Sugo con sgombro olive e capperi

Sugo con sgombro olive e capperi e l’immancabile pomodoro preparato rigorosamente al microonde

Oggi finalmente si è rinfrescato leggermente, ieri il caldo ancora si faceva sentire come si faceva sentire la voglia di una buona pasta senza dovere sudare troppo stando ai fornelli.

Ma al microonde ci avete mai pensato? ultimamente ve ne sarete accorti, se mai siete passati di qui, che ne faccio uso spesso e volentieri.

Alla base di tutto sta un buon sugo di pomodoro, il resto viene da sè.

Sugo con sgombro olive e capperi
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Preparazione:
    10 minuti
  • Cottura:
    14/20 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Pomodori 500 g
  • Sgombri sott’olio 200 g
  • Olive nere 50 g
  • Aglio 1 spicchio
  • Misto verdura surgelato (Sedano Cipolla Carota) 1 cucchiaio
  • Olio extra vergine d’oliva 2 cucchiai
  • Mozzarella (facoltativa) 125 g
  • Prezzemolo (tritato) 1 q.b.
  • Capperi sotto sale (dissalati) 1 cucchiaio

Preparazione

  1. In un contenitore da microonde, mettere l’olio l’aglio a pezzettini il misto verdure e fare andare alla massima potenza per 2 o 3 minuti, aggiungere i pomodori lavati e a pezzetti con mezzo dado vegetale sciolto in poca acqua tiepida, e fare andare alla massima potenza per 5 minuti, girare e fare cuocere ancora per altri 5 minuti aggiustando di sale se necessario, controllare il punto di cottura, unire lo sgombro scolato dall’olio di conservazione, le olive affettate, i capperi sciacquati dal sale di conservazione, e fare insaporire tutto assieme per altri 2 o 3 minuti.

    Condire la pasta scelta tenuta al dente, allungando con un goccio d’acqua di cottura della stessa, unire ( a piacere ) il prezzemolo tritato e la mozzarella a dadini.

Note

Se volete, potete aggiungere anche una bella mozzarella a dadini.

Se disturba, una volta cotto, potrete togliere la pelle del pomodoro che si staccherà facilmente.

 
Precedente Torta nutella yogurt e philadelphia Successivo Ferragosto, perché lo festeggiamo?

Lascia un commento

*