Crea sito

Estratto di vaniglia

Estratto di vaniglia

L’estratto di vaniglia è un’essenza che si ricava dai baccelli e dai semi di vaniglia. Al supermercato si trovano comunemente prodotti sintetici come le fialette contenenti l’aroma di vaniglia o le bustine di vanillina. Potete trovare i baccelli e raramente piccole boccettine, che però sono abbastanza costose, di estratto di vaniglia. Ma il procedimento per poter preparare l’estratto di vaniglia in casa è talmente semplice che una volta imparato non lo abbandonerete più. Per preparare l’estratto di vaniglia in casa ci sono diversi sistemi: io ho scelto quello più veloce e semplice che permette di ottenere un buon estratto di vaniglia da utilizzare in tutte le preparazioni dolci che lo richiedono. Per preparare l’estratto di vaniglia secondo questa ricetta bastano due ingredienti: vodka e baccelli di vaniglia. Siete pronti a preparare il vostro estratto di vaniglia?

Estratto di vaniglia Cucina vista mare

Ingredienti

1 vasetto da 200 ml

200 ml di vodka

3 baccelli di vaniglia Bourbon

Per un buon estratto è importante che le bacche siano di buona qualità: si possono utilizzare quelle di vaniglia Bourbon (la trovate online, in erboristeria o nei supermercati più forniti) dall’aroma ricco o le Tahiti più dolci. E’ altrettanto importante che le bacche siano fresche e non legnose perché saranno più ricche di semini e di conseguenza il profumo sarà più intenso: sono fresche se arrotolandole intorno a un dito non si spezzano. Per quanto riguarda la scelta dell’alcool, la vodka è senz’altro la migliore poiché ha un gusto neutro ma è possibile utilizzare anche il rum chiaro o scuro e il whiskey americano. Incidere i baccelli di vaniglia con un coltello per tutta la lunghezza ed estrarre i semini raccogliendoli con il dorso della lama del coltello. Tagliare i baccelli in tre parti. Riempire un vasetto di vetro asciutto, pulito e sterilizzato (QUI trovate il metodo per sterilizzare i vasetti) con la vodka, aggiungere i semini e i baccelli a pezzetti. Mescolare bene, chiudere il vasetto, agitarlo un po’ e riporlo in dispensa per minimo 5 settimane prima di utilizzarlo. Nel corso della prima settimana è necessario agitare il vasetto una volta al giorno poi sarà sufficiente una volta ogni due o tre giorni per le altre settimane di riposo. Col passare del tempo l’alcool evaporerà quasi completamente lasciando il posto all’intenso aroma di vaniglia. Potete filtrare l’estratto di vaniglia per avere un liquido pulito ma il mio consiglio e di lasciarlo così con i baccelli e i semini all’interno in modo da ottenere un estratto sempre più aromatico. Per prelevare l’estratto potete utilizzare semplicemente un cucchiaino o un contagocce e aggiungerlo in quantità richiesta come da ricetta (io in genere utilizzo uno o due cucchiaini di estratto) tenendo conto anche della forza dell’estratto ottenuto. E’ possibile nel corso del tempo, man mano che l’estratto si consuma aggiungere nuovamente la vodka rabboccando il vasetto e quando il profumo diminuisce basterà aggiungere un’altra stecca di vaniglia.

Vi aspetto sulla pagina FACEBOOK!

2 Risposte a “Estratto di vaniglia”

  1. Ricetta assolutamente utile! facile da eseguire e confesso, tra le numerose di cui sono venuta a conoscenza, questa è decisamente quella che preferisco, buona serata carissima da Rita

    1. Grazie! Si è un metodo molto semplice e facilmente realizzabile… e poi più riposa e più l’aroma di alcool svanisce lasciando il posto a quello intenso della vaniglia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.