Ravioli alle carote e timo

Ravioli alle carote e timo Ravioli alle carote e timo

Ravioli alle carote e timo

 

La ricetta dei ravioli alle carote e timo è nata davvero per caso.

Scenetta: due amiche (Selly ed io) in cucina.

Pasta fresca? Ok!

Quante uova? 10, son di maso e sono buonissime!

Quanti siamo a cena? Tre!

Che sia troppo? Ma nooooooo!

Facciamo un bis di ravioli visto che abbiamo ancora il “raviolatore” di un amico? Yessss!

E poi chiacchiere, risate, patatine aperte, aperitivi… dopo la prima montagna di ravioli al caprino e noci… ci viene in mente che non abbiamo minimamente pensato a come farcire gli altri ravioli! Idea: abbiamo delle carote sbollentate avanzate… le usiamo?

Ecco, a volte, come nascono, quasi per caso, le ricette che piacciono di più.

Questi ravioli alle carote e timo ci hanno fatto impazzire per la loro bontà. Facili, economici ma soprattutto gustosissimi, ve li consiglio di cuore.

 

Ingredienti:

       per la pasta all’uovo andate alla mia ricetta super-collaudata

       200 g di carote sbollentate e frullate

       50 g di parmigiano grattugiato

       timo q.b.

       pepe macinato al momento

       burro

 

Preparazione

Per la pasta all’uovo seguite la ricetta base.

Ora tirate con la Nonna Papera o col mattarello la pasta in una sfoglia sottile, infarinatela da una parte e appoggiatela sul raviolatore (o sul piano di lavoro in assenza del raviolatore); inserire in ogni buco (o mettete a mucchietti ben distanziati tra loro) il composto formato dalle carote, dal timo e dal pepe ben mescolati tra loro con un cucchiaio di legno; spennellate col tuorlo d’uovo sbattuto i bordi esterni e interni della sfoglia e appoggiate sopra un’altra sfoglia; premete un pochino con le dita delle mani e, con un coltello, un coppapasta o con la rotella della pizza, tagliate i vostri ravioli e riponeteli su un piano di lavoro infarinato.

Fate fondere un po’ di burro in un padellino antiaderente.

Mettete a bollire abbondante acqua salata, tuffate i vostri ravioli alle carote e timo e serviteli dopo circa una decina di minuti ancora fumanti in tavola, conditi semplicemente col burro fuso o con ciò che più vi ispira.

PS: sono congelabilissimi!

Precedente Fondi di carciofo con patate tonnate Successivo Torta salata con patate e wurstel, ricetta facile

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.