Crostata integrale di pesche

Crostata integrale di pesche

Ciao!

Oggi vi presento la “crostata integrale di pesche”. Si tratta di realizzare una pasta frolla con farina integrale e farcire la crostata con pesche fresche.

In questo periodo dell’anno in particolare, a casa mia in Calabria, non manca mai la frutta, soprattutto pesche e merendelle di nostra produzione (azienda Colaccino). Così ho pensato di utilizzare due tipi di pesche (pesche gialle e pesche noci) per la realizzazione di questo dolce. La ricetta è quella classica di Giallozafferano, ma ho fatto alcune varianti tra cui quella di utilizzare la farina integrale e di sostituire gli amaretti con la granella di mandorle. Ed ecco la mia versione della crostata di pesche.

La crostata integrale di pesche fresche e granella di mandorle è un dolce dal sapore rustico ma intrigante. Potete ovviamente sostituire le pesche con altra frutta fresca, come ad esempio le albicocche, merendelle, fichi, ecc. o utilizzare direttamente della marmellata fatta in casa. Ma se avete della frutta fresca matura che non riuscite a consumare subito, questa è la ricetta che fa per voi.

ingredienti:

Per la pasta frolla:

  • 150 g di farina 00
  • 150 di farina integrale (o ai cereali)
  • 3 tuorli
  • 125 g di zucchero a velo
  • 150 g di burro
  • 1 pizzico di sale

Per il ripieno:

  • 800 g di pesche gialle
  • 400 g di pesche noci
  • 60 g di mandorle
  • 30 g di burro
  • 1 cucchiaio di zucchero

Per la decorazione:

  • 1 uovo
Ingredienti per la crostata di pesche

procedimento

Unire le farine, burro e zucchero con l’impastatrice

Con la planetaria unire i due tipi di farina, dopo averle setacciate, il lievito, il burro tagliato a pezzettini e un pizzico di sale, fino ad ottenere un composto sbriciolato.

Aggiunta delle uova all’impasto della frolla

Aggiungere all’impasto i 3 tuorli d’uovo e continuare a lavorare lentamente.

Lavorare l’impasto della pasta frolla su una spianatoia

Trasferire l’impasto su una spianatoia e compattare con le mani per poco tempo per non ammorbidire troppo il burro. Una volta ottenuto un panetto, avvolgerlo nella pellicola trasparente e porlo in frigo per almeno una mezz’ora.

Preparazione delle pesche

Nel frattempo dedicarsi alla lavorazione delle pesche. Prendere le pesche gialle, lavarle, sbucciale e tagliarle a pezzettini.

Cottura delle pesche per il ripieno della crostata

In una pentola far sciogliere il burro e poi aggiungere le pesche e lo zucchero. Lasciare ammorbidire il tutto per qualche minuto.

Tritare le mandorle con un tritatutto

Nel frattempo prendere le mandorle e tritarle mediante un tritatutto fino ad ottenere una granella.

Aggiunta delle mandorle alle pesche cotte

Aggiungere le mandorle tritate alle pesche e continuare la cottura fino a quando il composto non sarà privo di liquido. Lasciare raffreddare il tutto a temperatura ambiente.

Stesura della pasta frolla e farcitura della crostata con le pesche e mandorle

Prendere la pasta frolla e stenderla su della carta da forno con l’aiuto del mattarello, fino ad ottenere uno spessore di circa mezzo centimetro. Ritagliare la pasta frolla un po’ più del diametro della teglia (24 cm), in maniera tale da creare il bordo. Stendere la pasta frolla nella teglia e bucherellare la superficie con una forchetta. Aggiungere le pesche cotte con le mandorle tritate e livellare il tutto.

Aggiunta delle pesche noci all’interno della crostata

Prendere le pesche noci, lavarle e tagliarle a fettine sottili. Disporre quest’ ultime su tutta la superficie della crostata secondo la vostra fantasia.

Decorare la crostata con strisce di pasta frolla

Con il resto della pasta frolla rimasta formare delle strisce per decorare la crostata, aiutandosi con due fogli di carta da forno.

Cottura della crostata

Spennellare la superficie della crostata con un uovo sbattuto. Cuocere la crostata in forno preriscaldato statico a 180 °C per circa 40 minuti oppure in forno ventilato a 160°C per circa 20-25 minuti.

Crostata integrale di pesche e granella di mandorle

La crostata integrale di pesche fresche e mandorle tritate è pronta da mangiare. Consiglio di servire le fette di crostata con una spolverata di zucchero a velo. Il dolce può essere servito sia tiepido che freddo.

Crostata integrale di pesche e mandorle

Buon appetito!

Anna

Seguitemi anche su Facebook – L’OSTERIA DI ANNA

Precedente Spaghetti al trito di cozze (ricetta di Augusto) Successivo Bocconcini di salmone e mozzarella

Un commento su “Crostata integrale di pesche

Lascia un commento