Calzoni fritti rosticceria siciliana

Calzoni fritti rosticceria siciliana, un calzone che racchiude ingredienti semplici che si sciolgono in bocca, una soffice pasta brioches resa croccantina all’esterno grazie alla frittura asciutta!

Un pezzo che fa parte della cosiddetto tavola calda siciliana, l’unico insieme alle arancine ad essere fritto, la sua origine ha radici nella patria del street food “Palermo”, diventato oggi parte integrante della rosticceria che rappresenta la Sicilia in tutta Italia.

Questo calzone in realtà si può fare anche al forno, e con i condimenti più svariati, io ho messo il classico prosciutto e mozzarella, ma si possono far gusto pizza, con mozzarella e pomodoro, salame e scamorza, melanzane pomodoro e mozzarella, funghi e prosciutto, insomma per la farcitura potete dare libero sfogo al vostro gusto personale!

La ricetta originale prevede una lievitazione lenta, meno lievito di birra mettiamo meglio è, ma per praticità ho provato anche la lievitazione istantanea e devo dire che sono venuti bene comunque, anche se la sofficità della lunga lievitazioni non ha paragoni ripagata anche da un sapore buonissimo e quasi assente da sentore di lievito.

Se ami la rosticceria siciliana, QUI trovi la ricetta delle arancine alla carne e QUI quelle al prosciutto!

Seguimi sulla mia pagina facebook Sapore di Arianna, potrai seguire le dirette delle ricette proposte sul blog 😉 ti aspetto!!

calzoni fritti rosticceria siciliana
  • Preparazione: 2 Ore
  • Cottura: 15 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 15 pezzi
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Farina 00 500 g
  • Acqua 250 g
  • Zucchero 40 g
  • Strutto (potete sostituire con la stessa quantità di Burro) 50 g
  • Lievito istantaneo per preparazioni salate (in sostituzione al lievito di birra per la versione senza lievitazione) 1 bustina
  • Lievito di birra (da omettere se utilizzate il lievito istantaneo) 15 g
  • Sale 10 g
  • Olio di semi (per friggere)
  • Malto d'orzo (E' un miglioratore naturale che si può omettere) 1 cucchiaino

Preparazione

  1. calzoni fritti rosticceria siciliana

    Per la realizzazione dei vostri calzoni fritti rosticceria siciliana, mettete in un contenitore capiente, la farina e lo strutto, fate sciogliere lo strutto sfregandolo insieme alla farina tra le mani. Aggiungete lo zucchero.

    In un contenitore mettete l’acqua tiepida. Aggiungete il lievito di birra e fatelo sciogliere.

    Se volete fare i calzoni fritti a lievitazione istantanea, aggiungete invece una bustina di lievito istantaneo nella farina.

    Iniziate a impastare dentro la ciotola, aggiungete il sale e il malto (potete ometterlo).

    Trasferite l’impasto su un piano e impastate fino a quando non avrete ottenuto una palla omogenea, elastica, morbida e liscia.

  2. A questo punto dividete l’impasto, aiutandovi con la bilancia, formando delle palline di circa 50/55 g ciascuna (se volete fare dei calzoni più piccoli magari destinati a un buffet , dimezzate la dose).

    Schiacciate le palline con i polpastrelli formando dei dischetti rotondi, al centro farciteli come più desiderate, io ho messo prosciutto e mozzarella, non lesinate siate abbondanti, la mozzarella o i formaggi se usate anche gli affettati vi consiglio di aggiungerli al centro di essi chiudendoli.

    Mettete il condimento in modo centrale in modo da poter chiudere facilmente a metà il disco, formando una mezza luna.

    Trasferite i vostri calzoni su una teglia infarinata (non carta da forno, perchè tendono comunque ad attaccarsi), copriteli e fateli lievitare per una o due ore dipende da quanto lievito avete utilizzato, mentre se avete utilizzato il lievito istantaneo procedete tranquillamente a friggerli.

  3. Riscaldate abbondante olio di semi in una padella o in un pentolino con bordi alti, fate la prova dello stecchino, immergete uno stecchino se vedete che fa bollicine, l’olio è pronto!

    Immergete i calzoni, e fateli dorare prima da un lato e poi dall’altro.

    Quando saranno bruni trasferiteli su carta da cucina assorbente, per eliminare l’olio in eccesso.

    Mangiateli caldi caldi, sono fantastici, filanti , soffici e croccanti.

    Alla prossima da Sapore di Arianna!

Note

Precedente Gnocchi con crema di pistacchi e speck Successivo Torta salata con porri tonno e olive

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.