Ricotta al caffè – dessert veloce di fine pasto di mia nonna… e 2 anni di blog

SAMSUNG CSC

Ricotta al caffè – dessert veloce di fine pasto di mia nonna…e 2 anni di blog.

Questo è un dessert che mia nonna adorava e preparava spesso a fine pasto.
e dopo di lei l’ho visto preparare spesso a mia mamma.
e adesso è il mio turno.
perchè è così che funziona con le tradizioni…si tramandano.
in realtà non è neppure un dessert vero e proprio.
è un modo per rendere dolce e appetitosa la ricotta.
mia nonna lo preparava lì a tavola, su un piatto, prendeva la ricotta, la schiacciava, poi univa zucchero, caffè e cognac.
assaggiava il bilanciamento di sapori e dritto in bocca.
non impiattava neppure, non metteva dentro una coppetta.
perchè perdere tempo? ognuno a casa sua fa quel che gli pare… non si bada tanto alla forma.
e ciascun commensale poteva fare lo stesso.
prendeva un po’ di ricotta, la metteva nel proprio piatto, e componeva il dolce a proprio piacimento.
quantità di zucchero desiderata.
più o meno caffè.
alcol dosato secondo il gusto personale.
in 1 minuto ecco pronto un dessert veloce ma gustoso.
leggero e semplice.
qualcosa che ti pulisca il palato da un bel pasto sostanzioso.
i vecchi ne sapevano una più del diavolo 😛

Ricotta al caffè - dessert veloce di fine pasto di mia nonna
Ricotta al caffè – dessert veloce di fine pasto di mia nonna
Ricotta al caffè - dessert veloce di fine pasto di mia nonna
Ricotta al caffè – dessert veloce di fine pasto di mia nonna

io ho voluto dare un po’ di dignità a questo dessert casalingo, donandogli una presentazione un po’ più carina, dentro delle cocottine, guarnito con della polvere di caffè, e un chicco di caffè intero.
ma la ricetta è quella, ho voluto rispettarla.
non ho alterato una virgola riguardo alla lista degli ingredienti.
per le dosi bhe…non sono fissate.
ognuno le aggiusta come più le gradisce.
quindi il bilanciamento di zucchero/caffè che trovate sotto è quello che piace a me.
e devo confessarvi, io il cognac a volte non lo aggiungo neppure.

è così che ho voluto festeggiare i miei 2 anni di blog, con un ricordo di mia nonna che purtroppo non c’è più.
ed è anche per questo che ho aperto il mio blog, perchè certi ricordi, gesti, memorie, ricette non andassero perdute, in un’ era dove tutto scorre veloce, dove internet ha preso il sopravvento sulle nostre vite.
facciamo allora che “questo internet” ci sia d’aiuto per preservare cose preziose.

Ricotta al caffè - dessert veloce di fine pasto di mia nonna
Ricotta al caffè – dessert veloce di fine pasto di mia nonna

Ingredienti per 2 coppette di Ricotta al caffè – vecchia ricetta di mia nonna:

  • 400 gr di ricotta buona  e fresca
  • 4 cucchiai di zucchero colmi (circa 100-120 grammi)
  • 2 cucchiaini di polvere di caffè (possibilmente macinato al momento) + un pizzico per guarnire
  • 1 tappino di cognac
  • 2 chicchi di caffè per guarnire

Procedimento:

Prendere la ricotta bella fresca e disporla in una ciotola. Con una forchetta schiacciarla ben bene per togliere i grumi e renderla liscia.
Unire quindi lo zucchero e mescolare. Io ho aggiunto 4 cucchiai ma assaggiate e regolate la dolcezza seconda il vostro gusto personale.
Unite anche la polvere di caffè, 2 cucchiaini e mescolare, la ricotta prenderà un colore che vira al beige. Assaggiare e aggiustare secondo i propri gusti.
Unire anche il cognac e poi disporre la crema di ricotta così ottenuta in 2 coppette.
Guarnire con un pizzico di polvere di caffè e il chicco non macinato.

3 Comment

  1. Catia says:

    Grande. Un dolce che farò alla prima occasione. Quello che ricordiamo delle nostre nonne è indelebile, hai fatto bene a proporlo per il tuo compliblog, è davvero un vero dolce delle feste 🙂 :-* Auguri (e un bacio a tua nonna, chissà se ha incontrato la mia e si sono scambiate le ricette!) 🙂

    1. undolcealgiorno says:

      ti ringrazio! <3
      le tue parole, come sempre, mi emozionano.
      è stato un periodo un po' emozionale. il post precedente dedicato a mio nonno, questo a mia nonna.
      forse mi sento particolarmente nostalgica, forse mi mancano, forse... semplicemente non si smette mai di guardare indietro anche guardando avanti.
      in ogni modo certe cose, come hai detto tu, non si dimenticano mai. e metterle per scritto è un modo per renderle ancora più indelebili.
      grazie <3

      1. Catia says:

        è vero, assolutamente 🙂

I commenti sono stati chiusi.