Crocchette con filetti di sogliola al forno

Crocchette con filetti di sogliola al forno,  ecco un piatto alternativo alla solita cotoletta di pesce.

Potrete poi scegliere voi se preparare questo piatto al forno, o friggerlo in padella.

La frittura, se appena possiamo, cerchiamo di evitarla soprattutto con questo caldo, al forno rimangono sicuramente più salutari, niente olio e soprattutto non olio fritto.

Ci perderanno un po’ in croccantezza, ma ci guadagneremo in salute specie se ci sono dei bimbi.

E a proposito di bimbi, forse preparato in questo modo riusciremo a fare mangiare il pesce anche a loro che, il più delle volte, non ne sono particolarmente amanti.

  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 2/3
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • Filetti di platessa 400 g
  • Farina bianca 2 cucchiai
  • Pane grattugiato q.b.
  • Uova (a seconda della grossezza) 1/2
  • Vino bianco 1 bicchierino
  • Aglio e prezzemolo q.b.
  • Sale q.b.

Preparazione

Crocchette con filetti di sogliola al forno

  1. Crocchette con filetti di sogliola al forno

    Se usate filetti di sogliola surgelati, fateli scongelare a temperatura ambiente o con l’apposita funzione al microonde,( io poi li lascio in acqua ed aceto di mele a perdere il classico odore del pesce) quando saranno belli inteneriti, tagliateli a piccoli pezzi e frullateli a purea.

    Disporli in una ciotola, salarli ed unirli alla farina, mescolare il tutto e se necessario frullare di nuovo.

    Se il composto ottenuto risultasse troppo tenero e quindi non facilmente lavorabile, aggiungere altra farina.

    Con le mani formare dei cilindretti che passerete

    1. nelle uova sbattute con aglio e prezzemolo-anche surgelato- ( aggiustare di sale, se necessario )
    2. nel pane grattato, di nuovo nell’uovo e quindi nel pane grattato, facendo aderire bene.

    Ora sta a voi scegliere se friggere in poco olio bollente (extra vergine d’oliva, sfumando con il vino )

    o infornare su carta da forno, a 180° per 20 minuti, rigirandoli dopo i primi dieci e comunque fino a doratura desiderata.

    Durante la cottura, appiattiteli leggermente con la forchetta in modo che cuociano bene anche all’interno.

Note

Precedente Crema con pesche tabacchiera e susine Successivo Budino di susine senza uova

Lascia un commento