Crea sito

Torta Camilla (versione leggera)

Ciao! Oggi voglio proporvi un altro dolce buono, salutare e senza zuccheri: la “TORTA CAMILLA (VERSIONE LEGGERA)”! Ho cercato diverse ricette su internet e alla fine ho preso spunto dalla ricetta del blog “Cuor di ciambella”, apportando però qualche modifica. La classica torta “Camilla” prevede l’utilizzo della farina di mandorle, che io ho sostituito con un mix di pinoli, nocciole e pistacchi tritati, e delle carote grattugiate. Per rendere la ricetta ancora più sana, ho deciso di sostituire alla farina normale quella integrale e al posto dello zucchero semolato ho utilizzato la Stevia, un dolcificante naturale, adatto anche per chi soffre di diabete.
Quindi se volete iniziare bene la giornata con una torta gustosa, profumata ma soprattutto leggera..cosa aspettate?
Qui di seguito tutti gli ingredienti e i passaggi per realizzare la torta Camilla in versione fit!
Grazie ancora per seguirmi!
A presto!
Anna

Torta Camilla
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzionitortiera da circa 21 cm di diametro
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 200 gCarote (grattugiate)
  • 150 gFarina integrale (io di grano saraceno)
  • 110 gmix di pinoli, nocciole e pistacchi (oppure mandorle o farina di mandorle)
  • 75 gSucco d’arancia
  • scorza di 1 arancia
  • 70 gstevia in polvere (o altro dolcificante a piacere)
  • 70 gOlio
  • 3Uova
  • 1 pizzicoSale
  • 10 gLievito in polvere per dolci
  • fettine di arance (per decorare)
  • foglioline di menta (per decorare)

Strumenti

  • Planetaria
  • Sbattitore
  • Tritatutto
  • Ciotola
  • Cucchiaio

Preparazione

  1. Ingredienti

    Prima di tutto preparare tutti gli ingredienti necessari alla preparazione della torta.

    Prendere quindi le carote, lavarle, pelarle e tritarle con un tritatutto o grattugiarle.

    Passare a tritare anche i pinoli, nocciole o pistacchi (va benissimo anche utilizzare solo mandorle o direttamente la farina di mandorle).

    Prendere l’arancia e ricavarne il succo e grattugiarne la buccia.

  2. Preparazione impasto

    Con l’aiuto di una planetaria o di uno sbattitore elettrico, montare le uova con lo zucchero.

    Aggiungere al composto il succo d’arancia e l’olio, poi la farina ed infine le carote grattugiate.

  3. Cottura della torta

    Versare l’impasto in una tortiera rivestita con della carta da forno bagnata e strizzata.

    Cuocere la torta in forno statico preriscaldato a 180°C per 35 minuti.

    Decorare la torta Camilla con fette sottili di arance e qualche fogliolina di menta fresca.

I miei consigli

Al posto del mix di pinoli, nocciole e pistacchi, potete utilizzare mandorle o la farina di mandorle.

Potete sostituire la Stevia con del miele o con lo zucchero di canna o anche quello semolato.

Vi suggerisco di servire la torta Camilla con delle fettine di arance e dello yogurt light.

PER SCOPRIRE DI PIU’:

Se sei interessato ad altre ricette di DOLCI, clicca QUI.

Se invece vuoi leggere altre ricette di TORTE, clicca QUI.

Oppure se vuoi scoprire altre ricette di DOLCI DA COLAZIONE, clicca QUI.

Seguimi anche su FACEBOOK – L’OSTERIA DI ANNA –  e clicca MI PIACE sulla pagina per rimanere aggiornato su tutte le mie ricette.

Seguimi anche su INSTAGRAM – @losteriadianna

Mi trovi anche su PINTEREST – LOSTERIADIANNA

Per tornare alla HOME PAGE clicca QUI.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Annamaria

Ciao a tutti! Mi chiamo Annamaria, per gli amici Anna, vivo ormai da diversi anni nella bellissima città di Ravenna, ma sono calabrese. La mia passione per la cucina nasce da piccolissima. Ricordo ancora che a soli cinque-sei anni chiedevo sempre alla mia carissima nonna Maria "Prepariamo una torta?", costringendola a volte ad uscire di casa per andare a comprare gli ingredienti, se mancavano. Sono stata sempre curiosa in cucina e tutte le volte che mia mamma cucinava o si cimentava in una nuova ricetta, io non la mollavo e facevo sempre mille domande. Direi che le cose, ad oggi, non sono molto cambiate..anzi la passione per la cucina è rimasta. Oggi a testare le mie ricette c'è il mio ragazzo, Matteo, il quale ogni tanto si lamenta non dei miei piatti ma di qualche chilo di troppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.