Get a site

Liquore al finocchietto.

path_of_the_gods_marker_8Liquore al finocchietto: Non ne facciamo  un segreto siamo innamorati dello splendido comune di Agerola e non solo perché è qui che abbiamo assaggiato il miglior liquore al  finocchietto. Si tratta di un liquore a base di finocchio selvatico che viene raccolto e  cresce sulla costare

Agerola è una città che si trova, per lo più posizionata, sopra le città di Positano ed Amalfi. La prossima volta che farete un viaggio sulla  costiera amalfitana, andate a  trascorrere un po ‘di tempo lì. Da Agerola si può percorrere il Sentiero degli Dei e ammirare il finocchio selvatico, rosmarino, timo e ogni sorta di altre chicche che crescono lungo i sentieri . Il finocchio selvatico è una pianta selvatica, tipica della macchia mediterranea ed è riconoscibile per il suo stelo verde e ramificato  può arrivare fino a due metri di altezza. Durante l’estate, i gambi danno  vita a fiori gialli che, con l’avvicinarsi dell’autunno, si trasformano in frutti grigio comunemente chiamati “semi”. In cucina, i semi sono ampiamente usati come condimento per molti piatti e per farne il liquore al finocchietto.

path_of_the_gods_marker_8

IL Finocchio è  considerato come un vegetale in Italia e praticamente si utilizza l’intera pianta. È buono per la digestione e viene codificato in  una lista quasi infinita di benefici per la salute. Alla fine di un grande pasto in Italia, si può prevedere che sarà offerto un bicchiere di liquore giallo paglierino di finocchietto, che è un liquore fatto in modo molto simile al  limoncello, con i semi e foglie di finocchietto selvatico. E ‘servito anche come aperitivo. Finocchietto non è poi così difficile da preparare  richiede solo un po ‘di pazienza.

Ingredienti:

  • 1 litro di alcool a 95 °
  • 1 litro di acqua
  • 850 grammi di zucchero bianco
  • 1 mazzetto di finocchietto selvatico (circa 50-60 fiori)
  • 1 contenitore ermetico (preferibilmente di vetro)

finocchietto_320

Esecuzione

  1. Lavare i gambi e le foglie di finocchio asciugatele  prima della macinatura.
  2. Quindi inserire  i gambi, foglie macinati e i semi nel contenitore ermetico e aggiungere l’alcool.
  3. Chiudere il contenitore e lasciare tutto a marinare per 30 giorni e 30 notti in un luogo fresco e buio. Dategli una scossa leggera ogni giorno.
  4. Dopo un mese, preparare uno sciroppo semplice sciogliendo lo zucchero e l’acqua e fate  bollire per 5 minuti.
  5. Lasciare lo sciroppo raffreddare completamente.
  6. Nel frattempo, filtrare il finocchio dall’alcool. È possibile utilizzare un filtro da caffè per questo e potrebbe essere necessario farlo un paio di volte fino a quando tutti i residui sono  stati rimossi.
  7. Lasciar raffreddare e mescolare lo sciroppo con l’alcool poi travasare in bottiglie e mettere il tappo.
  8. Infine, conservare in freezer per altri 30 giorni e servire in bicchieri refrigerati e  servire freddo. Sì, questa parte è estremamente importante.
  9. Bere con moderazione.

Published by thebigdreamfactory

My name is Susie Evans-Ardovini and I created The Big Dream Factory. I was born in the UK and have been a chef and restauranteur for over 30 years. During this time I have also lived in France and Italy where I visited many beautiful places and met many wonderful people. I am particularly impressed with the Italian way of life and their approach to food. Many families work extremely hard to grow and produce their own salumi, cheese, wine and olive oil which means that they have a wealth of knowledge and experience, most of which has been handed down through countless generations. It is no different in the kitchen. Nearly all foods served at an Italian table have been gathered from someones garden or field, and is then served alongside homemade, pasta, gnocchi, and countless dishes that could not be recounted in this tiny space since each family's knowledge is unique ... well, you can only imagine. I have walked Rome, climbed to the top of the Vatican, seen Milan, Venice, the Cinque Terre, climbed mountains, walked The Path of the Gods, wandered the great city of Napoli, lived on the little Island of Ponza and gathered a pile of friends, family and photographs as well as invalueable experience along the way. I became a new immigrant to the U.S.A on December 15th, 2013. With the support of many great friends and a passion (bordering on obsession), I am here in search of the American Dream and to bring you the natural flavours and vibrant colours of Italy. All my pasta, gnocchi and biscotti are made by hand just as I saw Italians do in homes and good restaurants all over Italy, every day and sometimes, twice a day. I hope you enjoy my creations and invite you to share your comments, photographs and recipes with me on Facebook or Twitter. In return I of course, will share beautiful Italy with you.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.