Crea sito

“GHIOTTA D’OVA” CON PATATE, SEDANO, CAROTE E CIPOLLE

Ciao a tutte/i! Oggi torno a parlare di tradizione siciliana, anche se sono ricette che spesso tendo a rendere mie con piccole varianti. Ma di cosa volevo parlarvi?… Ah sì, di una ricetta tipica siciliana, un piatto povero della tradizione più antica, quella tramandata dai miei nonni e dai bisnonni. La “ghiotta d’ova” è una di queste. Letteralmente la “ghiotta” indica una zuppa, più o meno brodosa, solitamente a base di patate, pomodoro e “cucuzza longa”. Quest’ultima è un tipo di zucchina che cresce nella mia regione, ma che in altre regioni d’Italia è conosciuta come “Zucchina a trombetta”. Sulla mia tavola, quella della zona del trapanese, un’aggiunta proteica alla ghiotta erano le uova. I miei nonni paterni in particolare, ed i nonni materni di mio marito raccontavano sempre di essere cresciuti in campagna e di aver allevato,da sempre, le galline per le uova. Quindi era, per loro, un ingrediente a costo zero (e a km zero, aggiungerei!) che rendeva la “ghiotta” più ghiotta! Perciò la mia variante prevede, per l’appunto, l’aggiunta delle uova. Scusate, ma sono rimandi familiari a cui non posso rinunciare! Tuttavia, su una cosa devo purtroppo soprassedere.. io non amo per niente la “cucuzza longa” e neanche il maritino, per cui io l’ho tolta ed ho aggiunto sedano e carote. Vi lascio alla mia ricetta!

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 6Uova (possibilmente “di casa”)
  • 1Cipolle ramate
  • 3 cucchiaiOlio extravergine d’oliva
  • 2Carote
  • 2Sedano (le coste)
  • 3Patate (medio-grandi)
  • 500 mlBrodo vegetale
  • q.b.Sale
  • q.b.Pepe

Preparazione

  1. Per prima cosa, occupiamoci delle verdure. Tagliate le carote a rondelle, le patate in cubi 2×2, il sedano  a tocchetti di 1 cm e la cipolla a fette.

  2. In una pentola, o una padella capiente, scaldate l’olio e rosolatevi cipolla, sedano e carote per 7 minuti. Aggiungete, quindi, le patate e fatele insaporire per 4-5 minuti a fuoco dolce. Salate e pepate.

  3. A questo punto, aggiungete in pentola il brodo ben caldo e fate cuocere per circa 25-30 minuti senza coperchio. Il brodo dovrà restringersi un pochino.

  4. Ora potete aggiungere le uova: apritele delicatamente e versatele una per volta nella zuppa. Fatele rapprendere appena appena, quindi mescolate ogni tanto. La mia nonna le faceva stracciate, io faccio una via di mezzo.

  5. Servitele ben calde, accompagnate con del pane raffermo da “pucciare” all’interno!

Note

Ovviamente potete seguire la mia variante, o fare tutte le varianti che vorrete, visto che è comunque un piatto che si presta a numerose modifiche e/o aggiunte. Fatemi sapere se la provate in altri modi, sono davvero curiosa! Per chi volesse, invece, seguire la tradizionale ricetta, quella con la “cucuzza longa” può leggere l’articolo pubblicato su “Palermo Today” seguendo il link https://www.palermotoday.it/blog/pasticci-pasticcini-di-mimma/cucuzza-longa-patate-cipolle-pomodoro-ricetta.html

Se volete saperne di più sulle uova, cliccate sul link UOVA: PROPRIETA’ ED EFFETTI BENEFICI

Se volete saperne di più sulle patate, cliccate sul link PATATE, tipologie, proprietà ed effetti benefici

Se volete maggiori informazioni su proprietà e benefici del sedano, leggete il mio articolo SEDANO, proprietà e benefici

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da lacucina(im)perfetta

Appassionata di cucina, mi piace la cucina tradizionale, ma anche provare ricette alternative. In questo blog voglio condividere le mie ricette del cuore, quelle familiari, e tante altre idee e curiosità. Voglio accompagnarvi tra i fornelli di casa mia senza essere pretenziosa. Sono una persona semplice e voglio utilizzare una impostazione semplice. E' la mia cucina, la mia cucina imperfetta!

Lascia un commento