Crepes vegane con farina di ceci

Devo confessare che avevo provato a fare le crepes vegane con la farina di ceci in passato ma non mi erano venute bene: restavano farinose e si attaccavano alla padella. Poi nel mio gruppo su Facebook ho visto una ricetta postata da una mia cara lettrice, Katia, che aveva preparato delle cecine. La cosa mi ha incuriosito e ho letto con attenzione come aveva fatto a farle. Avrò fatto la scoperta dell’acqua calda, ma ho capito il mio errore: non avevo fatto riposare l’impasto… Una volta corretto l’errore mi sono venute fuori non delle cecine ma delle crepes, visto che io ho preferito allargare bene la pastella nella padella.

Crepes vegane, Mangia senza Pancia

Belle vero? Sono venute benissimo, morbide, proprio come delle crepes fatte con le uova, per nulla farinose e con un sapore delicato che le rende perfette per realizzare ricette dolci o salate. E poi sono così semplici da preparare, veramente un gioco da ragazzi…

Crepes vegane, Mangia senza Pancia

E non serve molto: solo farina di ceci, acqua, pizzico di sale e un pochino di olio. Una buona padella antiaderente e via. Con queste dosi vengono 8 crepes non grandissime, di circa 16 cm di diametro e 1,5 punti Weight Watchers l’una: andiamo subito a vedere come le ho preparate e grazie ancora a Katia per la ricetta!

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di riposo8 Ore
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni8
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaSalutare

Ingredienti

200 ml acqua
1 pizzico sale
10 ml olio extravergine d’oliva (2 cucchiaini dosatori)

Punti Weight Watchers Propoints

Punti totali = 12 punti WW
Punti per 1 crepe = 1,5 punti WW

Passaggi

Ti consiglio di fare la pastella per le crepes vegane di sera così già al mattino potrai cuocerle: la pastella deve riposare per qualche ora. Inizia misurando l’acqua nella ciotola: ricorda che 200 ml di acqua è uguale a 200 g. Metti poi un pizzichino di sale (anche se le crepes sono per realizzare ricette dolci, fidati) e mescola con la frusta per farlo sciogliere un po’.

Aggiungi poi la farina di ceci poco alla volta facendola passare per un colino, così da setacciarla. Puoi anche omettere questo passaggio, io lo faccio perché ho sempre paura che vengano dei grumi.

Una volta ottenuto una pastella abbastanza liquida e senza grumi, copri la ciotola e lascia anche fuori frigo per tutta la notte. Questo è un passaggio importantissimo: come spiegavo a inizio ricetta, in passato non ho fatto riposare la pastella e le crepes vegane non mi erano mai venute bene.

Il giorno dopo aggiungi 2 cucchiaini di olio alla pastella e frusta di nuovo per amalgamare bene. Anche 1 solo cucchiaino di olio è sufficiente, ma non cambia molto in termini di punti WW.

Crepes vegane, Mangia senza Pancia

Fai poi riscaldare benissimo una padella da 20 cm antiaderente. Io uso questa: la Ballarini Cortina Granitium, ma tu puoi usarne una qualsiasi basta che sia veramente antiaderente. La mia ha un cerchietto sul manico che diventa rosso quando la padella è riscaldata, una cosa che trovo molto utile.

Versa un mestolino di pastella al centro della padella e velocemente ruota la padella in modo da ricoprire tutto il fondo. Abbassa la fiamma un poco e attendi che cuocia sotto.

Crepes vegane, Mangia senza Pancia

Quando girarla? Te ne accorgerai perché se provi a staccare la crepe dai bordi della padella con una spatola di silicone, deve risultare molto semplice senza dover forzare. Non insistere troppo e sii paziente: non si attaccheranno anche se la padella non è stata unta. Ovviamente questo se l’antiaderente è di buona qualità… La prima crepe è sempre la più difficile, le altre poi si cuociono molto più facilmente.

Dunque fai cuocere la crepe sui due lati fino a quando non la vedi leggermente dorata e poi ponila su un piatto. Io uso un foglio di carta cucina sotto così da assorbire l’umidità.

Ripeti questa operazione per tutte le crepes.

Crepes vegane, Mangia senza Pancia

Una volta che le crepes vegane sono tutte cotte puoi direttamente passare alla farcitura oppure conservarle fuori frigo per una giornata (io le ho tenute in forno spento) o anche surgelarle, ma separale con un po’ di carta forno, così potrai facilmente staccarle.

Crepes vegane, Mangia senza Pancia

Belle vero queste crepes vegane fatte con la farina di ceci? Sono rimasta tanto sorpresa: restano morbide quindi perfette da farcire e arrotolare o piegare. Io subito ne ho preparata una con del quark vegano che trovo qui in Olanda e delle fettine di banana: deliziosa!

Crepes vegane, Mangia senza Pancia

E poi ho preparato una ricetta salata che ti farò vedere a breve. Ti anticipo che sarà perfetta per la tavola di Pasqua e che è preparata con gli asparagi! Buonissima veramente.

Qui ci siamo deliziati, anche l’olandese ha approvato, il che è sempre buon segno visto che non abbiamo sempre gli stessi gusti. Fammi sapere se le prepari, lasciami un commento qui sotto o su Facebook, più in basso trovi il link al mio gruppo, il Club di Mangia senza Pancia.

Enjoy!

by Giovanna Buono

Suggerimenti

Se proprio ti viene difficile cuocere queste crepes vegane perché si attaccano alla padella, metti nella pastella solo 1 cucchiaino di olio. Poi prima di iniziare a cuocerle, metti il secondo cucchiaino di olio in un piattino e spennella la padella prima di cuocere ogni crepe. Così i punti WW non cambieranno!

Katia ha realizzato in questo modo le cecine ovvero un po’ più tipo pancake ma con lo stesso impasto. Basterà non far scivolare la pastella fino ai bordi della padella! Sicuramente proverò a fare anche queste cecine…

Per tutte le ricette delle mie crepes ecco qui l’intera raccolta del mio blog: Pancakes e crepes light.


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.

4,7 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.