Crea sito

Coniglio in salmi

Coniglio in salmi

Coniglio in salmi

Preparazione: 20 minuti (più 24 ore di marinatura del coniglio) Cottura: 1 ora

Tenero e dalla carne delicata, il coniglio si presta a tantissime preparazioni: oltre al sapore assai gradevole, è anche estremamente digeribile, ricco di proteine e sali minerali tra cui il ferro e povera di grassi e colesterolo. Le razze di carne più apprezzate provengono dalla Francia, ma ultimamente anche nel Veneto l’allevamento è in fase di grande sviluppo. A me la carne piace moltissimo, la tipologia di preparazione che in assoluto preferisco è il coniglio in salmi. Saporitissimo, tenero, lo trovo perfetto anche quando ho ospiti a cena con i quali voglio fare bella figura. L’ultima volta che l’ho preparo, ho stappato un’ottima Barbera d’Alba. Matrimonio perfetto!!!
Ma ora guardiamo assieme come preparare il coniglio in salmi, vedrete quanto è facile!

Ingredienti (per 4 persone):
– 1 coniglio giù pulito e tagliato a pezzi

– 2 spicchi di aglio

– 1 foglia di alloro

– 1 foglia di salvia

– 1 costa di sedano

– 1 rametto di rosmarino

– 3 chiodi di garofano

– 1 mazzetto di basilico

– 0,75 dl di vino rosso

– 2 carote

– 2 cucchiai di farina

– 3 cucchiai di olio extravergine di oliva

– 4 grani di pepe

– 1 pezzetto di cannella

– 2 rametti di timo

– 2 cipolle

– 1 mazzetto di prezzemolo

– sale e pepe q.b.

Preparazione:
Per preparare il coniglio in salmi, mettete innanzitutto il coniglio in una terrina con 1 cipolla lavata e affettata, l’aglio schiacciato, le erbe lavate e asciugate, il sedano e le carote mondati e affettati, la cannella, i chiodi di garofano, i grani di pepe e un pizzico di sale; coprite con il vino e lasciate marinare per 24 ore.
Trascorso il tempo suddetto, sgocciolate i pezzi di coniglio, tenendo da parte il fegato, asciugateli e infarinateli.
Fate appassire la cipolla rimasta, lavata e tritata, in un tegame con l’olio; unite il coniglio e fatelo dorare, poi aggiungete le verdure della marinata sgocciolate e rosolatele per 3 minuti.
Versate il resto della marinata e cuocete, a tegame coperto, per 50 minuti; 15 minuti prima del termine unite il fegato tenuto da parte, pepate e, se serve, salate.
Sgocciolate i pezzi di coniglio e teneteli in caldo; eliminate l’alloro e passate le verdure (e, a piacere, anche il fegato) al passaverdure. Personalmente io ne passo metà e tengo un po’ di verdure a pezzetti in modo da dare colore al piatto.
Raccogliete la parte passata al passaverdura nel tegame di cottura, fatelo restringere e unite poi i pezzi di coniglio.
Fate scaldare il coniglio in salmi e servitelo in tavola, magari accompagnato a una bella insalata o a delle fettine di polenta abbrustolita.
La ricetta proviene da un volume dell’Enciclopedia della cucina italiana.

Clicca mi piace alla mia pagina facebook cliccando QUI e non perderai nessuna ricetta

Coniglio in salmi

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.