Le coste di cavolo nero in frittata

Stavo pulendo il cavolo nero dalle coste la parte di cavolo nero più dura: comprato al mercato, per stufarlo e ho tenuto da parte le coste che solitamente li uso per fare un ottimo pesto, ho pensato voglio cambiare trovare un altra ricetta. Siamo in un era che il cibo non si butta ma bisogna trovare il modo per avere meno scarti possibili. questa volta vi propongo di utilizzarle, scoprendone così la loro bontà e genuinità. Ho eliminato il fondo della costola Il gambo così pulito, lo tagliamo tutto a tocchetti di un centimetro circa. Poi uova tanto parmigiano e si ottiene un ottima fritta una signora frittata che ci siamo divisa e gustata molto volentieri. Il cavolo nero il suo contenuto in minerali è interessante. Una fonte di calcio insieme alla vitamina K , ci aiuta a proteggere le ossa e di zinco e di ferro.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Porzioni2
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per frittata di coste di cavolo nero

  • 80 gcavolo nero (le coste)
  • 4uova
  • 50 gparmigiano Reggiano DOP
  • 1/3cipolla dorata
  • q.b.sale
  • q.b.pepe
  • 2 cucchiaiolio extravergine d’oliva

Strumenti

  • Ciotola
  • Padella
  • Pentola

Preparazione della frittata di cavolo nero

  1. Per prima cosa eliminiamo il fondo della costola

  2. Il gambo così pulito, lo tagliamo tutto a tocchetti di un centimetro circa.

    In una pentola piena d’acqua e lessiamo i gambi.

  3. Togliete quando saranno morbidi, scolandoli bene.

  4. Nel frattempo soffriggere un pezzo di cipolla con 2 cucchiai di olio evo.

  5. In una ciotola sbattere le uova con il formaggio, un pizzico di sale, pepe.

  6. Alle uva sbattute aggiungere le coste raffreddate mescolare molto bene.

  7. Una volta che avrete preparato il vostro composto, preparate una padella antiaderente (per staccare la frittata dal fondo più facilmente e poterla girare), con olio evo. Potete usare anche il burro in sostituzione dell’olio, ma evidentemente sarà più grassa. Scaldatelo per due minuti a fuoco medio, dopo, abbassate la fiamma, versare il composto e iniziate la cottura ricoprendo la padella con un coperchio.

  8. Quando la superficie è quasi rappresa (dopo 5 minuti al massimo), arriva il momento cult: come girare la frittata io mi aiuto con un piatto.

    (A metà cottura rigirate la frittata e finite di cuocere).

    Quando dovrete girare la frittata, prendete un piatto grande e piano e poggiatelo sulla vostra padella, assicurandovi che sia ben saldo, poi vi basterà mettere una mano sul piatto e l’altra sul manico e ruotare la pentola, così la pietanza si sistemerà sulla stoviglia. Una volta fatto ciò, riposizionate la pentola sul fuoco e fate scivolare giù dal piatto la frittata, facendola tornare all’interno del tegame, così si cuocerà anche dall’altro lato.

  9. Servire calda.

    Buon appetito.

Consigli

Oppure cambiate modalità di cottura: passate dalla padella sul fuoco alla teglia nel forno a 180° per 20/25 min.

4,3 / 5
Grazie per aver votato!
Precedente Sugo il ragù di carne Successivo Patate e finocchi sabbiose cotte in padella