Pasticcini di pesche

Oggi vi faccio conoscere i miei deliziosi pasticcini di pesche con una ricetta facile e di ottima resa.

Nei primi giorni di Ottobre si celebra la sagra della pesca “Settembrina” meglio conosciuta come “la pesca nel sacchetto” di Leonforte. Ed è proprio con una discreta quantità di queste che ho preparato i profumatissimi pasticcini di pesche.

Possono essere serviti per l’ora del tè con le amiche, per la merenda dei piccini o come chiusura di una cena.

Le pesche nel sacchetto sono così chiamate dato che circa 90 giorni prima che il frutto arrivi a maturazione viene insacchettato con carta pergamenata, che lo preserva dagli attacchi dei parassiti ed è, quindi, un frutto biologico riconosciuto col marchio IGP, frutto dal colore e dal profumo intensi.

Vediamo come ho preparato questi pasticcini!

Per fare i pasticcini di pesche ho utilizzato una tortiera rettangolare di cm 39×26, ma se volete preparare una semplice torta di Ø cm 26 basterà suddividere per due tutti gli ingredienti.

4

PASTICCINI DI PESCHE

INGREDIENTI (per 24 pasticcini):

Per la base

  • 6 uova
  • 6 cucchiai di acqua tiepida
  • 240 g zucchero
  • 120 g fecola di patate
  • 120 g farina 00 (io kamut)
  • 1 bustina di lievito
  • 1 bustina vanillina

Per la crema

  • kg 1,200 polpa di pesche
  • 750 ml acqua
  • 4 cucchiai succo di limone
  • 120 g zucchero
  • 150 g fecola di patate
  • 120 g acqua fredda
  • 3 cucchiai Maraschino
  • 125 g yogurt al naturale
  • 1/2 cucchiaino cannella
  • 30 g pistacchio al naturale di Bronte sgusciato per decorare
  • farina di pistacchio q.b.

PREPARAZIONE:

Preriscaldate il forno a 160° (il mio è un forno a gas e a questa temperatura è abbastanza alto).

Con lo sbattitore elettrico alla massima velocità montare le uova con lo zucchero e l’acqua finchè diventano gonfi e spumosi (ci vorranno almeno 15′), poi con movimenti delicati, dal basso verso l’alto, e con una spatola incorporate la farina con il lievito, la vanillina e la fecola precedentemente mescolati e setacciati.

Trasferite il composto nella teglia imburrata ed infarinata e cuocere per 30 minuti (fate la prova stecchino).

Lavate le pesche ed eliminate il nocciolo. Tagliatele a pezzetti e cuocetele con 750 ml d’acqua per 5′, quindi riducetele in purea (senza l’acqua di cottura). Portate a ebollizione la purea di pesche con il succo di limone e lo zucchero. Mescolate la fecola con 120 g d’acqua fredda, unitela alla purea di pesche e cuocete brevemente. Insaporire la crema con la cannella ed il liquore e lasciatela raffreddare. Incorporatevi lo yogurt e mescolare bene.

polpa tagliata polpa in cottura polpa frullata polpa con yogurt

Tagliare la base della torta una volta in senso orizzontale, distribuite sulla parte inferiore metà della crema e coprire con la parte superiore. Spalmate la crema rimanente sulla superficie e sui laterali. Cospargere con pezzi di pistacchi e, se volete, con delle fettine di pesca che dovranno, però, essere ricoperte di gelatina per evitare l’ossidamento.

base ricopertaAlla fine ho suddiviso la torta  in 24 pasticcini e decorato i laterali con della farina di pistacchio.

Per una buona riuscita del dolce è necessario prepararlo almeno 12 h prima e tenerlo in frigo, così la base sarà un tutt’uno con la crema.

Potete sostituire le pesche fresche con quelle sciroppate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.