Crea sito

CONFETTURA DI FICHI

confettura di fichi

Questa estate sono stata graziata con gentili omaggi di vari tipi di frutta di stagione, di campagna.

Comincio con il primo omaggio, i fichi. Mi piacciono molto e di solito li gusto freschi a colazione, ma mi piacciono molto anche accompagnati al prosciutto crudo come antipasto; a dir la verità io ci faccio proprio un pasto completo!
 Comunque, dopo averne fatto una scorpacciata durante l’estate, ecco arrivato questo gradito omaggio che mi ha costretta piacevolmente a sperimentare la confettura di fichi mai fatta finora.

Non avendo voglia di sbucciarli, come riportava il mio ricettario, ho chiesto consulenza alle amiche di un gruppo di cucina su facebook e mi hanno detto che la confettura la potevo fare anche senza sbucciarli e così, tirando un bel sospiro di sollievo per la scocciatura evitata, mi sono cimentata nell’impresa.

Anche per la quantità di zucchero richiesta ho seguito i consigli delle amiche la cui ricetta ne richiede molto meno rispetto a quella del mio ricettario ed io preferisco usare poco zucchero.

fichi

Ingredienti

2kg di fichi

600 gr circa di zucchero

il succo di 1 limone

1 bicchierino di rum (facoltativo)

Preparazione:

Lavare innanzitutto i barattoli e sterilizzarli per 10 minuti in acqua bollente. Scolarli e lasciarli ad asciugare capovolti su un canovaggio pulito.

Lavare i fichi in acqua corrente e metterli in una capace pentola, possibilmente di materiale leggero per permettere una cottura ed una evaporazione più veloce, tagliandoli a pezzi.

Metterli al fuoco col succo abbondante di un limone e farli spappolare.
Di solito, dopo questa fase, io passo al passaverdure la frutta, ma in questo caso ho dato una frullata col minipeemer, tanto i semini sarebbero passati comunque.

Lasciare raffreddare la composta, dopodichè  aggiungere lo zucchero, mescolare per bene e mettere a cuocere sul gas, con una retina spargifiamma e a fuoco bassissimo.
Lasciar cuocere SENZA GIRARE per per circa 1 ora e mezza, poi incominciare a girare con un mestolo; schiumare e verificare la cottura in questo modo: versare un cucchiaino di confettura su un piattino, passare un dito per dividerla e se le due parti faticano a ricomporsi vuol dire che la confettura è pronta. Altra verifica: la confettura è pronta se la piccola quantità versata sul piattino fatica a scivolare. A questo punto spegnere il fuoco e versare, a piacere, un bicchierino di rum per aromatizzare.

Scaldare il forno a 100 gradi, mettere a scaldare i barattoli per evitare lo choc termico ed invasare. Chiudere con coperchio e rigirare il barattolo per creare il sottovuoto. Lasciarlo così per almeno una mezz’ora, dopodichè rigirarlo, etichettarlo e conservare in luogo buio e fresco.

NOTA La quantità di zucchero dipende dal tempo di conservazione della confettura. Se si ha intenzione di mangiarla subito, dopo circa tre mesi, si può mettere una quantità minima di zucchero; al contrario, se si pensa di conservarla per 1 anno è necessario mettere una dose più grande, a seconda della frutta più o meno zuccherina. Di solito la proporzione è 1 kg di frutta e circa 600 gr di zucchero.

barattoli di confettura di fichi

Gustate la confettura a colazione sulle fette biscottate e con burro

confettura di fichi a colazione

oppure la potete mettere come farcia per crostate e ciambelle

muffins con confettura di fichi

Pubblicato da azzurratagliaecucina

Mi chiamo Antonietta, ma per familiari e amici sono da sempre Azzurra. Perché Taglia e Cucina? Perché mi piace passare dalla padella… al cucito!

3 Risposte a “CONFETTURA DI FICHI”

I commenti sono chiusi.