Taralli bolliti con il taglio pugliesi la ricetta originale

Taralli bolliti con taglio pugliesi la ricetta originale, prodotto da forno, lo snack più diffuso e pratico da gustare in qualsiaisi ora del giorno. Ricordo ancora quando da piccola li preparavo con la nonna. Croccanti, gustosi, vegani realizzati con pochissimi ingredienti semplici. Andiamo in cucina e vediamo come si preparano.

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 500 gFarina 0
  • 120 mlOlio di oliva
  • 80 mlvino bianco
  • 1 cucchiaioSale
  • 1 pizzicoBicarbonato
  • q.b.Acqua

Strumenti

  • Pentola
  • Teglia

Preparazione

  1. Su di un piano mettere la farina fare un buco centrale, versare l’olio di oliva, il vino tiepido, aggiungere il sale, il bicarbonato e mescolare tutti gli ingredienti.

    Versare l’acqua poco per volta e impastare, si deve ottenere un panetto liscio e omogeneo.

    Tagliare un pezzo e con le mani realizzare un tubolare di 1,5 cm, lungo circa 10 cm e avvicinare le punte e realizzare una anello.

    Proseguire così fino alla fine dell’impasto.

    Versare dell’acqua in una pentola aggiungere il sale,portarla a bollore e immergere poco per volta i taralli.

    Devono bollire, quando salgono a galla estrarli con una schiumarola.

    Disporli su di un canovaccio, uno accanto all’atro.

    Proseguire con la bollitura degli altri taralli.

    Quando si saranno raffreddati con un coltello fare un’incisione su tutta la circonferenza.

    Adagiare tutti i taralli in una teglia uno accanto all’altro e infornare a 200° i primi 10 minuti e poi a 170 per circa 20 minuti.

    Sono pronti quando diventano dorati.

    Ecco pronti i Taralli bolliti con taglio pugliesi la ricetta originale.

    Buon appetito!

    Se ti piace questa ricetta continua a seguirmi anche su Facebook, clicca mi piace sulla mia pagina I MANICARETTI DI NONNA LELLA nozioni di cucina amatoriale, dalla mia cucina alla vostra.

    Puoi tornare alla Home per poter leggere tutte le mie ultime ricette.

    P.S. si conservano bene per 15 giorni in contenitori di vetro.

    Altre ricette pugliese: Cardi gratinati al forno, Mandorle atterrate ricetta, Cartellate fritte al miele, Orobanca o sporchia ad insalata e Taralli Pasquali.

Consigli della nonna

Si possono aggiungere all’impasto i semi di finocchio.

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *