Crea sito

Cheesecake con salsa di mirtilli freschi

La cheesecake è uno dei più classici e famosi dessert americani, oltre che uno dei più buoni! Esiste in moltissime varianti: al cioccolato, alla vaniglia, ai frutti rossi…io vi propongo la cheesecake con salsa di mirtilli freschi.
Quando ero piccola, nei telefilm americani degli anni ’80, sentivo nominare continuamente la “torta al formaggio” e mi immaginavo uno strano dolce salato, perché ai tempi da noi la cheesecake non era ancora arrivata…solo molti anni dopo ho capito che invece era un dessert buonissimo! 🤣
Vediamo insieme la ricetta di questo dolce freddo così tipico della cucina americana.

In fondo alla ricetta trovate anche le curiosità della nostra “Ingegnere in erba” sui MIRTILLI.

Cheesecake ai mirtilli
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo6 Ore
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaAmericana

Ingredienti per la cheesecake ai mirtilli

Queste dosi sono indicate per una tortiera con diametro 21/22 cm (io ho usato quella usa e getta di stagnola).

Per la base

  • 260 gbiscotti Digestive
  • 135 gburro (fuso)
  • 1 cucchiaiozucchero di canna

Per la crema al formaggio

  • 3uova
  • 150 gzucchero (bianco)
  • 300 gformaggio fresco spalmabile
  • 250 gmascarpone
  • 70 gfarina

Per la salsa di mirtilli

  • 200 gmirtilli (freschi)
  • 2 cucchiaiacqua
  • succo di limone (mezzo limone)
  • 2 cucchiaizucchero (bianco)

Preparazione della cheesecake con salsa di mirtilli freschi

Cominciamo dalla base della cheesecake

  1. Sbriciolare i biscotti per la base della cheesecake

    Prima di tutto, prepariamo la base: mettere i biscotti in un sacchetto per alimenti e sbriciolarli con l’aiuto di un mattarello.

  2. Mescoliamo biscotti, burro e zucchero di canna

    In una ciotola, mescolare la polvere di biscotti con il burro fuso (nel microonde) e lo zucchero di canna: iniziare con un cucchiaio per poi impastare a mano.

  3. Base di biscotti

    Quando si sarà ben amalgamato il composto, metterlo sulla tortiera premendolo e compattandolo con la pressione delle mani. Dopodiché mettere in frigorifero a raffreddare.

Ed ora dedichiamoci alla crema di formaggio della cheesecake

  1. Montiamo uova e zucchero

    In una ciotola montare le uova con lo zucchero, con l’aiuto di una frusta, finché non si otterrà un composto giallo chiaro e spumoso.

  2. Aggiungiamo il formaggio

    Aggiungere il formaggio fresco spalmabile e il mascarpone e continuare a mescolare con la frusta.

  3. Aggiungiamo la farina

    Aggiungere la farina e mescolare finché non ci saranno più grumi.

  4. Versiamo la crema sulla base della cheesecake

    Versare la crema di formaggio sulla base di biscotti precedentemente messa in frigorifero, livellandola uniformemente con una spatola e infornare la cheesecake in forno già caldo a 160° per 50/60 minuti.

  5. Lasciamo raffreddare la cheesecake

    Una volta cotta (fare la prova stecchino) lasciar raffreddare la cheesecake nel forno leggermente aperto per evitare che si sgonfi troppo bruscamente. Ma non preoccupatevi se accade, è normale. Anzi, vi tornerà utile quando metterete la salsa, per “contenerla”.

  6. Quando la cheesecake si sarà completamente raffreddata, coprire con pellicola e lasciar risposare in frigorifero almeno per 4 ore. Io solitamente la preparo nel tardo pomeriggio e la lascio in frigorifero tutta la notte.

…e infine la salsa di mirtilli

  1. Frulliamo i mirtilli per la cheesecake

    In un pentolino piccolo, mettere 2 cucchiai di acqua, il succo di mezzo limone, 2 cucchiai di zucchero e 2 cucchiai di mirtilli (gli altri tenerli da parte per dopo). Frullare il tutto.

  2. Addensiamo la salsa

    Cuocere sul fornello a fiamma medio-alta per 4/5 minuti finché la salsa non si sarà un po’ addensata.

  3. Lasciamo raffeddare

    Aggiungere i mirtilli messi precedentemente da parte, cuocere per 2/3 minuti mescolando continuamente. Togliere dal fuoco e infine lasciar raffreddare completamente, prima a temperatura ambiente e poi in frigorifero.

Guarniamo la nostra cheesecake ai mirtilli

  1. Come "sformare" la cheesecake

    Per sformare la cheesecake senza romperla, fare tanti tagli a distanza di 3/4 cm l’uno dall’altro sulla tortiera di alluminio, in modo da riuscire ad aprirla e abbassarla completamente. Dopodiché con l’aiuto di una spatola staccare il fondo della base e far scivolare la cheesecake su un vassoio.

  2. Versiamo la salsa di mirtilli sulla cheesecake

    Versare la salsa di mirtilli sulla cheesecake. Attenzione: mettere la salsa solo poco prima di servire la torta, perché è piuttosto liquida e tende a colare, regalando un bellissimo colore alla crema al formaggio.

  3. Cheesecake ai mirtilli

    La cheesecake con salsa di mirtilli freschi è pronta!

Consigli utili

La cheesecake ai mirtilli si conserva in frigorifero per 2/3 giorni. Provate ad accompagnarla con qualche mirtillo fresco.

Se vi piacciono le ricette americane, qui trovate altri piatti a stelle e strisce.

I consigli dell’Ingegnere in erba

L'ingegnere in erba

Virna Galli, laureata in Ingegneria Aerospaziale al Politecnico di Milano, da sempre appassionata di medicina naturale, attualmente è al secondo anno della facoltà di Scienze dei prodotti erboristici e della salute presso l’Università di Pisa. Ci svela piccole curiosità e consigli sui vegetali e sulle erbe che utilizzo nelle mie ricette.

Oggi ci parla dei MIRTILLI

Mirtilli neri

Il mirtillo nero (Vaccinium myrtillus L.) e il mirtillo rosso (Vaccinium vitis-idaea L.) sono piccoli arbusti appartenenti alla famiglia delle Ericaceae e diffusi nelle zone di montagna, soprattutto in Scandinavia, mentre in Italia lo troviamo sulle Alpi e sull’Appennino Settentrionale, al di sopra dei 1000 m.

Il frutto del mirtillo nero è una bacca blu-nerastra che contiene alcuni semi, le foglie invece sono caduche e seghettate. I frutti sono ricchi di flavonoidi e soprattutto di antocianosidi che conferiscono loro la classica colorazione violacea. Questi composti sono dotati di una buona capacità antiossidante e quindi agiscono efficacemente nel contrastare la formazione dei radicali liberi. Hanno inoltre attività vasoprotettrice e antiedematosa, quindi sono utili in caso di fragilità capillare, couperose e insufficienza venosa e linfatica.

Gli studi hanno inoltre confermato un’attività benefica nei confronti dei pigmenti della retina (rodopsina) responsabili della visione notturna.

Mirtilli rossi

l frutto del mirtillo rosso invece ha una colorazione rossa, mentre le foglie, anch’esse caduche, hanno margini non seghettati. Questa specie si differenzia dalla precedente soprattutto per l’utilizzo delle foglie, dotate di attività diuretica e disinfettante delle vie urinarie. A livello dell’apparato urinario è molto utilizzato il mirtillo rosso americano o cranberry (Vaccinium macrocarpon).

I frutti sono di colore rosso, riuniti in grappoli e dal sapore più acidulo rispetto alle due specie precedenti. Lo si trova in moltissimi integratori indicati per la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie e delle cistiti ricorrenti.

Attenzione a come lavare i mirtilli!

Gli antocianosidi sono composti altamente idrosolubili, quindi per lavare i mirtilli è preferibile non fare lunghi ammolli o utilizzare bicarbonato perché in questo modo perderebbero gran parte delle sostanze benefiche. Lo stesso vale per tutti gli ortaggi o la frutta viola… 😉

come lavare i mirtilli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Dispersa in cucina