Crea sito

PANGIALLO ROMANO

PANGIALLO ROMANO ricetta laziale di Natale, ok lo ammetto, non lo avevo nel blog, e da Laziale vado nell’angolino in penitenza… ogni anno mi dicevo che dovevo farlo e poi mettevo sempre avanti altre ricette e questo povero pangiallo romano me lo dimenticavo, proprio io che è una ricetta di Natale tipica della mia zona! Ed alla fine ce l’ho fatta, ma partiamo dall’inizio perché il pangiallo romano è un dolce natalizio ricco di storia e molto antico, ha origini nell’antica Roma e precisamente durante l’era imperiale, si narra che veniva preparato dalle massaie nel giorno del solstizio d’inverno, per favorire il ritorno del sole, ci sono tante ricette e tante varianti, profumato e ricco di frutta secca, c’è chi mette fichi secchi, pistacchi e pezzi di cioccolato per renderlo ancora più ricco, mentre noi a Roma lo prepariamo molto semplice, solo frutta secca, miele, farina, cioccolato, ed una copertura giallo oro ottenuta con miele, farina e zafferano, siete pronti allora? Vediamo come preparare il PANGIALLO ROMANO!

PANGIALLO ROMANO ricetta laziale di Natale
  • Preparazione: 2 ore di riposo e per la preparazione 15 Minuti
  • Cottura: 35/40 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 2 panetti
  • Costo: Medio

Ingredienti

Per il pangiallo romano

  • 110 g Miele millefiori
  • 120 g Farina 00
  • 80 g Nocciole
  • 80 g Noci
  • 80 g Mandorle
  • 50 g Pinoli
  • 50 g Frutta candita (arancia e cedro)
  • 70 g Cioccolato fondente

Per la copertura

  • 2 cucchiai Farina 00
  • 2 cucchiai Acqua
  • 2 cucchiai Miele millefiori
  • 1 bustina Zafferano

Preparazione

  1. PANGIALLO ROMANO ricetta laziale di Natale

  2. Premessa;
    Ci sono molte ricette che indicano di tritare la frutta secca, io l’ho lasciata intera, al taglio di ogni fetta viene molto più bello ed anche nel gusto a me piace sentire la frutta secca, riconoscere le mandorle dalle noci ecc..  mentre tritata il gusto si mischia , ma questa scelta va molto secondo il vostro gusto personale.

  3. Versare il miele in un pentolino e farlo scaldare a fiamma molto bassa.

  4. In una terrina capiente versare le mandorle, le noci, i pinoli, le nocciole, i canditi e il cioccolato fondente fatto a pezzetti.

  5. Unire il miele molto caldo e mescolare con un cucchiaio.

  6. Aggiungere la farina poca per volta, mescolare con un cucchiaio per far incorporare completamente la farina.

  7. Coprire l’impasto del pangiallo con un canovaccio pulito e farlo riposare per 2 ore.

  8. Riprendere l‘impasto e con le mani leggermente oliate versarlo su una spianatoia, oppure se non l’avete va bene anche un foglio di carta forno.

  9. Dividerei l composto in due parti e sempre con le mani leggermente oliate formare i panetti, da noi si chiamano pagnottine.

  10. Mettere le pagnottine di pangiallo romano su una teglia foderata con della carta forno.

  11. In un pentolino mettere; farina, miele, acqua e zafferano, mescolare a fuoco dolce per pochi secondi, deve diventare una pastella gialla.

  12. Spalmare la superficie del pangiallo con la pastella e cuocerlo in forno statico a 170° per 35/40 minuti circa, se notate che si scurisce subito abbassare il calore a 160°

  13. Quando il pangiallo romano sarà cotto e ben dorato farlo raffreddare e poi avvolgerlo nella pellicola.

  14. Far riposare il pangiallo romano almeno 2 giorni prima di consumarlo, più riposa e più è buono.

  15. Il PANGIALLO ROMANO è una di quelle ricette che al primo morso fa subito casa, famiglia e albero di Natale, parola della vostra Vale!

  16. VALE CONSIGLIA; Se volete ragalarlo per Natale, preparate il pangiallo romano almeno una settimana prima e confezionatelo con la carta trasparente da pacchi e dei nastrini, sarà un regalo molto gradito.

  17. Torna alla HOME

    Metti MI PIACE alla mia pagina facebook per non perdere tutte le mie ultime ricette

CONSERVAZIONE

Il pangiallo romano si mantiente per 1 mese ben coperto da pellicola trasparente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.