Crostata di riso con amarene e cioccolato

La crostata di riso con amarene e cioccolato è un dolce dal guscio croccante che racchiude un morbido e goloso ripieno tutto da gustare. L’esecuzione di questa torta non richiede particolari abilità, ma richiede un po’ di tempo per effettuare le varie preparazioni e cotture. Il risultato però vi ripagherà di ogni fatica.


Il connubio tra cioccolato e amarena poi è uno dei miei preferiti, mi riporta all’estate e gelati ricoperti di granella o ai coni con questi gusti meravigliosi.
Questa crostata può essere preparata tutto l’anno così da poter gustare in ogni momento questi due sapori così deliziosi.
Crostata di riso con amarene e cioccolato
  • DifficoltàBassa
  • CostoBasso
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo1 Ora
  • Tempo di cottura55 Minuti
  • Porzionistampo da 24 cm
  • Metodo di cotturaForno elettrico
  • CucinaItaliana
405,72 Kcal
calorie per porzione
Info Chiudi
  • Energia 405,72 (Kcal)
  • Carboidrati 63,46 (g) di cui Zuccheri 33,89 (g)
  • Proteine 9,08 (g)
  • Grassi 13,21 (g) di cui saturi 7,83 (g)di cui insaturi 4,97 (g)
  • Fibre 2,20 (g)
  • Sodio 114,90 (mg)

Valori indicativi per una porzione di 100 g elaborati in modo automatizzato a partire dalle informazioni nutrizionali disponibili sui database CREA* e FoodData Central**. Non è un consiglio alimentare e/o nutrizionale.

* CREA Centro di ricerca Alimenti e Nutrizione: https://www.crea.gov.it/alimenti-e-nutrizione https://www.alimentinutrizione.it ** U.S. Department of Agriculture, Agricultural Research Service. FoodData Central, 2019. https://fdc.nal.usda.gov

Ingredienti

Per la frolla

  • 70 gburro
  • 70 gzucchero
  • 200 gfarina tipo 2
  • 1uovo (grande)
  • 1 bustinavanillina
  • 1 pizzicosale

Per il ripieno

  • 350 glatte intero
  • 170 gacqua
  • 170 griso
  • 3uova (grandi)
  • 220 gzucchero
  • 70 gamarene sciroppate
  • 70 gcioccolato fondente
  • 1limone (scorza grattugiata)
  • 1 pizzicosale
  • 10 grum

Preparazione

  1. Per prima cosa prepariamo la pasta frolla. Mettere nella ciotola della planetaria il burro a pezzetti a temperatura ambiente con lo zucchero.

    Azionare l’impastatrice con il gancio a foglia per ottenere una crema di burro e zucchero.

    Aggiungere l’uovo e amalgamare bene. Infine unire la farina, il pizzico di sale e la vanillina e azionare nuovamente la planetaria fino ad ottenere una massa compatta e omogenea.

    Formare una palla con l’impasto e ricoprirla con della pellicola per alimenti e riporla in frigorifero a riposare per almeno mezz’ora.

  1. Nel frattempo in una pentola mettere a scaldare il latte con l’acqua. Appena raggiunge l’ebollizione unire il riso e un pizzico di sale e cuocere a fiamma moderata fino a che il liquido non si sia completamente assorbito.

    Unire lo zucchero, amalgamare bene e poi trasferire il riso in un’ampia ciotola per farlo raffreddare.

    Quando sarà completamente freddo unire le uova, la scorza di limone grattugiata e mescolare bene.

    Come ultima cosa aggiungere le amarene ben sgocciolate e il cioccolato fondente tagliato a piccoli pezzi.

  1. Crostata di riso con amarene e cioccolato

    Estrarre la pasta frolla dal frigorifero, eliminare la pellicola e con un mattarello cominciare a stenderla sul piano di lavoro fino a formare un disco alto circa due millimetri.

    Foderare uno stampo per crostate del diametro di 24 centimetri con della carta forno e adagiarvi la frolla rifilando i bordi in eccesso.

    Versare il composto di riso all’interno del guscio di frolla e livellarlo con un cucchiaio.

    Cuocere in forno caldo a 180 gradi per 55 minuti.

    Fare intiepidire la crostata di riso con amarene e cioccolato poi spennellarla leggermente in superficie con un po’ di rum.  

  2. Crostata di riso con amarene e cioccolato

Qualche consiglio

La crostata di riso con amarene e cioccolato si conserva a temperatura ambiente per un giorno al massimo e in frigorifero anche per due o tre giorni sempre ben coperta con una campana per torte.

Per gustarla al meglio è preferibile mangiarla appena fatta o scaldarla leggermente qualora la conserviate in frigorifero.

Vi consiglio di usare un riso che in cottura rilasci molto amido in modo da formare un ripieno uniforme e cremoso. Molto adatto è, ad esempio, il riso originario.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.