Pesto di finocchietto selvatico fresco ricetta siciliana

Il pesto di finocchietto selvatico fresco ricetta siciliana

Il pesto di finocchietto selvatico fresco ricetta siciliana si ottiene dal Finocchio Selvatico, conosciuto anche come finocchietto selvatico. Il suo nome scientifico è Foeniculum vulgare MillerE’ una pianta aromatica appartenente alla famiglia dello umbelliferae ed è originaria delle regioni mediterranee. Dalle nostre parti, in Sicilia Orientale, è una pianta molto diffusa nelle zone costiere e sono assai note le sue proprietà aromatiche, soprattutto per il suo utilizzo in cucina. Si utilizza come condimento per le carni grasse, vedi la salsiccia di maiale tipica ragusana, condita con i semi di finocchietto, come condimento nella pasta con le sarde, per preparare il liquore e si utilizza sempre nelle minestre con i legumi. 


Il pesto di finocchietto selvatico fresco ricetta siciliana è diventata il mio cavallo di battaglia in cucina, da quando dopo avere frequentato un corso di fitoalimurgia, ho scoperto i benefici e i molteplici utilizzi di questa pianta in ambito culinario. Prima lo mangiavo, solo sbollentato nella pasta condita con il finocchietto selvatico o conosciuta anche come pasta con le sarde “a mare”. Una sorta di pasta ‘ntegamata, un primo piatto siciliano della domenica, legato alla mia infanzia che mia nonna mi preparava spessissimo.
Oggi vi darò la mia ricetta siciliana di pesto fresco, nella quale utilizzerò la “barbetta”, la parte più tenera della pianta e pochi altri semplici ingredienti con un ottimo risultato. Provatelo

Il pesto di finocchietto selvatico fresco ricetta siciliana
  • DifficoltàMedio
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Porzioni8
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 mazzettoFinocchietto selvatico (60 grammi)
  • 50 gPinoli
  • 30 gMandorle
  • 2Acciughe (alici)
  • 50 gPomodori secchi sott’olio
  • 1 bicchiereOlio di oliva
  • 100 gFormaggio pecorino grattuggiato

Strumenti

  • 1 Coltello
  • 1 Frullatore / Mixer
  • 1 Canovaccio
  • 1 Ciotola
  • 1 Padella

Preparazione del pesto di finocchietto selvatico fresco

  1. Per prima cosa pulite il finocchietto selvatico togliendo i gambi più grossi e trattenendo la barbetta. Lavatelo sotto il getto d’acqua e asciugatelo tamponandolo con un canovaccio.

  2. In un padellino antiaderente tostate prima i pinoli e poi le mandorle private della buccia. A scelta potete unire anche delle noci .

  3. Tagliuzzate il finocchietto al coltello e trasferitelo in un frullatore, unite mezzo bicchiere di olio, i pinoli e le mandorle leggermente tostate.

  4. Aggiungete le alici e i pomodori secchi.

  5. Frullate fino a quando otterrete un composto fluido e omogeneo.

  6. Unite l’olio rimanente, poco alla volta, per ammorbidire e rendere cremoso il vostro pesto.

  7. Unite il formaggio solo al momento di servire. Il vostro pesto di finocchietto selvatico fresco è pronto. Questo condimento è ottimo per condire delle bruschette o come condimento per la pasta.

Note

Potete conservare il pesto in frigo per due o al massimo per tre giorni. Preoccupatevi che ci sia abbastanza olio da ricoprirlo interamente.

4,5 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Fantasia in Cucina

La mia passione per la cucina e il buon cibo è nata grazie al mio lavoro e ai miei viaggi. Ho iniziato sin da piccola a raccogliere le ricette di tutto ciò che mi piaceva mangiare e ad appuntarlo su una agenda. Con il passare degli anni è cresciuta in me la passione per la cucina e la tradizione enogastronomica del territorio ibleo. Il mio vuole essere un blog che non è un semplice sito di ricette, ma anche un viaggio della memoria, della cultura di un popolo, quello degli abitanti dei Monti Iblei, in Sicilia, luogo d’incontro tra le province di Ragusa, Siracusa e Catania. Dietro ogni ricetta c'è una storia, talvolta di una famiglia, di un incontro o di un viaggio. Il mio intento è quello di svelare, conservare e di tramandare attraverso le mie ricette l’anima, i saperi, le tradizioni, le passioni e la storia di un popolo. Cucino, fotografo mangio e posto. Mi piace anche consigliare ai miei amici oltre alle ricette sfiziose anche dove mangiare nei locali caratteristici dove andare a mangiare in Sicilia. Se vi va seguitemi, siete i benvenuti. Barbara

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.