Peperoni alla catanese – ricetta originale

I peperoni alla catanese (pipi cca muddica o ammuddicati) sono un’ottimo contorno della tradizione siciliana e possono essere serviti anche come antipasto freddo insieme ad altre prelibatezze.

I peperoni li preparo in tantissimi modi, mi piacciono anche crudi in insalata e li digerisco tranquillamente; in alcune preparazioni si può anche eliminare la pelle con un pelapatate (per chi non li digerisce bene)

Sono di una facilità estrema e, mentre cucinate, si sprigionerà un profumino irresistibile per tutta la casa! Mia figlia non mangiava peperoni, ma un giorno, tornando da scuola, è stata invasa da tutto il loro profumo e adesso li adora!

peperoni alla catanese

PEPERONI ALLA CATANESE

INGREDIENTI (per 4 persone)

  • 1 peperone rosso
  • 1 peperone verde
  • 1 peperone giallo
  • pangrattato q.b.
  • olio extravergine d’oliva q.b.
  • sale e pepe q.b.
  • 1 cucchiao basilico tritato

PREPARAZIONE

Lavate e tagliate i peperoni nel senso della lunghezza, privateli dei semi e delle cartilagini bianche (affinché risultino più digeribili) e tagliateli in pezzi più piccoli, ma non troppo.

In una larga padella antiaderente mettete qualche cucchiaio d’olio e soffriggete i peperoni a fuoco vivace, facendoli ammorbidire un pochino e mescolando spesso per non farli bruciare. A me piace che le verdure restino croccanti, ma se a voi piacciono più morbide fatele cuocere secondo i vostri gusti. Salare e pepare quasi alla fine e, prima di spegnere il fuoco, distribuire sui peperoni una bella manciata di pangrattato, mescolare per bene e fate insaporire un pochino, rimestando continuamente per non bruciare il pangrattato.

Aggiungete il basilico e servite i peperoni alla catanese ancora caldi oppure freddi come antipasto rustico.

peperoni alla catanese

VARIANTE: per un contorno di peperoni alla catanese ancora più sfizioso si può aggiungere anche un po’ di cipolla o aglio dell’uvetta sultanina precedentemente ammollata, della frutta secca (pinoli o mandorle) e acciughe.

Se volete seguirmi per restare sempre aggiornati trovate qui la mia pagina Facebook, Twitter e Google+.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.