CASTAGNOLE SOFFICI

Che dire di queste castagnole soffici.. Sono frittelle davvero semplicissime da preparare, non avrete nemmeno bisogno di pesare nulla a parte la farina.

Ma la cosa più importante è la loro bontà! Sofficissime all’interno e, grazie ad una frittura perfetta se seguirete i miei consigli, croccanti e per niente unte all’esterno.

Darete la forma alle castagnole con due cucchiai tuffando direttamente nell’olio bollente la pastella.

In più, per facilitarvi ulteriormente, qui di seguito troverete anche il VIDEO COMPLETO per realizzarle assieme con tutti i passaggi importanti spiegati nel dettaglio.

Insomma, siamo già in periodo di Carnevale, quindi non vi resta che provarle, stando giusto attenti a una cosa.. una tira l’altra!

Castagnole soffici
Castagnole soffici al cucchiaio
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzionidose per circa 15 castagnole
  • Metodo di cotturaFrittura
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàInverno, Primavera

Ingredienti per preparare le CASTAGNOLE SOFFICI

2 uova (medie, a temperatura ambiente)
2 cucchiai zucchero (cucchiai colmi)
2 cucchiai olio di semi (io uso girasole)
2 cucchiai latte
1 cucchiaino lievito in polvere per dolci (cucchiaino colmo)
150 g farina 00
scorza di limone (con la buccia edibile)
1 l olio di semi di arachide (per friggere)
q.b. zucchero (per spolverare la superficie delle castagnole)

Passaggi per preparare le CASTAGNOLE SOFFICI

In una ciotola capiente rompete le uova (mi raccomando, molto meglio che siano a temperatura ambiente), versate lo zucchero e montate il composto con le fruste elettriche per qualche minuto, in modo da farlo diventare chiaro e spumoso.

A questo punto aggiungete l’olio di semi e il latte, mescolate per pochi secondi con le fruste, poi grattugiate direttamente nella ciotola la scorza di limone bio; io solitamente per queste dosi utilizzo la scorza di mezzo limone, ma voi potete regolarvi in base ai vostri gusti.

Aggiungete, setacciandolo, un cucchiaino colmo di lievito vanigliato per dolci e mescolate nuovamente per qualche secondo.

Passate poi ad aggiungere la farina, anch’essa setacciata, un po’ per volta. Otterrete una pastella abbastanza densa (vi consiglio di vedere il VIDEO per avere un’idea precisa della consistenza che dovreste ottenere)

Passate alla frittura: i passaggi che vi elencherò, se li seguirete in modo preciso, vi faranno ottenere una frittura perfetta, per niente unta, e che permetterà alle castagnole di cuocersi perfettamente anche all’interno.

Preparate:

– una pentola con diametro massimo 25 cm e dai bordi abbastanza alti, in modo che l’olio che verserete risulti abbastanza profondo.

due cucchiai

– un recipiente ricoperto di carta assorbente, abbastanza largo per poter contenere le castagnole appena fritte senza che si sovrappongano. Versate già da subito sulla carta assorbente lo zucchero che ricoprirà la superficie delle vostre castagnole.

Accendete il fuoco a fiamma elevata e fategli raggiungere la temperatura di 150°C. Per far questo avrete bisogno di un termometro da cucina (di cui se vi interessa vi lascio il link di quello che ho io QUI) che vi costerà pochi euro e vi assicuro è molto utile anche per tante altre preparazioni in cucina, ad esempio per gli arrosti o semplicemente per tutte le altre fritture.

Una volta raggiunta la temperatura, abbassate al minimo la fiamma, in modo che la temperatura rimanga circa uguale durante tutta la frittura, e cominciate a tuffare nell’olio un cucchiaio di impasto alla volta, aiutandovi con il secondo cucchiaio.

Friggete non troppe castagnole alla volta, altrimenti la temperatura dell’olio si abbasserà troppo.

Quando le vostre castagnole soffici saranno belle dorate, scolatele con una schiumarola e adagiatele direttamente nel recipiente con lo zucchero che avevate precedentemente preparato.

Finchè le castagnole saranno calde, giratele bene in modo da far aderire lo zucchero su tutta la loro superficie.

Ed ecco qui, le vostre castagnole soffici al cucchiaio sono pronte! Creano davvero dipendenza, vi avviso 😉 soprattutto per la qualità della frittura e la loro morbidezza all’interno.

castagnole soffici
Castagnole soffici

Conservazione e consigli

Quelle che vi ho dato sono le dosi base, con cui potete preparare all’incirca quindici castagnole (dipenderà da quanto grandi le farete).

Ovviamente, se avete esigenza di prepararne una quantità maggiore, moltiplicate semplicemente le dosi che vi ho dato. Per intenderci, per circa trenta castagnole le uova diventeranno quattro e tutti gli altri ingredienti andrete a moltiplicarli per due.

Le castagnole soffici si conservano un paio di giorni in un luogo asciutto. Come tutti i fritti tendono, man mano che passano le ore, ad ammorbidirsi un po’; proprio per questo vi consiglio di non abbondare troppo con le quantità.

Se vi è piaciuta questa ricetta potrebbe sicuramente interessarvi la mia ricetta delle CHIACCHIERE DI CARNEVALE (vi lascio il link QUI)

Potete SEGUIRMI anche:

  • sulla pagina FACEBOOK (mettendo ‘MI PIACE’) cliccando QUI
  • sul mio account INSTAGRAM (QUI)
  • su PINTEREST (QUI)
  • YOUTUBE (QUI).

e non perderete nessuna ricetta. Torna alla HOME PAGE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *