Crea sito

MELANZANE: proprietà e benefici

La melanzana fa parte della famiglia delle Solanacee a cui appartengono anche patate, pomodori e peperoni. E’ un ortaggio ricco di acqua e sali minerali e dunque dotato di interessanti proprietà: ha un forte potere diuretico e drenante poichè composta in gran parte d’acqua.  Contiene potassio, magnesio e fosforo, oltre che vitamine soprattutto A, B e C.  Le melanzane sono, inoltre, ricche di fibre, utili a tenere a bada il colesterolo e a regolarizzare le funzionalità intestinali. Hanno un bassissimo contenuto di calorie, ottime e indicate per chi è a dieta (cucinate in modo light, naturalmente! NON DICIAMO CHE LA PARMIGIANA DI MELANZANE E’ DIETETICA!!!).

Esistono varie tipologie di melanzane, di diverse forme e colori:

  • Melanzana ovale bianca: è una varietà color bianco latte, dal sapore delicato. Ottima grigliata oppure fritta.
  • Melanzana lunga nera: detta di tipo riminese, è la lunga più pregiata del mercato. Trova il suo impiego ideale nella frittura o in preparazioni dal gusto deciso.
  • Violetta di Firenze: melanzana di forma rotonda, di grosse dimensioni, con la buccia color violetto su fondo chiaro e polpa ben compatta.
  • Sciacchitana Nera: di forma ovaleggiante e di importanti dimensioni, ha la buccia nera e lucida. Si coltiva in particolar modo in Sicilia, specie nella zona di Agrigento e in quella di Sciacca.
  • Tonda lilla: è considerata in cucina tra le varietà di eccellente qualità, in quanto dopo averla tagliata, la sua polpa non annerisce. Ha un gusto molto delicato. Forse la più diffusa nei mercati.
  • Melanzana Zebrina Viola: si presenta di forma allungata, color crema con striature viola, ed è utilizzata spesso nei ripieni.
  • Violetta lunga di Napoli: di sapore più deciso, quasi piccante, il suo frutto è grosso e di forma allungata cilindrica con la buccia che si presenta di un bel color viola intenso.
  • Baffa Black Beauty: si riconosce perché i suoi frutti hanno una marcata costolatura di color viola-nerastro. La sua particolarità sta nella poca presenza di semi e dallo spessore della polpa. Ottima fritta e e come ripieno.
  • Violetta Seta: chiamata anche messinese. Produce moltissimi frutti dalla forma ovale allungata e in cucina è utilizzata per preparare conserve sott’olio.
  • Melanzana striata viola ovale: appare con la buccia striata e senza spine. È considerata tra le varietà più prelibate e usate nell’alta cucina.
  • Durona Nera di Palermo: è chiamata anche melanzana a peduncolo nero o palermitana. La sua caratteristica è quella di avere  una polpa soda e con pochi semi. È molto apprezzata in cucina, in particolare per la frittura e per i ripieni.
  • Tonda violetta: si riconosce per il suo frutto rotondo di un viola brillante. È una varietà molto produttiva e dal sapore delicato. Per la sua ottima consistenza è consigliata per tutti gli usi in cucina. Molto diffusa in Sicilia, la si trova in tutti i mercati.
  • Baby Melanzana: una varietà dal gusto dolce, ha la caratteristica di assorbire poco olio in cottura. Si presenta con una buccia molto fine, e frutti lunghi e sottili.
  • Violetta Palermitana: con frutti di grosse dimensioni. Ottima per la sua polpa tenera e gustosa, è quella che maggiormente prediligo nelle mie ricette.
  • Melanzana Rossa di Rotonda: coltivata in Basilicata, nella zona di Rotonda. Di aspetto arancio intenso con sfumature tendenti al verdognolo, ricorda un pomodoro ed è ottima sott’olio.
  • Tonda Piccola Genovese: questa varietà produce frutti rotondi di piccole dimensioni, viola scuro. Ideali per preparare le tipiche melanzane ripiene.
  • Violetta Zuccherina: si riconosce perché i suoi frutti, di un colore viola intenso, presentano il colletto bianco in corrispondenza del calice, e la sua buccia è liscia e con piccole solcature. Ha la polpa dolcissima, da qui l’appellativo di zuccherina.
  • Tonda ovale nera: La sua polpa consistente e con pochissimi semi la rende perfetta per svariate preparazioni.
  • Melanzana Rotonda Sfumata Bianca: si presenta con una polpa soda e con pochi semi.
  • Tonda Prosperosa: deve il nome ai suoi frutti di grossa pezzatura che possono raggiungere i 400-500 g di peso, e si presenta di forma sferica e di color viola intenso.

Le melanzane si possono cucinare in molti modi: alla griglia, fritte, ripassate in padella, al forno oppure si può scegliere di utilizzarle per fare delle conserve (sott’olio) oppure delle gustose creme o salse. Insomma, sono molto versatili! Molte ricette prevedono una fase preliminare alla vera e propria cottura che è la salatura delle melanzane a cui devono seguire il risciacquo e l’asciugatura. Questo serve a far uscire la gran parte di acqua di cui sono ricche le melanzane, renderle più morbide e diminuire il quantitativo di solanina.

Se volete approfondire, potete consultare Greenme.it al seguente link https://www.greenme.it/mangiare/altri-alimenti/24220-melanzane-proprieta-calorie-benefici

Altre fonti: https://www.agrodolce.it/2017/07/04/tipi-di-melanzane/

 

Eccovi, invece, le mie ricette con le melanzane!

MELANZANE PANATE

PACCHERI CON COZZE, MELANZANE, POMODORINI E MOZZARELLA FILANTE

VERDURINE MISTE AL FORNO

TABULEH DI VERDURE

Pubblicato da lacucina(im)perfetta

Appassionata di cucina, mi piace la cucina tradizionale, ma anche provare ricette alternative. In questo blog voglio condividere le mie ricette del cuore, quelle familiari, e tante altre idee e curiosità. Voglio accompagnarvi tra i fornelli di casa mia senza essere pretenziosa. Sono una persona semplice e voglio utilizzare una impostazione semplice. E' la mia cucina, la mia cucina imperfetta!

Lascia un commento