Crea sito

Rosoline rosolacce paparina pevarel RICETTE

Rosoline rosolacce paparina Ortaggi che passione by Sara

Rosoline rosolacce paparina pevarel… sono solo alcuni nomi per indicare la pianta basale del papavero selvatico. Le rosoline crescono come infestante dei cereali nei campi e ai margini delle strade. Le foglie vanno raccolte prima della fioritura, quando sono piccole e tenere e si presentano a rosetta. Si raccolgono i piccoli cespi, si privano delle radici e si lavano per bene.

Rosoline rosolacce paparina Ortaggi che passione by Sara

Rosoline rosolacce paparina

 

STAGIONALITA’  da gennaio a marzo

La parte più impegnativa è quella di curarle: tagliare la radice, eliminare le foglie rovinate e lavarle bene per togliere tutta la terra.

Il loro volume si riduce parecchio cuocendole.

RICETTE

Possono essere consumate in zuppe, risotti, torte salate, saltate in padella o cotte come gli spinaci. Il sapore è delicato e dolce.

Crude

Usare le foglie più tenere crude in insalate miste.

Cottura semplice in padella

In una pentola alta scaldare poco olio extravergine d’oliva con l’aglio, quando sfrigolerà versare le rosoline scolate grossolanamente e coprire con il coperchio, cuocere a fuoco lento. Salare ed asciugare.

Lessare  (il loro volume in cottura si riduce parecchio)

Cuocere in pentola a pressione per qualche minuto.

Oppure in un capiente tegame con un filo d’acqua per circa 5 minuti, schiacciarle verso il fondo della padella con un mestolo mano a mano che si ammorbidiscono. Scolarle bene e tagliuzzarle. Servire con un filo d’olio extra vergine d’oliva a crudo.

Ricetta saporita

Soffriggere della pancetta o del lardo a pezzettini con aglio, capperi e olive. Aggiungere le rosolacce e dei pomodori pelati. Abbassare la fiamma e fare cuocere per circa dieci minuti. A fine cottura si possono aggiungere dei fagioli cannellini già cotti e farli insaporire.

Torta salata

  • 1 base per torte salate (pasta brisèe o sfoglia o questa QUI)
  • 500 g di rosoline già cotte
  • 100 g di prosciutto cotto
  • 100 g di Squacquerone
  • 1 cucchiaio di semi di girasole tostati (facoltativo)

Cuocere le paparine. Rivestire uno stampo con la carta forno e porci dentro la pasta brisèe. Bucherellarne tutto il fondo con i rebbi di una forchetta. Coprire bene il fondo con le fette di prosciutto cotto, metterci sopra le rosoline e se necessario salare. Cospargere su tutta la superficie il formaggio liquido e sopra una manciata di semi di girasole. Chiudere i bordi della pasta all’interno e cuocere in forno statico già caldo a 180° per circa 30 minuti.

 

.

Per restare informato sulle ultime ricette di ORTAGGI che PASSIONE seguimi su FACEBOOK o su INSTAGRAM o su TWITTER

Copyright © Ortaggi che passione by Sara

Pubblicato da Sara Grissino

Cuoca green, seguo la stagionalità degli alimenti nella preparazione dei miei piatti. Amo conoscere, sperimentare in cucina i prodotti della campagna e non solo. Solare, mi piace stare in mezzo alla gente, condividere emozioni ed imparare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2013 - 2019 all rights reserved - ORTAGGI CHE PASSIONE by Sara