Crea sito

Intorchiate con le mandorle

Le intorchiate con le mandorle sono dei dolci tipici pugliesi a forma di treccia, croccanti e dal gusto delicato, con il vino nell’impasto e ricoperte di mandorle.Ottime come fine pasto, o per la pausa thè sono i classici dolcetti da credenza, delle tante ricette della nonna.Gli ingredienti: la farina,il vino, il burro,l’olio di oliva, il lievito per dolci,le mandorle e lo zucchero. Andiamo in cucina e vediamo come si realizzano.

Intorchiate con le mandorle

Intorchiate con le mandorle

INGREDIENTI

500  gr di farina

100 ml di vino bianco

100  gr di burro

100 ml di olio di oliva

1  bustina di lievito per dolci

70  gr di zucchero

mandorle q.b.

zucchero per decorare q.b.

ESECUZIONE

Mettere su di un piano la farina,lo zucchero, il burro morbido, il lievito, l’olio di oliva,

il vino bianco, lavorare tutti gli ingredienti e  formare un impasto liscio e omogeneo.

Tagliare un pezzo e realizzare un tubolare di un centimetro di diametro, tagliarlo ulteriormente della

lunghezza di 10 cm. Prendere due tubolari e intreccirli fra loro.

Proseguire così fino alla fine dell’impasto.

Chiudere bene le punte premendo con le dita.

Mettere dello zucchero in un piatto e passare le paste poggiando la

parte superiore delle trecce.

Incastonare le mandorle spellate,negli spazi più profondi.

Adagiarle su di una teglia con carta da forno.

Infornare a 180° per circa 30 minuti.

N.B. per spellare le mandorle immergerle in acqua bollente per qualche minuto,poi togliere la buccia.

Se ti piace questa ricetta continua a seguirmi anche su Facebook, clicca mi piace sulla mia pagina

I MANICARETTI DI NONNA LELLA nozioni di cucina amatoriale, dalla mia cucina alla vostra.

ALTRE RICETTE PUGLIESI:

Ricetta colombine di Pasqua

Ricetta torrone artigianale pugliese

Cartellate oppure Carteddate ricetta Pugliese

Taralli quattro uova ricetta antica

Bocconotti di mandorle (ricetta passo, passo)

Pastatelle

Taralli Pugliesi

Le pettole Pugliesi

Taralli con lo zucchero

Taralli Pasquali

Fichi secchi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *