Su filindeu

Su filindeu, ossia “fili di Dio” è una pasta tipica del nuorese che si può preparare solo a mano, e si utilizza poi per zuppe e minestre.
Per quanto io ami preparare tutto in casa, questa è una pasta che non ho mai preparato e mai visto preparare, ma in compenso ho potuto cucinare quella che potete trovare nello shop online Sardosono che ha solo prodotti di qualità e posso garantire che sono veramente ottimi, ho potuto gustare una minestra con questa pasta che ricorda solo il gusto delle cose fatte in casa.
Questa pasta tipica nuorese, viene lavorata solo dai discendenti dalla famiglia Selis che la tramanda da generazione in generazione,  se siete curiosi oltre che di assaggiarla ma anche di vederne la sua preparazione, sul sito Sardosono troverete anche un video che mostra la sua preparazione e la storia che viene raccontata.
Su questa pasta ci sono tante ipotesi, da alcuni chiamata su filindu “fili di Dio” da altri capelli d’angelo, varie controversie gastronomiche su questa specialità, che si dice possa essere di origine araba e il suo nome in arabo è fidaws, che significa capello perchè sottilissima.
La pasta viene preparata con semola di grano duro, acqua e sale, con questo impasto si ottiene un filone che viene stirato a mano , un po’ come appunto anche  per la preparazione degli spaghetti di riso cinesi, si tira l’impasto con le mani bagnate fino a renderlo talmente sottile da essere quasi trasparente.
Ovviamente fra le varie ipotesi trovate arriviamo al punto della storia che racconta la mia terra, quindi parliamo di come viene preparata esattamente in Sardegna.
Si preparano questi spaghettini, capelli o fili sottilissimi che creano una trama sottile come fosse addirittura un tessuto, questi fili vengono intrecciati in diagonale su un canestro circolare  di asfoledo facendo tre strati uno sull’altro, una volta finito di ricoprire va fatto essiccare al sole.
Una volta ottenuta una pasta secca si stacca dal canestro dove è stata poggiata e si conserva tagliata a pezzi grossolani che poi si andranno a ridurre solo prima di cuocerli.

Per la loro cottura non vi servirà altro che un buon brodo di pecora e del pecorino acidulo.

Su filindeu

Su filindeu

Ingredienti

Per 3/4 persone

120 grammi di filindeu
80 grammi circa di pecorino
1 litro  circa di brodo pecora

Su filindeu

Procedimento

Preparate il brodo di pecora come d’abitudine, solitamente si prepara la pecora in cappotto, che non è altro che carne di pecora bollita, dove vengono aggiunte cipolle, patate, oltre che i  pomodori secchi per dare gusto e salare il brodo.
Per ottenere un ottimo brodo si versa la carne, una cipolla dei pomodori secchi e volendo un po’ di sedano e prezzemolo, si fa bollire a lungo a fiamma dolce, anche 4/5 ore in modo da ottenere un buon brodo saporito e una carne tenerissima, le patate e le cipolle che verranno poi gustate con la carne si versano negli ultimi 30 minuti di cottura, in modo da mantenersi integre, (consiglio di lavare bene le patate e cuocerle con la buccia, per poi sbucciarle a tavola).

Una volta cotto il brodo, va colato e portato di nuovo a ebollizione.

Versate su filindeu tagliato a pezzi non troppo piccoli, va bene di due o tre centimetri circa.

Mescolate e fate cuocere per due, o al massimo tre minuti, spegnete la fiamma e aggiungete il pecorino a pezzetti o grattugiato grossolanamente, una volta che si sarà sciolto il pecorino potete portare il piatto a tavola.

Servitelo caldo in modo da gustarlo al meglio.

Come già vi anticipavo trovate questa splendida pasta “su filnedu” e il pecorino adatto per questa preparazione su Sardosono, io l’ho preparata con il pecorino acidulo Ichidale fresco, un  formaggio fresco dal gusto acidulo ottenuto dalla prima cagliata del latte ovino e con il pecorino Monte Gonare, questo  formaggio proviene da latte di pecore allevate in Barbagia, conosciuta per l’aria pulita e la presenza di natura incontaminata.

Sardosono

 

Mi trovate anche su Facebook 

Precedente Cime di rapa stufate Successivo Spaghetti all'amatriciana

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.