Jumbo Hamburgers: un rifugio anni ’90 nel cuore di Harlem

Harlem, oltre ad aver avuto un ruolo fondamentale nella storia di New York City, è senza dubbio l’anima e il centro della cultura afroamericana. É importante sottolineare come non tutti gli africani in America si definiscono Afroamericano, ma nell’accezione americana si definisce afroamericano solo chi discende da schiavi africani portati negli Stati Uniti e che non sanno precisamente da che parte dell’Africa provengono.

A causa della prolungata discriminazione razziale in America e alla voglia dei discendenti degli schiavi, la cultura afroamericana è diventata col tempo parte significativa della cultura americana, anche se rimane un corpo culturale autonomo; infatti, ancora oggi, la cultura afroamericana si presenta sotto forma di arte, musica, letteratura, religione e soprattutto cucina.

Quando siamo stati ad Harlem abbiamo respirato l’anima di New York, abbiamo sentito la vera essenza americana, quella fatta di storia, di tradizioni, di cultura. Ogni angolo di Harlem è sorpresa, è magia e quando sei li ti perdi per le strade ammirando il quartiere che sembra rimasto indietro di 20 anni rispetto alla più moderna Manhattan.
Dopo la messa gospel abbiamo chiesto alle persone del posto di consigliarci un luogo in cui pranzare e ci hanno consigliato un fast food sulla 116th, proprio di fronte al ristorante di soul food per eccellenza: Amy Ruth’s.
Abbastanza scettici ci siamo incamminati verso questo piccolissimo fast food, ma una volta entrati abbiamo capito perchè ce l’avevano consigliato. Jumbo Hamburgers è un rifugio anni ’90 nel cuore di Harlem, un diner retrò, con un bancone di piastrelle bianche e rosse e sgabelli di acciaio e pelle marrone. É un luogo in cui ti senti a metà tra I Robinson e Otto sotto un tetto.
Ci puoi trovare l’operaio in pausa pranzo che prende qualcosa d’asporto, il cliente abituale che sta lí ore intere solo per fare chiacchiere con i proprietari e vecchie signore con i capelli bianchi legati in chignon bassi, cardigan e gonne lunghe e comode pantofole che chiacchierano tra di loro.
I proprietari sono gentilissimi e quando hanno capito che non capivamo molto di quello che c’era scritto sul menù ci hanno aiutato nella scelta. Alla fine abbiamo optato per due hamburger, un piatto soul con uova strapazzate, bacon e salsicce e pane tostato.
Prezzo per due persone tra i 20 e i 25 $
Jumbo Hamburgers è un luogo in cui ti senti a casa e allo stesso tempo fuori dal mondo, un luogo diverso dai soliti locali turistici. Noi ci sentiamo di consigliarlo.
E voi ci siete mai stati? Vi piacerebbe pranzare un in luogo come questo?
L’indirizzo preciso è : 112 W 116th St, New York, NY 10026, USA

 

Precedente Torta super golosa con pere e cioccolato Successivo Filetto di salmone con crema al limone e spinaci

Un commento su “Jumbo Hamburgers: un rifugio anni ’90 nel cuore di Harlem

I commenti sono chiusi.