Sciroppo di amarene Italiane

Sciroppo di amarene ItalianeSciroppo di amarene Italiane: Quando in paradiso I nostri alberi scoppiavano di frutta le nostre mani erano pronte per la raccolta, prima che gli uccelli la mangiassero o che marciva sul terreno. Dall’albero vengono colti I frutti e portati nella nostra cucina per essere conservata ed essere utilizzata tutto l’anno. Come potete immaginare ci sono tantissime cucine Italiane occupate nel periodo del raccolto. Non dovrebbe essere una sorpresa quando si va in visita dai parenti portare con se qualche barattolo di qualcosa fatto da noi, cosi’ anche per noi che torniamo portiamo a casa un bel cesto di ciliege.

Queste ciliege e’ la varietà: amarene che non sono dolci come le ciliege. Una volta Enzo e’ andato con Domenico e la moglie Franca, Antonio e la moglie Rosina a raccogliere delle amarene e loro hanno cominciato ad elencarci tanti modi per trattare questo frutto.

Io non sono abituata al dialetto Ciociaro cosi’ ho lasciato che Enzo prendesse tutte le informazioni. 2 ore più tardi eravamo in macchina ed Enzo ha dovuto telefonare 2 volte perché non ricordava più tutte le informazioni sulle amarene. Arrivati a casa con il nostro carico di amarene Enzo ha voluto fare lo sciroppo. Ma di nuovo serviva il telefono per un nuovo supporto da parte di Rosina.

E’ ammirevole che Enzo volesse costantemente tenere in allenamento la sua memoria. Per quelli che non conoscono Enzo e non sanno che lui ha problemi con la memoria lo potrebbero giudicare persona eccentrica e molto strana. Mentre Enzo era occupato in cucina a preparare la amarena a dovuto chiamare Rosina almeno altre 5 volte, cosi’ io ho contato !. Enzo si rifiuta di scrivere perché lui pensa che in questo modo allena la memoria.

RICETTA: Sciroppo di amarene Italiane

Ci e’ voluto molto per capire quello che Enzo voleva fare con quelle amarene, lo volevo aiutare ma ripensandoci non facevo cosa buona, perché queste battaglie con la Demenza vanno fatte tra lui e le sue cellule celebrale. In ogni caso gli ingredienti sono 2, molto semplice! Io ho scritto la ricetta per voi.

  • I k di zucchero
  • I k di ciliege
  1. Prima pesare le ciliege, quindi lavarle e scolarle.
  2. Adesso taglia I gambi a misura di 2 centimetri.
  3. Parti adesso con lo zucchero, uno strato di ciliege sempre nello stesso vaso fino a quando il vaso non e’ pieno e lo strato finale lo fai con lo zucchero.
  4. Metti un coperchio a chiusura ermetica e mettere il vaso al sole. In questo momento ce’ una fila di vasi che siedono sulla parete del terrazzo e secondo le istruzioni di Rosina questi devono rimanere li per 40 giorni e 40 notti ed essere capovolti tutte le mattine.

Per favore qualcuno potrebbe: ricordarmi di ricordare ad Enzo che le ciliege sono pronte il 5 di Agosto?
Adesso io mi scriverò su tutti I calendari che il 5 agosto mangeremo le amarene!!!!!!!!!!!!!

Ciliege, Condimenti, Frutta, Sciroppo , , ,

About thebigdreamfactory

My name is Susie Evans-Ardovini and I created The Big Dream Factory. I was born in the UK and have been a chef and restauranteur for over 30 years. During this time I have also lived in France and Italy where I visited many beautiful places and met many wonderful people. I am particularly impressed with the Italian way of life and their approach to food. Many families work extremely hard to grow and produce their own salumi, cheese, wine and olive oil which means that they have a wealth of knowledge and experience, most of which has been handed down through countless generations. It is no different in the kitchen. Nearly all foods served at an Italian table have been gathered from someones garden or field, and is then served alongside homemade, pasta, gnocchi, and countless dishes that could not be recounted in this tiny space since each family's knowledge is unique ... well, you can only imagine. I have walked Rome, climbed to the top of the Vatican, seen Milan, Venice, the Cinque Terre, climbed mountains, walked The Path of the Gods, wandered the great city of Napoli, lived on the little Island of Ponza and gathered a pile of friends, family and photographs as well as invalueable experience along the way. I became a new immigrant to the U.S.A on December 15th, 2013. With the support of many great friends and a passion (bordering on obsession), I am here in search of the American Dream and to bring you the natural flavours and vibrant colours of Italy. All my pasta, gnocchi and biscotti are made by hand just as I saw Italians do in homes and good restaurants all over Italy, every day and sometimes, twice a day. I hope you enjoy my creations and invite you to share your comments, photographs and recipes with me on Facebook or Twitter. In return I of course, will share beautiful Italy with you.

Previous Entries Cannelloni di zucca e timballo di zucca Next Entries La crostata con marmellata di prugna delle Tenute Carcasole

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.