Strudel di mele trentino, ricetta light – leggera

Lo strudel di mele leggero l’ho visto preparare da mia mamma fin da piccola, l’ho sempre ammirata per la sua capacità di rendere l’impasto così sottile. Ieri sono stata a casa della mia amica Anna che mi ha chiesto di fare lo strudel con lei, come non accontentarla.

Se desiderate conoscere la storia dello strudel leggete sul Calendario del cibo italiano AIFB. Oggi l’Associazione Italiana Food Blogger festeggia la giornata nazionale dello strudel con l’ambasciatrice Leyla Farella.

Strudel di mele trentino, Ortaggi che passione by Sara, ricetta di famiglia

Strudel di mele trentino

ricetta della tradizione “Strudel de pomi”

STAGIONALITA’  tutto l’anno

Difficoltà:  media

Tempo di preparazione:  circa 30 minuti

Cottura:  in forno statico già caldo a 180° per 50 – 60 minuti

 

Dosi per 2 strudel di mele  lunghi circa 40 cm.

(appaiati riempiono una teglia da forno)

Ingredienti per la pasta tirata

  • 250 g di farina 00
  • 1 uovo medio
  • 1 pizzico di sale
  • 10 g di olio di semi (2 cucchiai)
  • 50 g di grappa (6 cucchiai)
  • 40 g acqua tiepida (8 cucchiai)

Ingredienti per il ripieno di 2 strudel di mele

  • 2 kg di mele da sbucciare (Golden Delicious o Renette – Canada)
  • 40 g di zucchero
  • 50 g di burro
  • 1 cucchiaio di cannella (facoltativo)
  • 100 g di uva sultanina (facoltativa)
  • 50 g di pinoli (facoltativi)

Materiali necessari

  • 1 mattarello
  • 1 canovaccio
  • un pennello da cucina

Strudel di mele trentino, step by step, Ortaggi che passione by Sara

PROCEDIMENTO

In una ciotola mettere la farina, l’uovo, il sale, l’olio di semi, la grappa (1) ed aggiungere a poco a poco l’acqua, tanta quanto basta per rendere l’impasto omogeneo.

Trasferire la pasta sul piano di lavoro e lavorarla energicamente, sbattendola con violenza fino ad ottenere una consistenza liscia ed elastica. Dividere l’impasto in due, rivestire con la pellicola alimentare (2) porlo in frigorifero per circa 20 – 30 minuti.

Nel frattempo sbucciare le mele e tagliarle a fette sottili (3).

Riprendere l’impasto dal frigorifero ed infarinarlo, incominciare a stenderlo sul piano lavoro (4). Trasferirlo su un canovaccio infarinato e spianarlo energicamente fino a renderlo molto sottile, quasi trasparente (5).

Porre al centro metà delle mele lasciando un bordo vuoto di circa 3 cm (6), cospargere sopra 20 g di zucchero (2 – 3 cucchiai), 25 g di burro a pezzettini e gli altri ingredienti a piacere.

Per dare la forma allo strudel, alzare il canovaccio da uno dei due lati corti e arrotolare l’impasto su se stesso (7) affinché il lato aperto rimanga sotto. Chiudere delicatamente i lati esterni per evitare la fuoriuscita delle mele (8). Trasferire lo strudel sulla teglia rivestita da carta da forno (o imburrata) aiutandosi con il canovaccio, sfilandolo da sotto (9).

A questo punto abbiamo preparato uno strudel, riprendere l’altra palla d’impasto dal frigorifero e ripetere i vari passaggi.

Accendere il forno statico a 180°, raggiunta la temperatura infornare per circa 50 – 60 minuti.

A metà cottura, se gli strudel hanno rilasciato del liquido, usarlo per spennellarne la superficie, in alternativa sciogliere un po’ di zucchero in ½ bicchiere di latte. Ripetere l’operazione 2 – 3 volte prima della fine della cottura.

Servire

Consiglio di servire lo strudel di mele tiepido. D’inverno con della panna montata e d’estate accompagnato da una pallina di gelato alla vaniglia.

Versione ancora più light - leggera

Se siete a dieta, potete fare il ripieno dello strudel di sole mele, senza burro, senza zucchero…

CONSERVAZIONE

Conservare a temperatura ambiente o in frigorifero, per massimo 2 – 3 giorni.

.

Per restare informato sulle ultime ricette di ORTAGGI che PASSIONE seguimi su FACEBOOK o su INSTAGRAM o su TWITTER.

Copyright © Ortaggi che passione by Sara

Precedente Peperoni al forno, ricetta vegana Successivo Spezzatino senza soffritto

6 commenti su “Strudel di mele trentino, ricetta light – leggera

  1. Ecco questo è proprio lo strudel trentino, semplice con la pasta matta tirata sottilissima che serve solo a racchiudere il gustosissimo ripieno
    Grazie è proprio come quello che faccio io a casa e che è sempre apprezzatissimo nella sua semplicità
    Ciao Manu

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.