Ricordo me bambina che ogni 8 dicembre aspettavo con impazienza di sentire la mamma e il papà scendere in cantina per prendere gli scatoloni pieni di palline e addobbi per l’albero di Natale.
Aprire quegli scatoloni un po’ impolverati era un’emozione unica, scartare le palline una ad una fino ad arrivare a quelle di vetro, preziose e antiche, che mi facevano tremare un po’ le mani.
L’Immacolata è sempre stato il giorno dell’albero di Natale da addobbare con le persone del cuore: mamma, Bea e papà fino a qualche anno fa e Lui, che è la mia nuova famiglia, oggi.
Il giorno dei primi preparativi, quello che dava davvero il là all’atmosfera natalizia, di adulti e bambini che insieme si divertono e sognano un po’.
E ogni bimbo, con la magia che sa portare negli occhi a volte un po’ spenti di noi “grandi, è il vero spettacolo del Natale e il dono che ogni anno ci fa incondizionatamente è speciale: lasciare da parte gli affanni quotidiani, i pensieri giornalieri per lasciare spazio a sorrisi e spensieratezza.
…ditemi voi se è poco.
Così quest’anno oltre ai regali che gli faremo trovare sotto l’albero proviamo a donargli un momento divertente tra polvere di farina e stampini.
…e qualche istante di magia anche a tavola.

La pasta di Natale è per voi bimbi che siete il mio vero Natale, quello di una “grande” che non ha voglia di smettere di sognare!

INGREDIENTI PER 2/3 BAMBINI:
240 gr. di semola rimacinata di grano duro
100 ml. di acqua tiepida
1 cucchiaio di triplo concentrato di pomodoro
30 gr. di spinaci lessati

La pasta di Natale

Dividere la farina in tre fontane da 80 gr. ciascuna.
Impastare la prima con 40 ml. di acqua tiepida fino ad ottenere un impasto liscio.
Impastare la seconda con il concentrato di pomodoro stemperato in 40 ml. di acqua tiepida fino ad ottenere un impasto liscio.
Impastare infine l’ultima fontana di farina con gli spinaci frullati con 20 ml. di acqua fino ad ottenere un impasto liscio.
Avvolgere i tre impasti nella pellicola trasparente e farli riposare per mezz’ora.
Stendere la pasta fino al terzultimo spessore della nonna papera.
Copparla con gli stampini per ottenere la pasta di Natale.
Far seccare la pasta su canovacci ben infarinati con semola di grano di duro.

La pasta di Natale

2 Commenti su La pasta di Natale e la magia dei bimbi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.