Crea sito

Papassini ricetta dolci tipici sardi

PAPASSINI o PABASSINAS ricetta dolci tipici sardi  

Io non sono sarda ma per me questi dolci, oltre al fatto che li amo alla follia, rievocano il pensiero dei momenti estivi trascorsi in Sardegna, di sole, di cieli tersi, di macchia mediterranea e di vento implacabile, visto che mio marito è un surfista.

Ogni volta che vado in terra sarda ne mangio fino a scoppiare e me ne porto via una discreta scorta che però inesorabilmente prima o poi finisce…

Da noi a Genova ho provato a cercarli ma il più delle volte quando li nominavo vedevo facce smarrite nei commessi dei supermercati.

Tante volte ho provato a cercare la ricetta ma come ben sapete del web non ci si può fidare tanto, pochi sono i siti affidabili e rischiare di perdere tempo e sprecare ingredienti proprio non mi andava.

Come spesso succede però è corsa in mio soccorso una amica blogger Michela Carta del blog Dolce e salat di MIky (https://blog.giallozafferano.it/dolcesalatomiky/), sarda doc, della quale mi fido ciecamente che mi ha dato la ricetta e finalmente mi sono cimentata.

Per chi non li conoscesse sono biscotti fatti da una frolla fragrante arricchita con frutta secca e decorati con glassa di zucchero, devono il loro nome alla papassa ossia l’uvetta sultanina di cui sono ricchi.

La loro ricetta ha origini antiche ed in ogni zona della Sardegna si preparano con piccole varianti, specialmente negli aromi, qualcuno ad esempio aggiunge nell’impasto la saba, ossia il vincotto, altri la cannella.

Io ho deciso di seguire alla lettera la ricetta di Michela con l’unica variante di aver aggiunto la glassa di zucchero e sono super soddisfatta!!!!

Preparateli anche voi con me e sono certa che ve ne innamorerete.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzionicirca 20 papassini
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 300 gFarina 00
  • 150 gZucchero
  • 150 gBurro
  • 3Tuorli
  • 1Scorza di limone
  • Mezza bustinaLievito in polvere per dolci
  • 1 pizzicoSale
  • 80 gMandorle
  • 80 gNoci

Per la glassa di zucchero

  • 80 gZucchero a velo
  • 1Albumi

Preparazione impasto

  1. Per preparare i papassini iniziate tenendo l’uvetta in ammollo in acqua tiepida per circa 20/30 minuti.


    Poi tritate grossolanamente le mandorle e le noci nel mixer.


    Passiamo ora alla preparazione dell’impasto.


    Mettete in una ciotola la farina setacciata con il lievito, lo zucchero ed un pizzico di sale e mescolateli.


    Unite infine i tuorli d’uovo ed il burro ammorbidito e cominciare ad impastare.


    Dovrete ottenere un impasto morbido e liscio.


    A questo punto aggiungete la frutta secca tritata in precedenza e l’uvetta scolata e ben strizzata e continuate ad impastare.

  2. Non appena si saranno amalgamati bene tutti gli ingredienti e l’impasto sarà omogeneo stendetelo con il mattarello su un piano infarinato.


    Stendetelo in uno strato alto circa 1 cm-1 cm e mezzo.


    Ricavate dei rombi con un coltello.


    Mettete i papassini su una teglia ricoperta di carta da forno e cuocete in forno statico a 180 gradi per circa 10 – 15 minuti (i tempi variano a seconda del forno).


    Saranno pronti quando risulteranno leggermente dorati in superficie.


    Una volta cotti estraeteli dal forno e lasciateli raffreddare completamente.


    Se volete sono già pronti per essere gustati ma io preferisco arricchirli con la glassa di zucchero perché nella mia amata Cannigione li mangio così….

  3. Per preparare la glassa di zucchero sarà necessario montare a neve l’albume ed aggiungere a poco a poco lo zucchero a velo mescolando sempre affinchè si incorpori senza formare grumi.


    Dovrete ottenere un composto liscio e abbastanza consistente.


    A questo punto utilizzate la glassa per decorare la superficie dei papassini a vostro piacimento.


    Metteteli ad asciugare su una gratella per 7-8 ore prima di servirli.

CONSERVAZIONE

Si possono conservare chiusi in un barattolo o in una scatola per biscotti per una settimana.

CONSIGLI E VARIANTI

Se l’impasto dovesse a causa del calore risultare troppo morbido ed appiccicoso prima di stenderlo riponetelo in frigorifero per una mezzora.


Alcune ricette prevedono di aromatizzare l’impasto con vincotto, liquore all’anice, vaniglia o scorza di arancia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.