Congelare timballi di pasta e riso

Congelare timballi di pasta e riso In molti si chiedono se sia possibile congelare i timballi di pasta, di riso, lasagne o cannelloni. L’esigenza nasce da diversi fattori, in primo luogo per evitare sprechi e anche per avere qualcosa di pronto da mangiare quando si ha poco tempo per cucinare.

La risposta a questa domanda è si, i timballi di pasta o riso si possono congelare, ma ovviamente ci sono alcune regole che vanno rispettate.

Scopriamo insieme come congelare timballi di pasta e riso.

Preparazione

  1. Congelare timballi di pasta e riso è molto semplice e non starò qui a dilungarmi sulla tecnica. Sarà sufficiente infatti porzionare i timballi quando sono perfettamente freddi e inserirli in contenitori ermetici o nei sacchetti adatti alla congelazione, che andranno chiusi per bene, prima di riporre i timballi in freezer.

  2. Quello che invece mi preme dirvi riguarda le caratteristiche che un timballo deve avere per poter essere congelato.

    I timballi che dovrete congelare dovranno essere stati preparati con ingredienti freschissimi. Non dovete mai congelare un timballo di pasta o riso in cui avete usato uno o più ingredienti congelati precedentemente, come ad esempio carne, cipolle, funghi, verdure, formaggi o salumi.

    Solo se siete sicuri che avete usato ingredienti freschi potrete passare alla congelazione.

  3. Potete congelare i timballi di pasta o riso sia crudi, che cotti.

    Quando dovete usarli, estraeteli dal freezer e riponeteli in frigorifero per farli scongelare lentamente senza far subire ai timballi shock termici.

    Successivamente riponeteli in una teglia e metteteli in forno dieci minuti per riscaldarli e 30 minuti per farli cuocere.

    I timballi di pasta e riso si mantengono bene in frigorifero per circa 2 mesi.

    Puoi seguirmi anche su Facebook.

Precedente Chiacchiere al pistacchio e cioccolato bianco Successivo Pasta al forno con cavolfiore e pancetta

Lascia un commento