Risotto alla rucola, salsa di scarola alla curcuma, scalogno e sale alla vaniglia

Ciascuno di noi, spesso, si imbatte in un frigorifero mezzo vuoto (o mezzo pieno, dipende dai punti di vista) e, con i pochi ingredienti che ci sono, deve riuscire a preparare un piatto, magari interessante e del tutto inaspettato.

Io in un frigo mezzo vuoto vedo una sfida, un modo per far lavorare la testa e la fantasia, troppo semplice creare qualcosa con gli ingredienti già pronti, agli amici che mi chiedono quale sia il modo migliore per imparare a cucinare io dico sempre di leggere dei libri (non di ricette ma di tecniche) ed aprire il frigorifero sfruttando le cose già presenti, solo così, secondo me, si riesce a stimolare la creatività.

Per questa ricetta creata all’ultimo minuto, che sprigiona una gran energia, ho scelto Immigrant Song dei Led Zeppelin:

  • Preparazione: 40 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

Risotto alla rucola

  • 320 g Riso Carnaroli
  • 200 g Rucola
  • 1/3 bicchiere Vino bianco secco
  • q.b. Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale

Salsa di scarola

  • 1/2 Scarola riccia (media)
  • 1 Patate (media)
  • q.b. Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale
  • q.b. Curcuma in polvere

Altri ingredienti

  • 1-2 Scalogno
  • q.b. Miele di castagno
  • 4 Fiori di zucca
  • q.b. Sale alla vaniglia (facoltativo)

Preparazione

  1. Pulite la patata e mettetela in una pentola con scalogno e olio evo, stufatela aggiungendo un po’ d’acqua e fate raffreddare bene.

    Mondate la scarola e sbollentatela in abbondante acqua poco salata per alcuni secondi, scolatela e mettetela subito in acqua e ghiaccio per bloccare la cottura. Scolatela ed unitela alle patate frullando il tutto ed aggiungendo olio evo a filo, un pizzico di sale (deve risultare lievemente insipido) e la curcuma fino a raggiungimento del vostro gusto ideale.

    Frullate

Risotto alla rucola

  1. Sbollentate la rucola e mettetela in acqua e ghiaccio per fermare la cottura, mettetela in un recipiente con olio evo e frullate bene. Nel frattempo in una casseruola ponete l’olio evo, il riso ed il sale (un po’ meno del previsto), tostate il riso e sfumate bene il vino. Aggiungete dell’acqua nella quale avete sbollentato la rucola fino a coprire il riso ed iniziate la cottura a fuoco allegro. Dopo circa 10 minuti (il Carnaroli cuoce generalmente in 15-16 minuti) aggiungete la metà della salsa di rucola e continuate a cuocere per altri 3 minuti fino a quando il riso risulterà al dente ma non avrà un sapore farinoso. Spegnete il fuoco ed aggiungete la restante salsa di rucola, mantecate versando l’olio evo a filo fino ad ottenere un composto lucido (non ne servirà molto).

Scalogno e fiori di zucca

  1. Mondate lo scalogno e tagliatelo in 4 nel senso della lunghezza, mettete un paio di cucchiaini di miele in un pentolino ed accendete a fuoco basso, quando risulterà caldo, ponetevi i petali di scalogno e lasciate cucinare finché sarà diventato tenero. Metteteli da parte.

    Sciacquate i fiori di zucca e tagliateli in quarti privandoli della parte inferiore più consistente, che potete tritare e riutilizzare in altre preparazioni come un risotto o una pasta alle zucchine e fiori di zucca. Asciugateli su carta assorbente.

Impiattamento

  1. Utilizzando un coppapasta poggiato sul piatto, versatevi all’interno il riso e mettete la salsa di scarola calda intorno. Adagiate sulla salsa qualche petalo di fiore di zucca e lo scalogno sul riso, rimuovete il coppapasta e spargete qualche pizzico di “sale di Cervia dolce alla vaniglia”. Decorate con dei fiori edibili ed iniziate a mangiare!

Vino da abbinare

  1. Il vino per noi ideale da abbinare al piatto è il “Greco di tufo DOCG” di Feudi San Gregorio, composto dalla varietà Greco al 100%.

    L’azienda lo descrive come: “Il profumo è intenso e persistente. Si riconoscono al naso nette sensazioni di frutta. Al gusto si percepisce immediatamente la spalla acida e la spiccata mineralità, tipica del vitigno coltivato a Tufo. Seguono morbide note balsamiche.”

    https://www.feudi.it/degusta-i-nostri-vini/greco-di-tufo

Note

Precedente Spaghetti di Gragnano, melanzane e salsa di pane Successivo La rucola

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.