Crea sito

Pizza in teglia con mozzarella di bufala 2 grammi di lievito e 24 ore lievitazione

La pizza in teglia con mozzarella di bufala 2 grammi di lievito e 24 ore lievitazione è facile da preparare leggera e morbida grazie alla lunga lievitazione e al pochissimo lievito usato. La mozzarella di bufala rilascia in fase di cottura del latte che rende morbidissima e gustosa la pizza. Al link Ricette di pizza potete trovare tutte le ricette delle pizze  e al link ricette di Focacce trovate tutte le focacce.

izza in teglia con mozzarella di bufala 2 grammi di lievito e 24 ore lievitazione

Ingredienti

250farina 0
250farina 00
400 ml acqua 
1 cucchiaio di  olio di oliva
10 g sale fino
2lievito di birra
1/2 cucchiaino di zucchero
q.b. farina di semola di grano duro
500 ml salsa di pomodoro
500 g mozzarella

Preparazione

Questo impasto ha bisogno di 24 ore di lievitazione.

In una ciotola mettete la farina l’importante che sia adatta a lunghe lievitazioni  quindi vanno benissimo le farine  forti con W240-260 o quelle molto forti come la manitoba W400 circa.

Fate riscaldare l’acqua deve essere tiepida. Sciogliere il lievito di birra solo 2 grammi in 200 ml di acqua e zucchero.

Al centro della farina aggiungete metà dell’acqua in cui avrete sciolto il lievito.

Potete usare anche quello secco, senza scioglierlo. Vi basterà meno di 1 g (dovrete usare una bilancia di precisione).

Cominciate ad impastare con una forchetta o un cucchiaio e unite il resto dell’acqua. 

Quando il lievito sarà stato assorbito aggiungere il resto di acqua tiepida l’ olio e il sale e continuate a mescolare; l’impasto sarà molto morbido, vi sembrerà un pò liquido.

Lasciate riposare per circa 30 minuti coperto da un panno a temperatura ambiente.

Riprendete l’impasto e rovesciatelo sul piano di lavoro infarinato con farina di semola.

La semola è importante perchè, a differenza della farina bianca, non sarà assorbita dall’impasto.

Allargate l’ impasto sul piano di lavoro e fare delle pieghe prima da un lato riportando l’estremità verso il centro, e poi dall’altro lato e procedete con tutti i lati portandoli verso il centro. Piegate ora a metà, come fosse un libro chiuso. Capovolgete e fate riposare circa 20 minuti coperto da un panno.

Procedete con le pieghe per almeno 3 volte a distanza di 20 minuti; in questo modo l’impasto incorporerà aria e si avranno le famose bolle. Rimettete l’impasto nella ciotola e coprite con pellicola.

Riponete in frigo in basso e lasciatelo per 24 ore.

Il giorno successivo estraete l’impasto dal frigo e lasciatelo a temperatura ambiente per 30 minuti.

Distribuite nel fondo della teglia un filo di olio. Se dovete usare due teglie di 25×30 cm  oppure rotonde da 24 cm dividete l’impasto in due mentre se la teglia è  grande 35×40 cm usate tutto l’impasto.

Stendete l’impasto nella teglia con le mani; l’impasto essendo molto elastico tenderà a tornare indietro ma con molta pazienza continuate a distenderlo aspettando qualche minuto.

Coprite con un canovaccio umido da cucina e lasciate lievitare per altre 2 o 3 ore.

Versate la salsa di pomodoro che abbiamo precedentemente preparato facendola cuocere con sale, olio e spezie a piacere. La salsa non deve essere acquosa ma ben asciutta.

Distribuite la salsa ancora tiepida sulla pizza; il calore della salsa infatti aiuta la seconda fase di lievitazione. Mi raccomando, calda ma non bollente!

Riscaldare il forno al massimo 240 gradi statico .

Infornate e fare cuocere per 25 minuti circa nella parte più bassa del forno ma non bassissima; attenzione e non farla bruciare sotto.

Trascorso il tempo sfornate la pizza e aggiungiamo la mozzarella di bufala a dadini. Quindi mettete in forno per altri 5 minuti.

La pizza è pronta! Alta, soffice, con la mozzarella filante. Irrorare con un filo d’olio e gustare!

****************************

Seguimi su facebook : https://www.facebook.com/CucinandoGustando

Seguimi anche su Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.