Crea sito
I pasticci di casa mia

Melanzane sott’olio a crudo

Come vi dicevo alcuni giorni fa, tra le conserve, mi mancava la ricetta delle melanzane sott’olio a crudo. Avrei dovuto già provvedere due anni fa. Per alcuni anni, per tanti motivi, non ho avuto molto temo a disposizione per le conserve, e conseguentemente non potevo prendervi in giro, facendo la foto a dei prodotti acquistati, spacciandoli per cose fatte da me. Finalmente due anni fa qualche cosa ho ripreso a farla, ma ho sempre rimandato e alla fine la foto non l’ho fatta, il tempo delle melanzane era finito e io la ricetta non ve l’ho data, Qualcuno potrebbe dire, ma l’anno scorso non le hai fatte? Si le ho fatte,per la prima volta nella versione cottura, ma non mi sono piaciute per niente e quando a me una cosa non piace, non la propongo ad altri. Quest’anno finamente è arrivato il momento. Mi sono un po’ impasticciata a trovare un contenitore adatto per tenerle a spurgare, avessi ancora avuto il mio vecchio vaso sarebbe stata una passeggiata. Dovete sapere che molti anni fa avevo un vaso in terracotta, apposito per fare alcuni tipi di conserve: le melanzane, dei peperoni sotto sale pressati, credo fossero, di cui non ricordo più la ricetta, ricordo solo che erano buonissimi. Comunque ritornando al vaso, era perfettamente cilindrico ed era dotato di un disco in legno del diametro poco inferiore a quello del vaso, era il sostituto, molto più funzionale del piatto che metto ora. Attrezzature antiche, ma anche io risalgo al paleolitico, quindi non vi meravigliate se possedevo oggetti che ora non si trovano più. Un vero peccato, A parte questa nostalgia dei tempi andati, no no, non dei tempi andati, ma delle cose andate, costruite da persone molto meno colte di noi, ma sicuramente molto più sagge di noi. Ci sto ricadendo, dovevo dirvi una cosa importante e invece faccio voli pindarici. Prima di iniziare a preparare le melanzane sott’olio, assicuratevi di prendere il contenitore giusto, dove ci possa andare un piatto, leggerissimamente più piccolo del diametro del contenitore, Passiamo alla ricetta, altrimenti io sto qui sino a domani a raccontarvi i fatti miei.

Melanzane sott'olio a crudo
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di riposo12 Minuti
  • Metodo di cotturaSenza cottura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per le melanzane sott’olio a crudo

  • 6melanzane (2 kg. circa )
  • 1.2 mlaceto di vino bianco
  • 200 gsale grosso
  • 240 golio extravergine d’oliva
  • q.b.origano secco
  • q.b.peperoncino in polvere
  • 1testa d’aglio rosso di Sulmona (oppure 3 spicchi di aglio bianco)

Strumenti per la preparazione delle melanzane sott’olio a crudo

  • 2 Contenitori
  • 1 Piatto
  • 1 Schiacciapatate
  • 1 telo privo di odore di detersivo
  • 2 Barattoli a chiusura ermetica in vetro da 25 cl

Preparazione pr le melanzane sott’olio a crudo

  1. Togliete il picciolo e sbucciate le melanzane. Tagliatele prima a fette di un centimetro, poi ogni fetta tagliatela a bastoncini.

    Man mano versatele nel contenitore scelto, copritele con l’aceto e un po’ di sale.

  2. Tenete presente che galleggiano, quindi avrete l’impressione che l’aceto non riesca mai a coprirle.

    Dopo aver messo tutte le meanzane nel contenitore, metteteci sopra un piatto e poi un peso. Io ho usato una ciotola in vetro piena d’acqua, e lasciatele così tutta notte a spurgare.

  3. Passata la notte, levate il peso e se avete un torchietto per verdure, io vi consiglio l’euroStore07 Torchietto premitutto Torchio, , inseritele e pressate finchè potete, altrimenti, strizzatele un po’ alla volta in mano poi mettele in uno schiacciapate e cercate di far fuoriuscire tutto il liquido. Districatele e mettetele sul panno pulito e privo di qualsiasi profumazione. Lasciatele asciugare un’ora.

  4. Passata l’ora, versatele in una ciotola e conditele con l’origano essiccato, l’aglio e pezzetti, il peperoncino e 40 gr. di olio evo. Rimescolate per amalgamare tutto gli ingredienti.

    Versate poco olio sul fondo dei baratoli e iniziate a riempirli pressando le melanzane, continuate ad alternare olio e melanane sino a riempire i barattoli, Chiudeteli ma non del tutto, così se dovesse esserci dell’aria uscirà. Dopo 24 ore controllate il livello dell’olio e se occorre aggiungetene altro, le melazane ne devono rimanere coperte.

    Aspettate un paio di settimane prima di gustare le vostre melanzane.

  5. Se vi piacciono le mie ricette seguitemi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrete sempre aggiornati su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli cliccate mi piace sulla pagina, grazie. Per qualche chiarimento o commento, c’è il pulsante whatsapp, dove potete contattarmi in tempo reale.

    Potete iscrivervi anche sul mio canale Telegram dove ogni giorno posto nuove e vecchie ricette

    Ciao e alla prossima ricetta.

Potrebbe anche interessarvi

  1. Pomodori caramellati

    Pomodoti caramellati ottimi come accompagnamento ai formaggi.

  2. Peperoncini sott'olio

    Peperoncini sott’olio per arricchire molti piatti.

  3. Conserva di pomodorini al naturale

    Conserva di pomodorini al naturale per tutti i piatti in cui sono richiesti pomodori.

  4. Carciofini sott'olio

    Carciofini sott’olio per un contorno sfizioso

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »