Crea sito

A proposito di me

Ciao, mi chiamo Iris Affetti, ho aperto il mio blog a cui ho deciso di dare il nome “quasicotto” circa  quattro  anni fa.Vi confesso che prima di farlo ci ho pensato  tanto tempo. Io cucino da sempre, ma questo, e adesso lo so bene, non è sufficiente per gestire un blog. Io sono poco più che una schiappa con il computer, ancora adesso non possiedo alcuna attrezzatura fotografica, tutte le mie foto sono scattate con l’I Pad, e scrivere articoli non è sicuramente al primo posto nell’elenco delle prime 10 cose preferite da fare nella vita!  Certo adoro cucinare, lo faccio con amore e in cucina ci starei tutto il giorno, sopratutto per preparare dolci. A questo punto, forse, vi starete chiedendo da chi ho ereditato questa grande passione, perché di solito è così, qualcuno in qualche modo le grandi passioni te le trasmette, ti passa il comando. Non arriva dalle mie nonne, che ho perso troppo presto e men che meno dalla mia mamma . Il suo amore per la cucina si riassume in una frase che ripeteva spesso : “ Cosa aspettano a mettere in commercio le pillole che danno agli astronauti, così risolvo il problema di dover fare da mangiare?”. A suo favore, devo dire, che le cose che cucinava poi  le faceva bene e il risotto e gli gnocchi di patate ho imparato a farli grazie a lei. Comunque la cucina io ce l’ho nel mio DNA, arriva dalla famiglia paterna, tutti chi più o chi meno cucinano volentieri e attraverso le sue sorelle, le mie care ziette è arrivata fino a me.

La mia passione mi ha portato a frequentare tanti corsi di cucina, anche presso cuochi di fama internazionale e persino, nonostante la mia timidezza, a partecipare ad una delle passate selezioni di Master Chef. Sono nata nel “giurassico” quando la maionese si preparava montando le uova con la forchetta e i tortellini con panna, prosciutto e piselli dovevano ancora entrare nella top ten delle ricette della Cucina Italiana. Le lasagne, l’arrosto di vitello e il vitello tonnato erano piatti speciali, dedicati ai giorni più importanti e a Natale ci si alzava all’alba per preparare tutto fresco, pasta per la lasagna compresa. Unica concessione era il ragù, solo quello si poteva preparare il giorno prima. Il freezer allora era uno sconosciuto, serviva solo a contenere i cubetti di ghiaccio, che in estate avevano una doppia utilità . La mamma si armava di batticarne e preparava la granita con il ghiaccio tritato e lo sciroppo, intanto sfogava la rabbia accumulata durante tutto l’anno pestando come una matta i poveri cubetti. Io ho visto prima l’ammaraggio dell’uomo sulla luna che un piatto pronto da cuocere dentro il congelatore di casa. Ma questo non ha fatto altro che accrescere la mia curiosità e la mia voglia di imparare. Mi piace  la cucina tradizionale, ma ancora di più improvvisare ed inventare nuovi piatti. Spesso apro il frigorifero, do un’occhiata dentro e con quello che ci trovo cucino piatti semplici, ma deliziosi. Come ultima cosa adesso vi  vorrei spiegare il significato del nome “quasicotto” che ho dato al mio blog, che a voi potrebbe sembrare scontato. In realtà questo nome nasce dalla fusione tra la cucina e un’altra mia passione: la modellazione della creta, con cui spesso preparo oggetti che conterranno il cibo. Ecco perché mi è venuto spontaneo chiamarlo così, perché non cuocio solo in cucina, anche la creta da me modellata prima di diventare “cotto” entra in un forno!