Ancona incontra Roma all’Osteria della Piazza

944815_10202781183240132_2065652338_nE’ difficile che mi tiri indietro davanti a esperienze di questo tipo e quando lo chef Luca Casciani mi ha proposto di andare a cucinare con lui ad Ancona…..non potevo certo dire di no! L’evento è un appuntamento annuale fisso tra lo chef Elis Marchetti e il mio amico chef romano che a turno, organizzano una cena rispettivamente uno nel locale dell’altro con un menù tipico della città ospite. Questa volta è stato Luca Casciani a giocare fuori casa con una cena romana e per l’occasione è sceso in campo il Rotary Club di Ancona 25-35. Verso le 9.30 eravamo tutti già al ristorante con un’atmosfera elettrizzante. Alessio, Mirco, Elis, Luca ed io, menù alla mano, abbiamo fatto un piccolo briefing per stabilire i compiti di ognuno, verificare tutti gli ingredienti, gli impiattamenti e i tempi delle diverse pietanze. Finito di scrivere il programma della giornata, Elis ha attaccato il foglio con una calamita alla cella frigorifera e quello è stato il nostro vademecum per tutto il giorno.

I piatti antichi sono stati interpretati dallo chef Casciani rimanendo fedele alla tradizione delle cucine del popolo per far conoscere la cultura autentica della nostra città e magari sfatare qualche pregiudizio sul quinto quarto. Muovermi in una cucina di un ristorante fra veri chef è stato veramente entusiasmante ed ho imparato moltissimo, ho cercato di osservare tutto quelllo che ho potuto, memorizzando il più possibile. La cosa che più ho apprezzato è l’armonia e la collaborazione. Non sembrava che stessimo lavorando, sembrava più un modo per divertirsi tra amici…. e forse lo era! Tutto questo quando contemporaneamente si svolgeva il servizio del pranzo normale all’interno del ristorante. Una menzione speciale merita la signora Alice, silenziosa ed efficientissima lavapiatti ma soprattutto una persona veramente stupenda.

L’entrée era un crostone con guanciale croccante…tanto per far capire l’aria che tirava. A seguire un cestino di semolino con coppa di testa su crosta ponticiana. Per fare il semolino Luca mi ha dato un pentolone simile a quello di Panoramix con una mega-frusta che ho portato a cottura non senza fatica, lo ammetto, ma con grande soddisfazione.

Il primo piatto storico (e perfetto) era La Carbonara… badate bene… non gli spaghetti alla carbonara ma La Carbonara autentica, cremosa, ricca e saporita quanto semplice negli ingredienti ma della quale occorre sapere perfettamente la tecnica perché non si aggrumi e assomigli ad una frittata. Grande chef Luca Casciani!

Arrivano i secondi, un po’ difficili soprattutto per molti avventori che forse non consideravano neanche edibili: cervello, animelle e paiata. Purtroppo qui ci sarebbe un discorso culturale da affrontare sulla storia del tanto bistrattato quinto quarto che invece da altre popolazioni viene considerato una parte nobile e riservata solo ai ceti più alti (per esempio in Francia grazie a Caterina de’ Medici, chi non conosce il fois gras o il paté?). Veri piatti del popolo romano, sono stati serviti la paiata arrosto con cicoria piccante (budelline di agnello da latte) il fritto romano con broccoletti strascicati composto da animelle (le ghiandole dove si riteneva risiedesse l’anima dell’animale) e il cervello sia di vitella che di agnello (abbacchio a Roma). Chi ha vinto i propri timori e li ha assaggiati ne è rimasto sorpreso ed entusiasta e per fortuna sono stati il maggior numero. Grandissimi in sala sono stati Noemi e Riccardo (forse meglio conosciuto come Don Riccardo)  e non si può dimenticare Gianluca, il pizzaiolo, che è il più grande estimatore della cucina di Luca Casciani e al secondo posto Mirco con tre piatti di carbonara.

La merenda che la nonna preparava allo chef Luca è stata servita come dolce finale. Semplice e strepitosa mela a dadini profumata alla cannella, su una fetta di pane con lo zucchero leggermente caramellato componevano il tortino di pane raffermo con mele, miele e cioccolato. 

Un’altra nota gustosa della serata sono state le birre scelte per accompagnare ogni pietanza. Infatti come partner della serata era presente il birrificio agricolo “La Cotta” che ha fornito una selezione di prodotti che si sposavano perfettamente con le pietanze servite. Quella che ho apprezzato di più è stata quella rossa il cui luppolo di provenienza anglosassone insieme al miglio malto di produzione locale sono responsabili del gradevole amaro che lascia spazio a toni caldi e avvolgenti proprio delle birre più importanti.

Serata perfetta e memorabile. Ora non resta che aspettare che lo chef Elis Marchetti replichi il successo a Roma. Stay tuned.

Osteria della Piazza

 

1509760_10202781170559815_1714331017_n1441549_651003361609068_1552415661_n1476458_651003221609082_338690614_n1461181_651003138275757_1083867500_n1470221_651002968275774_929865678_n1463981_651002858275785_2071882281_n1490500_10201847673127855_243449438_o1499474_10202781172359860_211810269_n 1463703_10202781171559840_2015271973_n 1483090_10202781173679893_524201670_n 1457764_10202781174199906_1249855602_n 1509760_10202781170559815_1714331017_n (1) 1475770_10202781188920274_1387948431_n 1456133_10202781185520189_1973184728_n 1512613_10202781186000201_28757478_n 1495537_10202781182880123_1994428133_n 1480635_10202781177159980_884693049_n 1425270_10202781164079653_251430686_o 1504056_10202781178480013_4040865_n 1460208_10202781178080003_1853636526_n1491830_10201847664847648_1360219177_o1483233_10201847656047428_1491770376_o 1486325_10201847459682519_2087152064_o 1486386_10201847107553716_1118413731_o 1473329_10201846912228833_1186653625_o 1491892_10201846912628843_519789405_o 1484666_10201846912988852_1791761038_o 1499157_10201846913468864_4231584_o 1472714_10201846915508915_554350654_o 1486407_10201846911908825_1753753567_o 1505907_10201846909508765_654410684_o 1481810_10201846908828748_1879209637_o 1509408_10201846145089655_618138093_o 1495817_10201846015526416_1323584415_o 1495785_10201845837561967_1958406329_o 1484581_10201845837161957_1137110818_o 1489113_10201845835681920_697110231_o 1477265_10201845789400763_144288154_o 1509428_10201845790240784_1233872634_o 1481005_10201845788360737_1690958045_o 1490480_10201845789200758_1195266343_o 1484652_10201845025061655_1927877299_o 1480927_10201845025381663_399964509_o 1488728_10201845026501691_1144676479_o 949243_10201844831896826_637842805_o 1472589_10201844832056830_1368935286_o 1499117_10201844833216859_560065436_o 1477078_10201844673972878_642238963_o 1503004_10201844674252885_459614276_o 1490472_10201844643292111_451631146_o 1503088_10201847656607442_1062989095_o 1491830_10201847664847648_1360219177_o 1463703_10202781171559840_2015271973_n

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Chef Borghini a domicilio per un corso unico di cucina toscana Successivo Ravioli ripieni di spigola con bisque di crostacei