Graffe per tutti i gusti, raccolta di ricette delle mitiche graffe

Il mondo delle graffe, ma di tutti i lievitati dolci in genere, mi affascina e delizia. Oggi quindi vi regalo questo post per poter meglio scegliere la vostra versione preferita.

E voi quale preferite? classica, allo yogurt e miele, con fiocchi di patate o in versione cannolo? Io non riesco a scegliere….in ogni caso vi lascio tutte le mie ricette delle graffe. Basta cliccare sulla foto e sarete indirizzati direttamente alla ricetta.

Se ti piacciono le mie ricette e vuoi seguire il mio blog vieni a trovarmi sulla mia fan page di Facebook!Basta cliccare “mi piace” e ogni giorno puoi essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate e per chiedermi qualunque chiarimento!!!!

Storia delle graffe

Le graffe napoletane sono uno dei dolci più apprezzati della cucina partenopea, tuttavia nonostante l’indiscusso primato che detiene Napoli nella realizzazione di tale leccornia il dolce non ha radici campane bensì tedesche. Il termine krapfen, da cui deriva l’italiano “graffa”, risalirebbe alla fine del XVII secolo circa ed è associabile ad una pasticcera della Germania Centrale chiamata Cecilia Krapf; tuttavia non è escluso che il termine potrebbe anche risalire all’antico tedesco krafo che significava “artiglio” (probabilmente a causa della primissima forma del dolce che forse ricordava un uncino/artiglio mutata nel corso dei secoli fino ad assumere l’aspetto della tipica ciambella o del bombolone). Del resto a testimonianza dell’origine tedesca del famoso piatto vi è la presenza, in Germania, di un “krapf” noto con il nome di Berliner, probabilmente una versione “moderna” dell’antico dolce tedesco. A testimonianza di tale “eredità tedesca” bisognerà considerare anche che la ricetta originale del dolce germanico presentava un utilizzo di ingredienti affini a quelli della ricetta nostrana (se si considera la versione senza farina di patate) quali: strutto, farina di grano di tipo 00, zucchero, scorza/aroma di limone e latte. Come è giunta in Italia meridionale la graffa? È molto probabile che nel ‘700 circa, a causa della dominazione austriaca della penisola, essa sia giunta nella versione originale per poi assumere le caratteristiche proprie del dolce che oggi è tanto apprezzato e degustato nella nostra città (e non solo).

Fonte (http://www.lacooltura.com/2016/04/graffe-napoletane-la-ricetta-la-storia/)

GRAFFA NAPOLETANA CLASSICA

graffe napoletane

GRAFFA ALLO TOGURT E MIELE

graffe allo yogurt e miele

GRAFFA CON I FIOCCHI DI PATATE

graffe con fiocchi di patate

CANNOLI DI GRAFFA

cannoli di graffa

GRAFFA AL CAFFE’

graffe al caffè

GRAFFA SENZA UOVA ANCHE CON VIDEO

graffe senza uova

GRAFFIN ALLA NUTELLA

GRAFFIN

GRAFFA AL CIOCCOLATO

graffe senza uova al cioccolato

SAVOIARDI IN CAMICIA

savoiardi in camicia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.