. Oggigiorno potrete preparare tante varianti di struffoli come gli struffoli al forno, gli struffoli al cioccolato.

Il nome struffoli sembrerebbe infatti significare “strofinare” probabilmente richiama il gesto che si suole fare per arrotolare tra i palmi delle mani i pezzetti di impasto per formare delle palline da friggere o ancora potrebbe derivare dal greco “stróngylos” e significare “forma tondeggiante” che riprende proprio la forma dello struffolo. Tuttavia, gli struffoli sono così diffusi che oramai vengono chiamati con il nome locale in cui si preparano: in Puglia li troviamo come “cicerchiata” o “purcedduzzi” o ancora “sannacchiudere” mentre in Sardegna “giggeri” ma diciamo che è il dolce di Natale più amato di sempre, si può preparare con largo anticipo, anche settimane prima!

Gli struffoli napoletani possono essere disposti sul vassoio o piatto da portata in diverse forme: a corona, ovvero a mo’ di anello, a montagna o in un croccante di mandorle a forma di cono come il caso della cornucopia alle mandorle con struffoli che è letteralmente il simbolo dell’abbondanza, oppure dando le forme che più si preferiscono grazie alla dimensione piccina degli struffoli.

Se non amate la frittura o avete problemi alimentare, potrete preparare gli struffoli in friggitrice ad aria, che sono altrettanto buoni tanto buoni come quelli fritti, oppure gli struffoli al forno.

Ora non vi resta che leggere la ricetta degli struffoli di Natale napoletani, fatemi sapere se vi sono piaciuti. Alla prossima, Ivana.

Seguimi su YouTube per tutte le videoricette
Seguimi su TikTok per le videoricette veloci
Seguimi su Pinterest per trovare facilmente le ricette

struffoli napoletani ricetta originale-9853
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione45 Minuti
  • Tempo di cottura40 Minuti
  • Porzioni1 kg Struffoli
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Con queste dosi otterrete circa 1kg di struffoli.

Struffoli Napoletani

  • 300 gfarina 00
  • 3uova
  • 30 gzucchero semolato
  • 60 mlliquore all’anice (o altro liquore tipo Strega)
  • 60 mlolio di semi di girasole (per l’impasto)
  • 1/2 cucchiainolievito in polvere per dolci
  • 1 bustinavanillina
  • 1 pizzicosale

Per Condire

  • 200 gmiele millefiori
  • 100 gcanditi
  • 100 gconfettini colorati
  • 30 gburro

Per Friggere

  • 1/2 lolio di semi di girasole (per friggere)

Preparazione

Sono facilissimi e veloci!

COME FARE GLI STRUFFOLI NAPOLETANI

  1. Preparate l’impasto per struffoli: potrete procedere a mano, sulla spianatoia oppure in planetaria.

    Mettete la farina in una ciotola miscelandola con zucchero, lievito in polvere e vanillina, al centro aggiungete tutti gli altri ingredienti partendo dalle uova intere, poi olio di semi e dal liquore.

  2. Formate un impasto morbido ed omogeneo facilmente lavorabile a mano.

    Dividete l’impasto in pezzetti con un tarocco poi stendete con i palmi delle mani ogni pezzetto formando un cordoncino di diametro di circa mezzo centimetro.

    Staccate dei quadratini e rotolati uno ad uno tra i palmi delle mani, formando delle palline.

    Procedete alla cottura degli struffoli.

COME FRIGGERE GLI STRUFFOLI NAPOLETANI

  1. struffoli napoletani dolci di natale passo passo 2

    Potrete usare un pentolino dai bordi alti piuttosto piccolo, circa 16 cm di diametro così da cuocerne pochi alla volta, oppure un tegame con cestello per la frittura al suo interno: in questo modo verranno sgocciolati meglio.

    Fate scaldare bene l’olio, facendo la prova: versate nell’olio un pezzetto di impasto e se torna a galla è pronto, altrimenti se resta sul fondo è ancora freddo.

  2. Friggete gli struffoli pochi alla volta così da evitare che si sovrappongano e non cuociano in maniera uniforme ma anche evitare la formazione di eccessiva schiuma che è dovuta alla presenza della farina: in caso si formi schiuma, potrete toglierla in superficie usando una schiumarola.

    Se avrete grandi quantitativi di struffoli da friggere, consiglio di cambiare l’olio più volte sopratutto se userete un tegame per la frittura piccolo.

    Scolate bene gli struffoli prima di adagiarli su carta assorbente: saranno pronti quando saranno dorati ma non eccessivamente ambrati. Mi raccomando, cambiate spesso carta assorbente altrimenti non assorbirà più!

COME CUOCERE GLI STRUFFOLI SENZA FRIGGERE

  1. Potrete cuocere gli struffoli in friggitrice ad aria oppure provare la cottura degli struffoli al forno.

    Dopo la cottura, procedete a condire gli struffoli con le seguenti indicazioni.

COME CONDIRE GLI STRUFFOLI CON MIELE

  1. struffoli napoletani dolci di natale passo passo 2

    Fate scaldare il miele con il burro in un tegame capiente, che possa contenerli tutti e girarli facilmente altrimenti procedete in più step.

    Appena sarà ambrato, unite gli struffoli e mescolate velocemente per condirli tutti in maniera uniforme.

    Spegnete il piano cottura ed aggiungete confettini e frutta candita. Per facilitare la preparazione, potrete trasferire tutto in una ciotola più capiente.

COME SERVIRE GLI STRUFFOLI

  1. Potrete mettere gli struffoli in un vassoio o piatto natalizio, disponendoli a fontana o montagna oppure a corona, formando un anello.

    In alternativa potrete preparare il croccante alle mandorle e dar la forma di una cornucopia, al cui interno mettere gli struffoli.

CONSIGLI

Gli struffoli napoletani possono essere preparati anche settimane prima: il consiglio è di condirli pochi giorni prima di servirli così che il miele resti sempre lucido.

In alternativa all’olio di semi, la ricetta antica prevedeva l’uso di strutto piano piano sostituito dal burro in tempi più moderni: potrete usare burro fuso o strutto in pari quantità dell’olio di semi previsto nella ricetta.

Se non piacciono i canditi potrete usare solo confettini colorati, in aggiunta potrete usare gocce di cioccolato aggiungendoli dopo che si saranno raffreddati per evitare che si sciolgano, così come anche frutta secca in granella.

Il liquore perfetto per gli struffoli è un liquore all’anice facilmente sostituibile con liquore Strega o rum.

ASPETTA! PROVA ANCHE..

Se ti sono piaciuti gli struffoli potrebbero piacerti anche altri dolci natalizi come il PANPEPATO o il PANDOLCE GENOVESE o scegliere tra tantissimi DOLCI DI NATALE

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.