Sfince di San Giuseppe

Sfince di San Giuseppe, o sfinci di San Giuseppe, sono dei dolci fritti siciliani, sembra siano originali di Palermo, da lì, si sono poi diffusi soprattutto nella parte più occidentale, per poi divenatare più noti in tutta la regione.
Le sfince di San Giuseppe, prendono il nome appunto dalla festa per la quale venivano preparate, sono infatti uno dei dolci per eccellenza del 19 marzo, la festa del papà, anche se con il tempo, le cose sono un po’ cambiate, infatti ora in gran parte della Sicilia si trovano praticamente tutto l’anno.
Come tanti dolci siciliani, anche in questo caso, uno degli ingredenti principali è la ricotta, le sfince infatti vengono farcite con crema di ricotta con pezzetti di cioccolato, per poi essere decorate con arancia candita e granella di pistacchi, solitamente si utilizzano anche le ciliegie candite (io non le ho utilizzate).
Le sfince o sfinci, si realizzano con una sorta di pasta choux, il loro interno infatti è vuoto, anche se fritte si gonfiano come i bignè e vengono appunto farcite al loro interno.
Vi devo confessare che su questa ricetta non avrei scommesso nulla, anzi, ero abbastanza preoccupata perchè era la prima volta che preparavo le sfince e nel versare il composto nell’olio ero molto titubante, più che altro perchè nel docuentarmi, leggevo ovunque che la loro cottura è lunga, infatti devono cuocere per 15 minuti e questa cosa mi sembrava molto strana, ho fissato le mie sfince per tutta la cottura, un po’ incredula e diffidente, ma poi pian piano ho visto la magia, le ho viste gonfiarsi pian piano fino quasi a triplicare di volume.

  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni10 pezzi
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana

Ingredienti per 10 pezzi

100 g farina 00
3 uova
125 ml acqua
30 g strutto (o burro)
1 pizzico sale

Ingredienti per 20 pezzi

250 g farina 00
250 ml acqua
5 uova
60 g strutto (o burro)
1 pizzico sale

Per friggere

1 l olio di arachide (o strutto )

Ripieno per 20 pezzi

600 ricotta di pecora
240 g zucchero
100 g cioccolato fondente (o gocce di cioccolato)
q.b. granella di pistacchi
q.b. arancia candita
q.b. ciliegie candite

Strumenti

1 Pentola
1 Padella
1 Ciotola
1 Sac a poche
1 Mestolo
2 Cucchiai

Procedimento per le sfince di San Giuseppe

Vi consiglio di comprare la ricotta il giorno prima, avvolgetela in una tovaglietta e lasciatela una notte in frigorifero in modo da perdere il siero in eccesso.
La mattina dopo, versate la ricotta in una ciotola, aggiungete lo zucchero e lavoratela possibilmente con le fruste elettriche in modo da ottenere una crema.

Versate l’acqua e lo strutto, o il burro in una pentola dal fondo spesso, portate a ebollizione, quando arriva a bollore, aggiungete un pizzico di sale e la farina, e mescolate con un mestolo di legno, in pochi istanti il composto si staccherà dalle pareti, a quel punto spegnete la fiamma.
Aspettate che il composto sia tiepido e aggiungete un uovo alla volta man mano che verrà assorbito, potete amalgamare con un semplice mestolo, con le fruste elettriche o con una planetaria, l’importante è che otteniate un bel composto liscio, morbido e che questo abbia incorporato aria.

Versate l’olio o lo strutto in una padella capiente, calcolate che le sfince si gonfieranno durante la cottura, a fine cottura risulteranno quasi triplicate di volume quindi necessitano di abbbastanza spazio, io ne ho cotto 10 in una padella di 32 cm circa.

Con l’aiuto di due cucchiai versate il composto nell’olio caldo, l’olio non deve essere troppo caldo, meglio tenere la fiamma media perchè per la cottura perfetta ci vorranno esattamente 15 minuti, ricordate che questo passaggio è molto importante, le sfince si gonfiano poco alla volta, se l’olio è troppo caldo è impossibile ottenere questo risultato, dovete quindi avere pazienza, girarle di tanto in tanto e aspettare.
Ricordate di versare poco composto per ogni sfincia, va bene il quantitativo che ci sta in un cucchiaio.
Quindi se utilizzate una padella capiente come la mia, riuscirete a cuocere tutto il composto se avete preparato per 10 sfince, o metà del composto, quindi in due tempi, se avete preparato per 20 sfince.
Cuocete quindi le vostre sfince per 15 minuti tenendole controllate e girate spesso, scolatele e adagiatele su carta assorbente in modo da perdere eventuale olio in eccesso.

Una volta cotte tutte le sfince, non vi resta che mettere la crema di ricotta in una saccapoche e farcirle sia all’interno che all’esterno.
Ultimate con granella di pistacchio, arancia candita e ciliegie candite (io non le ho messe).

La sfince di San Giuseppe sono pronte, non vi resta che gustarle!

Conservazione

Potete conservare le sfince in frigorifero fino a un massimo di 48 ore.
Io preferisco però farcire solo quelle che consumo subito, conservare la crema di ricotta in frigorifero e farcirle solo al momento di servirle, tenendo le sfince vuote a temperatura ambiente.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.