GNOCCHI DI PATATE

Gli gnocchi di patate fatti in casa sono una pietanza tipica della nostra cucina e sono tra le ricette italiane più conosciute e apprezzate in tutto il mondo. La preparazione degli gnocchi è facile e veloce, anche se ci sono delle piccole insidie che ne possono compromettere la buona riuscita. La cosa importante per gli gnocchi di patate è la consistenza infatti devono rimanere compatti ma non essere duri, e devono essere morbidi e non mollicci. Per prima cosa bisogna scegliere il tipo di patata giusta : le patate devono essere vecchie e a pasta bianca, perché le patate novelle contengono troppa acqua e assorbirebbero troppa farina e darebbero un impasto troppo molle e non lavorabile. Bisogna rispettare le giuste proporzioni tra patate e farina ma non è semplice dare una dose esatta dei due ingredienti in quanto non tutte le patate contengono la stessa quantità di acqua io mi regolo aggiungendo metà del peso delle patate + 100 g in farina quindi per 1 kg di patate (cotte e ridotte in purea) aggiungo 600g di farina circa. Alcuni aggiungono l’uovo, che funziona da legante per evitare di cucinare una polenta di gnocchi, ma io preferisco di no perché va ad alterare il sapore degli gnocchi, che non avranno più quel bel sapore di patate, ovviamente è una questione di gusti, a me non piace. Più avanti vi insegnerò un trucco che utilizza la mia mamma per vedere se gli gnocchi sono della consistenza giusta.

Se non vuoi perdere le nuove ricette ricorda di seguirmi anche su INSTAGRAM e su FACEBOOK . Ti aspetto !!

Guarda anche la ricetta degli:

gnocchi di patate
  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti

700 g di patate vecchie a pasta bianca
450 g di farina 00 o 0 (circa)
1 pizzico di sale fino

Come preparare gli gnocchi di patate

Cottura delle patate

In pentola

Lavate le patate e mettetele in una pentola senza sbucciarle, in un solo strato e coprite con acqua fredda non salata. Cuocete le patate per circa 30 minuti (il tempo varia a seconda della grandezza e della varietà). Il bollore deve essere dolce da non provocare la rottura della buccia e la penetrazione dell’acqua nelle patate. Un buon sistema per giudicare la cottura è provarne la consistenza con uno spiedino di legno avendo l’accortezza di bucare una sola patata per evitare che le altre si impregnino di acqua.

Al microonde

Io preferisco la cottura delle patate al microonde in quanto aiuta nella sicura riuscita degli gnocchi, il microonde tende ad asciugare le patate, per cui anche se hanno molta acqua possono essere utilizzate senza problemi

Potete cuocere le patate al microonde in 2 modi:

1) Sbucciate le patate e tagliatele a cubetti, poi mettetele in un contenitore adatto alla cottura in microonde, e versate sul fondo un po’ di acqua coprite e fate cuocere per 10 minuti circa alla massima potenza; passati i 10 minuti verificate la cottura infilzandole con una forchetta.

2) Per la cottura potete utilizzare anche il sacchetto per cuocere le patate al microonde, lavate e asciugate 4 patate della stessa grandezza, inseritele nel sacchetto e cuocete alla massima potenza per circa 8 minuti.

Una volta cotte, pelate le patate mentre sono ancora calde, magari infilzandole con una forchetta per non bruciarvi,

Schiacciatele ancora calde con lo schiacciapatate, non usate altri metodi tipo frullatori o mixer perché altrimenti si compromette la riuscita degli gnocchi. Potete anche schiacciarle direttamente con la buccia che resterà nello schiacciapatate.

Raccogliete la purea di patate in una ciotola o su una spianatoia e lasciatela intiepidire.

Aggiungete un pizzico di sale alla purea di patate tiepida direttamente nella ciotola poi unite la farina, potete anche lavorare su una spianatoia

Lavorate il composto il meno possibile giusto il tempo di avere un impasto omogeneo

A questo punto vi svelo il trucchetto della mia mamma per vedere se gli gnocchi sono della giusta consistenza; preparate qualche gnocco e nel frattempo mettete un pentolino con un po’ di acqua salata portate a bollore e calate gli gnocchi quando verranno a galla scolateli e assaggiateli per vedere se sono della consistenza giusta se sono troppo molli o si disfano in cottura aggiungete ancora un pochino di farina all’impasto e procedete nella preparazione

Staccate dei pezzi di impasto, spolverate con la farina e formate dei cilindri di 1,5 – 2 cm di diametro circa (variate la dimensione degli gnocchi a seconda dei gusti)

Tagliate tanti cilindretti di 1,5- 2 cm di diametro circa (anche in questo caso tagliateli a seconda dei gusti). Spolverateli con la farina per fare in modo che non si attacchino fra di loro

Infarinate bene i pezzetti di impasto e con il pollice o con il dito indice e quello medio  trascinate ogni gnocco sulla spianatoia facendoli roteare con un colpo secco- Per avere gnocchi tutti uguali cavateli sempre dallo stesso verso, io li cavo trascinandoli dal lato del taglio.

Io preferisco rigarli utilizzando una rigagnocchi, perchè raccolgono meglio il condimento; ma se non ne avete una potete utilizzare una forchetta o una grattugia, la procedura è sempre la stessa con un colpo secco dovete farli roteare, facendo pressione con le dita, sulla superficie scelta per rigarli in modo che si formi la cavità interna

Man mano che formate gli gnocchi di patate disponeteli su un vassoio o un piano infarinato.

Gli gnocchi di patate si cuociono in abbondante acqua, salata con generosità, perché cuociono in fretta e assorbono poco sale.

Portate l’acqua a ebollizione e calate gli gnocchi, appena il bollore riprende mescolate delicatamente con un cucchiaio di legno. Quando gli gnocchi vengono a galla sono pronti scolateli delicatamente con un mestolo forato tipo una schiumarola e conditeli a vostro piacimento.

gnocchi di patate

gnocchi di patate

In questo articolo sono presenti link di affiliazione.


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.