Crea sito
Miglio, quinoa e Teff: cereali alternativi al sapore di semi oleosi

Miglio, quinoa e Teff: cereali alternativi al sapore di semi oleosi

Cereali alternativi?

Insieme a quelle a lattosio, glutine e grano, quella alla frutta secca è tra le più comuni forme di intolleranze alimentari.

Arachidi, noci, nocciole, mandorle, e chi più ne ha più ne metta insomma!

La frutta secca tanto amata dagli sportivi per il suo alto contenuto di omega, proteine (come nel caso delle arachidi) e acido oleico è altrettanto temuta da tutti colori che sono allergici e/o intolleranti a questo alimento.

Eppure nel rispetto di un’alimentazione equilibrata e varia la frutta secca è vista come lo snack ideale per recuperare in fretta energie, fornendo all’organismo il giusto apporto di grassi insaturi (cosiddetti “buoni”) e oli vegetali di cui abbisogna.

Come fare quindi quando un alimento così importante deve per forza essere escluso dalla propria dieta?

Quali alternative esistono alla nostra (mia in modo particolare :P) tanto amata frutta secca?

 

Ormai la mia mission la conoscete bene:

Alla costante ricerca di alternative al grano, cerco e ricerco quei cereali alternativi in grado di darmi il più alto quantitativo di nutrienti, ma con cui poter rivisitare tutti quei piatti tradizionalmente a base di frumento.

 

Avena, riso, grano saraceno e mais sono i cereali più facilmente reperibili sotto forma di farina, e quindi che tutti useranno nel quotidiano.

Dal gusto più delicato e dai valori nutrizionali differenti, questi cereali sono senz’altro dei validi sostitutivi del frumento.

Ma, ahimè, quando avrete voglia di aggiungere ai vostri piatti quella nota legnosa e avvolgente di cui solo la frutta secca è ricca, ecco che in molti dovrete fare i conti con la vostra allergia a noci e nocciole…

Esistono davvero dei cereali alternativi in grado di emulare il gusto di una manciata di semi oleosi?

 

Questo articolo ha la risposta: CERTO CHE Sì!

 

Durante uno dei miei tanti esperimenti alla ricerca dell’alternativa perfetta alla farina di frumento scopro che alcuni cereali, spesso previa leggera tostatura, assumono il gusto della tanto amata quanto temuta frutta secca.

Quinoa, Teff e miglio sono infatti i cereali alternativi adatti a tutti gli allergici o intolleranti, sia al glutine sia alla frutta secca!

Fonte di nutrienti e dall’inconfondibile gusto legnoso, questi cereali alternativi sono ottimi sostituti non solo del frumento ma anche di quei semi oleosi che sono sempre più spesso causa di allergie e/o intolleranze.

Cereali alternativi: le farine gluten free al sapore di semi oleosi per gli allergici alla frutta secca

Immagine realizzata da ©Valentina Graziuso instagram.com/letsbevale/

Quinoa

Ricco di proteine vegetali (24 gr per 100 gr di quinoa) questo piccolo seme tondeggiante di colorazione varia (bianca, ambrata o rossastra) può essere tostato in casa senza troppa fatica.

Basterà scaldare una padella e versarci dentro i semi. Attendere un minuto e non appena i semi inizieranno a sfrigolare spegnere il tutto e lasciarli freddare nella stessa padella.

Una volta freddi i semi di quinoa possono essere frullati per ottenere una farina molto fine che avrà lo stesso sapore nientepopodimeno che delle ARACHIDI, uno dei semi causa di molteplici intolleranze e allergie.

A differenza della farina di quinoa, leggermente amarostica e più adatta a ricette salate come quella della Piadapizza gluten free & proteica, la farina che si ottiene frullando i semi di quinoa tostati avrà un sapore più dolce e delicato, ottimo per preparazioni di pani o piade dolci da guarnire con creme o conserve.

Utilizzando la quinoa tostata e frullata in casa sarà dunque possibile gustare un piatto al sapore di arachidi senza nemmeno usarle!

 

Teff

Cereale tipico africano che cresce specialmente in Eritrea ed Etiopia, i semi di Teff sono piccoli e quasi impalpabili. La sua carica proteica (12 gr per 100 di Teff) lo rende un cereale non solo naturalmente e assolutamente privo di glutine, ma anche nutriente e ricco di proteine vegetali.

Disponibile nelle colorazioni ambrata e bianca, il Teff è quel cereale che amo definire “noccioloso.”  Ideale per la preparazione di dolci, basterà utilizzare della farina di Teff rosso per ottenere un impasto per biscotti (come quello di questi romantici e nutrientissimi) che sembrerà contenere miriadi di nocciole!

Il gusto tostato rende perciò il Teff un’alternativa valida e super nutriente al frumento, ma anche un cereale che, grazie al suo sapore, da l’impressione di addentare del croccante alle nocciole.

 

Miglio

Come il Teff il miglio è un cereale proteico (11 gr per 100 gr di semi) che non necessita certo di tostatura per ricordare, col suo aroma legnoso e leggermente amaro, il gusto delle noci.

Acquistabile sotto forma di cereale al supermercato o nei negozi biologici, potrete frullarne i semi per ottenere una farina di un giallo paglierino ottima per piatti dolci o salati.

Qualche idea?

Prendete pure spunto da questi nachos di miglio con cui ho accompagnato un coloratissimo Hummus di ceci e barbabietole per utilizzare la vostra farina di miglio fatta in casa per antipasti, snack salati, o per colazioni dolcissime e golose!

 

Con questo breve excursus non voglio certo dire che essere allergici o intolleranti alla frutta secca non sarà più un problema.

Quella delle allergie è una realtà seria, concreta e, purtroppo, in rapida crescita. La realtà nella quale viviamo si mostra fortunatamente ogni giorno più sensibile ma, ahimè, mai abbastanza.

Come mi avrete sentito spesso dire e scrivere, il problema più grande si presenta al momento di una cena con amici, un pranzo di lavoro, una gita fuori porta… Per una persona allergica e/o intollerante vivere e mangiare fuori casa rappresenta una vera e propria sfida. Una sfida contro una realtà non ancora sufficientemente sensibilizzata e attenta al problema che queste intolleranze rappresentano.

Nonostante sia perciò difficile convivere con un’intolleranza o allergia (quella ai semi oleosi in primis) e trovare aiuto fuori dalla propria cucina, questo articolo mira a risvegliare la sensibilità e LA CREATIVITÀ di tutti gli affamati avventori di questo spazio fit & senza grano.

Perché continuare a cercare delle alternative valide anche per chi non può mangiare grano, glutine o frutta secca significa iniziare a vivere con meno ansie e più positività.

Meno paure e più certezze.

Perché, sapete, io sono fiduciosa: il cambiamento che nasce davanti ai nostri fornelli travolgerà presto le cucine del mondo.

 

#thestrongerthehungrier