Crea sito

Pizza ladina

La pizza ladina è un ricordo delle mie vacanze estive… no non l’ho assaggiata, al ristorante quel giorno ho scelto un invitante piatto di canederli di speck al burro e salvia e come dolce la polenta fritta con salsa alla vaniglia e frutti di bosco… una vera squisitezza! Ma questa è un’altra storia… Come al solito io il menù del ristorante, per quel poco tempo che riesco a tenerlo tra le mani, lo studio e cerco sempre nuove idee golose da sperimentare a casa. La pizza ladina ha tutto il gusto delle Dolomiti e raccoglie in sé i sapori dei prodotti tipici: speck e puzzone di Moena sono i grandi protagonisti del condimento… spettacolare!

  • Preparazione: I tempi di riposo + 15 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 500 g Polpa di pomodoro
  • 200 g Speck a listarelle
  • 250 g Puzzone di Moena
  • 3 Mozzarelle
  • q.b. Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale

Preparazione

  1. Preparare l’impasto per la pizza seguendo le ricetta e le indicazioni che trovate QUI. In una ciotola condire la polpa di pomodoro con l’olio extravergine d’oliva e il sale (a piacere potete aggiungere aglio, origano o basilico). Tagliare la mozzarella a cubetti e il puzzone di Moena a fette sottili. Quando l’impasto per la pizza sarà pronto e lievitato dividerlo in quattro parti e stenderlo all’interno delle teglie leggermente unte. Lasciarlo riposare trenta minuti poi distribuire sulla superficie il pomodoro. Cuocere le pizze in forno preriscaldato a 250 °C per quindici minuti. Poi aggiungere lo speck a listarelle, la mozzarella e il puzzone di Moena e infornare di nuovo per cinque minuti in modo che i formaggi si sciolgano. Servire la pizza ben calda.

Note

Curiosità

Il puzzone di Moena è un formaggio Dop a pasta semicotta e semidura tipico del Trentino Alto Adige: la sua caratteristica è un odore forte, acuto, intenso, penetrante. In realtà a dare questo forte odore al formaggio è la crosta che viene tenuta sempre bagnata durante la stagionatura. Le forme infatti vengono passate periodicamente con uno straccio bagnato con acqua e sale in modo che venga mantenuta l’umidità necessaria allo sviluppo della microflora tipica. E’ proprio questo lavaggio della crosta a conferire al formaggio il suo “profumo” e il suo gusto ricco ed aromatico. Il formaggio è semplicemente saporito, direi dolce con un leggero retrogusto amaro. E’ ottimo con la polenta, con il risotto, sulle patate, con la confettura di cipolle, con il miele e naturalmente con le pere.

Se la ricetta vi è piaciuta venite a trovarmi sulla pagina FACEBOOK: lasciando il vostro “mi piace” e attivando le notifiche potrete restare aggiornati con l’uscita delle nuove ricette. Vi aspetto con tante idee per la vostra tavola.

Chi prepara le ricette di Cucina vista mare? Potete leggerlo QUI. Siete curiosi di sapere perché il mio blog si chiama Cucina vista mare? Ve lo racconto QUI.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.