Pappardelle zucca e speck

Pappardelle zucca e speck per un primo piatto autunnale che conquista tutti. La pasta con zucca e speck si prepara con poco più di tre semplici ingredienti. Una perfetta armonia di sapori che rendono il piatto raffinato e appetitoso. Le pappardelle zucca e speck sono ghiotte e invitanti se preparare a regola d’arte, vediamo insieme come procedere e vi spiego anche come conservare la zucca.

Pappardelle zucca e speck ricetta il mio saper fare
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • 500 g Zucca gialla
  • 350 g Pappardelle all’uovo
  • 150 g speck a fette
  • 4 cucchiai Olio extravergine d’oliva
  • mezza cipolla
  • q.b. Parmigiano reggiano
  • q.b. Sale
  • q.b. Pepe

Preparazione

  1. Pappardelle zucca e speck ricetta il mio saper fare

    Procedimento dettagliato per la ricetta delle pappardelle zucca e speck:

    Tagliare a fette di circa 2 cm la zucca, sbucciarla e dividerla in tocchetti di media grandezza.

    Tagliare le fette di speck a listarelle.

    In un tegame versare l’olio, far imbiondire la cipolla affetta sottile e unire lo speck. Far rosolare per qualche secondo a fuoco vivo e aggiungere la zucca.

    Continuare la cottura per circa 15 minuti a fuoco basso mescolando spesso, regolare di sale e pepe e aggiungere qualche cucchiaio di acqua se dovesse necessitare. La zucca dovrà risultare cotta ma allo stesso tempo soda e compatta.

    Lessare le pappardelle in abbondante acqua salata rispettando i tempi si cottura riportati sulla confezione.

    Scolare la pasta, rimetterla in pentola, unire più della metà del condimento, saltare a fuoco vivo e cospargere una manciata di parmigiano reggiano.

    Impiattare, distribuire il condimento tenuto da parte e servire subito.

  2. Come conservare la zucca: va sistemata nello scompartimento delle verdure del frigo, coperta con pellicola trasparente e consumata entro 3 giorni.

    Si può congelare cruda già sbucciata, tagliata a fette o dadini e porzionata utilizzando i sacchetti del gelo. Al  bisogna andrà utilizzata SENZA scongelarla prima. Oppure va sbollentata per qualche minuto, ben sgocciolata e una volta fredda riposta nei sacchetti  del gelo e congelata.

    Le zucche intere non aperte vanno sistemare in ambienti asciutti, ben ventilati e al buio. I semi, dopo averli lavati, si possono essiccare e seminare a maggio.

Note

Seguitemi anche su FACEBOOK  per essere così sempre aggiornati sulle mie nuove ricette e restare in contatto con me. Allora cliccate QUI e poi mettete MI PIACE.

Precedente Zucca al forno gratinata Successivo Pappardelle cremose ai funghi porcini

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.