Crea sito
I pasticci di casa mia

Carciofini sott’olio

Oggi vi voglio proporre la mia ricetta ormai collaudata da anni dei carciofini sott’olio. Quest’anno più che di carciofini dovrei dire carciofoni, erano veramente grandi e sodi, proprio belli. Di norma, per una questione di costi, si preferisce scegliere carciofi provenienti dal secondo raccolto, che risultano per ovvi motivi, più piccoli. Questo succede sopratutto in zone in cui non ci sono coltivazioni di carciofi, qua per noi è differente, nel periodo di produzine piena, si trovano in ogni dove, quest’anno, causa coronavirus, solo dal fruttivendolo, sono mazzi da 20 carciofi al costo di 5 euro. Ieri mio marito, me ne ha comprati due mazzi, quindi 40 carciofi e subito nel pomeriggio mi sono messa all’opera, i miei figli adorano i carciofini sott’olio e pure io.

Carciofini sott'olio
Carciofini sott’olio

Carciofini sott’olio

40 carciofi
5 limoni
sale
2 l. aceto
3 l. acqua
gr. 600 olio evo
gr. 400 olio di semi
origano
sale q.b.
2 spicchi d’aglio

Preparazione
  • Mondate i carciofi, tagliando il gambo lasciandone 1 cm, levando le foglie esterne più dure, tagliando la punta spinosa e rifilando con un coltellino affilato intorno al gambo e la parte superiore del carciofo. Dei gambi eliminati, recuprate la parte più tenera e spellateli per togliere ogni filamento.
  • Tagliateli a metà o se preferite, in 4 spicchi
  • Man mano immergeteli in una baacinella colma d’acqua in cui avrete spremuto il succo dei limoni, questo servirà a non farli annerire.
  • Al termine di questa operazione mettete a bollire,  in una penttola capiente, l’acqua con l’aceto e il sale
  • Al momeno dell’ebollizione versate i carciofi e i pezzi di gambo, riportate a bollore e fate cuocere per 5 minuti
  • Scolateli, e lasciate che si raffreddino e sgocciolino, poneteli poi su un canovaccio pulito, privo di qualsiasi odore di detersivo e lasciate che si asciughino un pò
  • successsivamente poneteli in una ciotolola e conditeli con l’origano e l’aglio tagliato a fettine sottili, rimescolate affinchè tutti i carciofi ne siano insaporiti
  • in un boccale miscelate i due tipi di olio, io preferisco questa miscela, in quanto l’olio evo se è di buona qualità ha un gusto ben deciso e potrebbe coprire il gusto dei carciofi e al contrario l’olio di semi è abbastanza scialbo e non riuscirebbe a valorizzare ciò che condisce, con questo mix ottengo un giusto equilibrio.
  • prendete dei barattoli lavati e sterilizzati, versateci almeno un dito di olio, eviterà che sul fondo si formino bolle d’aria, poi man mano inserite i carciofi e un po’ di olio. Riempite sin ad un centimetro dall’imboccatura. Richiudete i barattoi e date qualche colpetto per far uscire eventuale aria. Lasciateli così 24 ore, dopodiché riaprite i barattoli, controllate che non occorre altro olio, poi richiudeteli accuratamente e poneteli in luogo fresco e buio. I carciofini saanno pronti da gustare dopo circa 2 settimane.

Se siete alla ricerca di altre ricette di conseve cliccate qui
Se ti piacciono le mie ricette seguimi anche su Facebook sulla mia pagina I pasticci di casa mia rimarrai sempre aggiornato su tutti i miei articoli. Mi raccomando per visualizzare i miei articoli clicca mi piace sulla pagina, grazie.
Se invece vuoi farmi qualche domanda, o lasciarmi semplicemente un commento, compila il modulo che trovi qua sotto. Ciao e alla prossima ricetta.

Pubblicato da ipasticcidicasamia

Mi chiamo Silvana, non più giovanissima, sposata, con due figli ormai grandi, Fabio e Valentina. Fabio vive e lavora lontano da casa, Valentina, studentessa universitaria, vive ancora in famiglia. Ho un lavoro a tempo pieno da ben 36 anni, in una pubblica amministrazione e una grande passione: la cucina. In questa mia passione ho coinvolto Valentina che si diletta con me in cucina. Siamo due pasticcione impunite. Ci divertiamo molto a cucinare insieme, ma sopratutto a bisticciare. Vi chiederete perchè pasticcione, semplice, non abbiamo entrambe alcuna cognizione sulla coreografia del piatto, riusciamo a fare buone ricette, ma la presentazione lascia sempre molto a desiderare. Il nostro motto: Non sempre belli, ma sempre buoni. Mi auguro che anche voi, sperimentando le nostre ricette, concordiate con noi sulla bontà e non sull'aspetto. Dimenticavo una cosa importante, ma mi raccomando non ditelo a Valentina, spesso io mi prendo il merito delle sue ricette :) La nostra pecca? La coreografia dei piatti è per noi qualcosa di veramente sconosciuto. Pazienza, la speranza è l'ultima a morire. Un giorno, forse.... miglioreremo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »