Pane a lunga lievitazione- Con 1 grammo di lievito

Il pane a lunga lievitazione con solamente 1 grammo di lievito è una ricetta molto semplice per realizzare in casa un pane molto leggero, croccante e davvero buono.
L’unica accortezza è la lunga lievitazione, ma basta impastare la sera e lasciarlo lievitare tutta la notte, oppure impastarlo la mattina e cuocerlo la sera tanto non dobbiamo fare niente, fa tutto da solo!!!
Seguimi in cucina e mani in pasta!!!

pane a lunga lievitazione
  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di riposo12 Ore
  • Tempo di cottura55 Minuti
  • Porzioni 1 pagnotta di circa 700 g
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gFarina 0 (meglio se biologica e di grano 100% italiano)
  • 1 gLievito di birra fresco (1 grammo di lievito di birra secco)
  • 2 cucchiaiOlio extravergine d’oliva (10 g circa)
  • 1 cucchiainoSale (5 grammi circa)
  • 300 gAcqua tiepida

Preparazione

  1. pane a lunga lievitazione

    Vediamo insieme come si prepara il pane a lunga lievitazione con 1 grammo di lievito solamente.

    La lievitazione di questo pane è all’incirca di 12 ore senza contare però il giro di pieghe ripetuto 3 volte ogni 30 minuti ma andiamo per ordine così ti spiego tutto per bene e alla fine otterrai un pane davvero buono e leggero.

    Io ho impastato la sera verso le ore 20 e dopo i giri di pieghe che, ti spiegherò più avanti, ho messo a lievitare il pane alle 21.30 e poi l’ho infornato la mattina seguente alle 9.30. Quindi puoi farlo anche di mattina presto e cuocerlo la sera, calcola bene i tempi e organizzati come ti è più comodo! Io preferisco impastarlo di sera così poi la mattina lo inforno e per pranzo ho il pane super fresco!!!!

    Iniziamo ad impastare!

    In una ciotola versa la farina e al centro metti 1 grammo di lievito di birra fresco. Se usi quello secco in teoria ce ne andrebbe meno di un grammo ma mi rendo conto che non è semplice pesarne meno.

    Inizia ora ad aggiungere l’acqua tiepida, un po’ alla volta per dar tempo alla farina di assorbirla, impasta con le mani e aggiungi anche i due cucchiai di olio extravergine di oliva, continua ad impastare cercando di raccogliere anche la farina che può essere rimasta sul fondo della ciotola e trasferisci l’impasto del pane a lunga lievitazione sulla spianatoia ben infarinata e inizia ad impastare lavorando bene l’impasto per qualche minuto.

    Ora delicatamente allarga l’impasto e aggiungi il cucchiaino di sale, circa 5 grammi, richiudi l’impasto su se stesso e continua ad impastare per almeno 10 minuti, lavorando l’impasto in modo da ottenere un panetto elastico, morbido che non si attacca alle mani e liscio.

    Forma una palla e ungila con un filo di olio extravergine di oliva, ponila in una ciotola infarinata e copri con la pellicola alimentare e un canovaccio e lascia riposare per 30 minuti.

    Trascorsi i 30 minuti, togli la pellicola e lasciando l’impasto nella ciotola effettui un giro di pieghe. Ma in cosa consiste esattamente?

    È una procedura molto semplice, che serve a far inglobare aria all’impasto in modo da formare bolle che in cottura si trasformeranno in quei bellissimi buchi nel pane.

    Prendi un lembo di pasta e lo porti al centro e fai così per tutto il perimetro dell’impasto finché non effettui un giro e tutto l’impasto è stato ripiegato in dentro. Copri con la pellicola e lascia riposare di nuovo per 30 minuti e ripeti l’operazione per 3 volte ogni 30 minuti.

    Dopo aver effettuato l’ultimo giro di pieghe, ungi con un filo di olio extravergine di oliva e copri di nuovo con la pellicola, sopra la pellicola adagia uno strofinaccio e lascia lievitare per 12 ore, in un luogo a riparo dalle correnti d’aria e dagli sbalzi di temperatura.

    Trascorse le 12 ore, accendi il forno statico a 220° gradi con all’interno una teglia con un pentolino con l’acqua.

    Nel frattempo che il forno arriva a temperatura, riprendi l’impasto del pane a lunga lievitazione e delicatamente lo rovesci sulla spianatoia leggermente infarinata, lo allarghi con le nocche delle mani ma senza premere troppo per evitare di rompere le bollicine all’interno dell’impasto.

    Allargalo come a formare un rettangolo e prendi il lato destro e lo ripieghi al centro dell’impasto, poi il lato sinistro e poi chiudi l’impasto come a libro, lo modelli della forma che vuoi, a pagnotta rotonda oppure come a me più allungata. Qui sotto trovi le foto dei passaggi.

    pieghe a libro pane

    pieghe a libro pane

    Con un coltello infarinato o con una lametta effettua dei tagli trasversali.

    TAGLI PANE

    Trasferisci il pane a lunga lievitazione con la carta forno per facilitare lo spostamento sulla teglia in forno e sistemalo vicino al pentolino di acqua e cuoci a 220° per 20 minuti.

    La teglia va sistemata nel livello centrale del forno, il mio ha 4 livelli e la inserisco al secondo.

    Trascorsi i 20 minuti togli il pentolino con l’acqua e abbassa la temperatura a 200° per 15 minuti.

    Poi a 180° per 15 minuti e poi a 160° per 5 minuti con lo sportello del forno leggermente aperto, io ho messo una paletta di legno per non farlo chiudere e lasciando così una piccola fessura.

    Sfornare il pane e lasciarlo raffreddare.

    Ricapitolando i tempi di cottura e le relative temperature:

    220° per 20 minuti con pentolino d’acqua sulla teglia.

    200° per 15 minuti e togli il pentolino.

    180° per 15 minuti

    160° per 5 minuti con forno leggermente aperto.

    Se decidi di fare doppia dose, e se decidi di fare due pagnotte al centro puoi mettere per lungo una stampo da plumcake pieno di acqua e quando cuoci a 200° invece che per 15 minuti fai cuocere per 20.

    Comunque nessuno meglio di te conosce il tuo forno, quindi valuta la cottura osservando il colore del pane, se anche sotto è ben colorito e se la crosta premendola leggermente fa il classico scricchiolio del pane fresco.

    Grazie per aver preparato il pane a lunga lievitazione insieme a me!

  2. pane a lunga lievitazione
4,1 / 5
Grazie per aver votato!

6 Risposte a “Pane a lunga lievitazione- Con 1 grammo di lievito”

    1. Ciao Isa, le pieghe andrebbero fatte di sera, appena dopo impastato a distanza di 30 minuti ciascuna, perché serve a far inglobare aria all’impasto in modo che poi si formano tante bollicine. Al limite se non ne vuoi fare 3 basta anche che ne fai 2, sempre ogni 30 minuti. Come mai vorresti farle la mattina? magari insieme troviamo la giusta soluzione più comoda per te

  1. mettere la farina in una ciotola e poi si parla, durante la lavorazione, di aggiungere la restante farina. Non è chiaro

    1. Buongiorno Lidia, grazie per avermi avvisato infatti sono andata a rileggere e con l’ultimo aggiornamento del blog mi ha mischiato le righe tra le ricette, un vero casino. L’ho rimessa a posto. Se hai altri dubbi scrivimi pure.
      Buona giornata

    1. Ciao Antonella,
      Sì l’impasto va benissimo anche per la pizza ma se la cuoci di sera puoi impastare la mattina diciamo verso le 9, se invece vuoi fare come per il pane e impastare la sera precedente e dopo aver fatto le pieghe in ciotola metti l’impasto in frigorifero fino al giorno seguente verso 12. Tiri fuori e lasci a temperatura ambiente per 2 ore poi capovolgi l’impasto sulla spianatoia infarinata e fai qualche piega, formi una palla e rimetti in ciotola coperta. Al raddoppio puoi stendere in teglia…
      Se hai bisogno di altre indicazioni per la pizza scrivimi pure

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.