Faraona al mascarpone ricetta tradizionale lodigiana

Avete mai sentito parlare di cucina lodigiana? Scommetto di no, non siamo così famosi noi lodigiani, nel vasto mondo delle ricette della cucina italiana siamo una goccia d’acqua in un grande mare, ma alcuni piatti sono notevoli e ai più sconosciuti. Per fortuna negli anni sono state raccolte da Vittorio Bottini ed io, grande estimatrice in quanto lodigiana da generazioni e molto legata alla mia bella città, ve le ripropongo. E’ il caso di questa faraona al mascarpone ricetta tradizionale lodigiana per eccellenza. Il mascarpone, credo ormai di avervelo detto mille volte, è nato da queste parti,  con la faraona ci sta benissimo, rende la sua carne morbida e deliziosa. Giusto due cucchiai di olio, ma del resto nelle nostre ricette quasi non esiste, avete mai visto piante di ulivo spuntare dalle fitte nebbie della nostra amata pianura? Tradizione è tradizione e secondo me quei due cucchiai sono stati aggiunti solo in tempi moderni, tempi da supermercato!

Faraona al mascarpone ricetta tradizionale lodigiana
  • Preparazione: 15 Minuti
  • Cottura: Circa 2 Ore
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: Persone 4
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Faraona 1
  • Mascarpone 100 g
  • Burro 100 g
  • Olio 2 cucchiai
  • Carota 1
  • Gambo di sedano 1
  • Scalogno 1
  • Vino bianco 1 bicchiere
  • Sale

Preparazione

  1. Mettete in una pentola a bordi alti, a freddo, due cucchiai di olio con le verdure, lavate ed asciugate, a pezzetti e il burro.

  2. Inserite il mascarpone all’interno della faraona, pulita dalle interiora,anch’essa  lavata e ben asciugata.

  3. Irrorate il tutto con il bicchiere di vino bianco e mettete a cuocere a fuoco lento, voltando la faraona di tanto in tanto, stando attenti a non bruciarla.

  4. Se necessario aggiungete un goccio di brodo o latte caldo.

  5. Dopo circa un’ora e mezza togliete dal fuoco e passate  le verdure e il sugo allo staccio.

  6. Rimettete il sugo nella pentola e riscaldate per circa 10 minuti. Servite ben caldo, come vuole la tradizione con delle patate lessate.

  7. Non buttate il sugo, che essendo molto abbondante avanzerà, ma usatelo come condimento per della pasta, possibilmente fresca.

Note

Grazie per aver letto la mia ricetta, se vi è piaciuta e non volete perdervi le prossime cliccate qui. Mettete mi piace e seguite le novità sulla pagina Facebook di quasicotto

Precedente Arrosto di maiale alla senape cotto in padella Successivo Menù per la vigilia di Natale

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.